29 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2015, 00.00

    IRAQ

    Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"



    Originario di Karamles, all'arrivo dello Stato islamico il giovane fuggito con la famiglia. Ora è ospite di un campo profughi, dove promuove attività per i bambini. In molti, anche fra amici e conoscenti, sono emigrati all'estero; ma "le nostre radici, la nostra vita, il nostro futuro sono in Iraq".

    Erbil (AsiaNews) - "Speriamo di tornare a Karamles, di rientrare nelle nostre case, riprendere la nostra vita"; anche se molti hanno scelto di fuggire per le persecuzioni, "non possiamo andarcene, non possiamo abbandonare l'Iraq: qui sono le nostre radici". È quanto afferma ad AsiaNews Rami Sadik (nella foto), giovane studente cristiano originario di Karamles, una delle città che con Mosul è caduta nelle mani delle milizie dello Stato islamico. Studente della facoltà di Scienze motorie, oggi è fra quanti vivono nel campo profughi "Gli occhi di Erbil" (Ayun Erbil), nel quartiere cristiano di Ankawa, nella zona nord della capitale curda.

    La scorsa estate Rami, 22 anni, assieme a familiari e amici ha abbandonato in tutta fretta la propria casa per sfuggire al gruppo islamista che ha conquistato  parti dell'Iraq e della Siria. Egli non ha perso la speranza di poter tornare nella propria terra, perché è convinto che solo grazie alla minoranza cristiana l'Iraq potrà avere un futuro di pace e convivenza. Intanto, nel centro di accoglienza, egli promuove momenti di gioco e di educazione per I bambini dei profughi.

    Ecco, di seguito, l'intervista ad AsiaNews:

    Rami, come giudichi la situazione attuale e quale futuro immagini per la vostra comunità?
    Mi auguro che la nostra zona sia liberata dalla presenza delle milizie dello Stato islamico e resa sicura dai Peshmerga, così che potremo rientrare nelle nostre case. Le nostre radici sono qui, in Iraq. Noi speriamo davvero di tornare a Karamles, perché non abbiamo alcuna intenzione di abbandonare il Paese. Rientrare nelle nostre case, riprendere la nostra vita... ecco qual è la soluzione migliore per tutti noi!

    Restano i problemi irrisolti, che gettano un'ombra sul futuro, a partire da scuola e lavoro.
    Sì, qui in Kurdistan dobbiamo comunque affrontare molte difficoltà, come il fatto di non poter proseguire il percorso di studi, frequentare le lezioni. I corsi sono diversi rispetto ai nostri, diversa è la lingua e questa non è certo una buona prospettiva. Anche questo è uno dei motivi per i quali speriamo davvero di poter tornare nella nostra terra. Noi non vogliamo restare qui!

    Quante persone la pensano come te?
    Conosco diverse persone - anche molto vicine - che se ne sono andate. In molti hanno voluto abbandonare l'Iraq, perché non sono riusciti a intravedere un futuro, una soluzione ragionevole che li spingesse a tornare indietro. Hanno preferito andarsene. Fra questi vi sono anche miei amici che sono partiti alla volta della Giordania, del Libano, della Turchia, pensando di trovare sollievo alle loro sofferenze.

    L'Iraq sembra destinato a svuotarsi e la popolazione cristiana a scomparire.
    Questo è il punto: giorno dopo giorno la gente non ce la fa più a sostenere una situazione simile. Non vuole più rimanere in mezzo a queste sofferenze e allora decide di partire. Ogni giorno che passa perdiamo un amico, un parente che se ne va. Questo fenomeno, questo esodo riguarda soprattutto i cristiani d'Iraq. La nostra gente diventa ogni giorno più  sfiduciata.

    Il ritorno a Karamles sarebbe invece fonte di speranza?
    Esatto, questo è ciò che è meglio per noi! Tutte le famiglie di questo centro sperano di poter tornare a casa, a Karamles, perché è lì che abbiamo le nostre radici, lì è la nostra vita, il nostro futuro. Non possiamo andarcene, non possiamo abbandonare l'Iraq. (BC-DS)

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/04/2016 10:24:00 IRAQ
    Pasqua fra i profughi di Mosul (fotogallery)


    02/09/2014 IRAQ
    Non si converte all’islam: cristiano irakeno torturato e ucciso da miliziani dello Stato islamico
    Da oltre tre settimane Salem Matti Kourk era barricato in casa per sfuggire agli islamisti. Terminate le scorte, egli è uscito in cerca di cibo ed è stato fermato, picchiato a morte e abbandonato in strada. Per il Patriarcato caldeo è "un altro martire, vittima della follia estremista". Nella capitale un’autobomba uccide un giovane studente della comunità siro-cattolica.

    20/11/2014 AUSTRIA - IRAQ
    Patriarca di Baghdad ai leader musulmani: Troppi silenzi sullo Stato islamico, un nazismo in nome dell'islam
    Intervenendo a una conferenza interreligiosa promossa da un istituto saudita, Mar Sako descrive un Medio oriente “ferito”. Prioritario liberare Mosul e la piana di Ninive per consentire il rientro degli sfollati, cristiani e non, costretti a sopravvivere in condizioni drammatiche. Il silenzio dei leader musulmani alimenta le violenze jihadiste, serve una netta condanna.

    15/01/2015 IRAQ
    Alqosh: una Chiesa di frontiera, più forte della minaccia dello Stato islamico
    P. Joseph, superiore generale “pro tempore” del monastero di Nostra Signora delle Messi, racconta la vita di una comunità cristiana “di frontiera”. La cittadina ha accolto un centinaio di profughi; ogni giorno si combatte contro “la paura” di un attacco del Califfato. Nel presepe le foto di mons. Rahho e p. Ganni, per ricordare il loro “martirio”. Ma la volontà è quella di restare.

    12/01/2015 IRAQ
    Sacerdote irakeno: Lo Stato islamico ha distrutto la fiducia dei cristiani nei musulmani
    P. Youhanna Issa lavora con centinaia di profughi fuggiti da Mosul e accolti ad Aqra. L’inverno acuisce l’emergenza, fra case fatiscenti e mancanza di cibo. L’incertezza sul futuro alimenta il desiderio di espatriare. Furti, ruberie e violenze hanno minato i rapporti coi musulmani. L’opera “fondamentale” della Chiesa, per una crisi “destinata a durare”.



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®