26 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/08/2014, 00.00

    SRI LANKA

    Rifugiato pakistano: Non deportateci, se torniamo a casa saremo uccisi

    Melani Manel Perera

    Un pastore protestante lancia un appello a nome di decine di stranieri che chiedono asilo politico in Sri Lanka. Il governo ha avviato le espulsioni, contravvenendo anche alle richieste dell'Agenzia Onu per i rifugiati. Almeno 84 pakistani, 71 afghani e 2 iraniani saranno deportati.

    Colombo (AsiaNews) - "Non abbiamo intenzione di restare in Sri Lanka, non siamo venuti qui per viverci. Abbiamo bisogno di una base per poter ricominciare altrove. Non possiamo più vivere in Pakistan: se torniamo indietro, saremo uccisi. Le nostre vite non sono più al sicuro nel nostro Paese". Attraverso AsiaNews, un pastore protestante pakistano della chiesa Save the Lord's Sheeps lancia l'appello, affinché il governo dello Sri Lanka blocchi una volta per tutte le deportazioni di decine di pakistani e afghani richiedenti asilo politico.

    Dal 1mo agosto scorso, il Dipartimento per l'Immigrazione e l'emigrazione ha avviato l'espulsione di cittadini stranieri. Fino ad oggi 88 pakistani sono stati deportati. All'inizio solo gli uomini venivano espulsi, ma negli ultimi giorni intere famiglie sono state riportate in Pakistan. L'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) ha chiesto al governo di fermare le espulsioni, ricordando che i membri delle minoranze religiose in Pakistan possono necessitare di protezione internazionale.

    Nel corso dei mesi le autorità srilankesi hanno rintracciato e arrestato i richiedenti asilo, rinchiudendoli in campi profughi. Secondo dati dell'ufficio locale dell'Agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr), almeno 157 richiedenti asilo - tra cui 84 pakistani, 71 afghani e 2 iraniani - si trovano in stato di detenzione.

    Uno di questi campi profughi si trova a Boossa. "Siamo cristiani e siamo arrivati qui lo scorso febbraio - spiega il reverendo pakistano - sistemandoci nell'area di Moratuwa. Eravamo in 26, ma adesso molti uomini sono stati portati nel campo di Bossa".

    Una signora pakistana, il cui marito e i tre figli (di 21, 20 e 18 anni) sono detenuti nel campo, racconta ad AsiaNews: "Ci dicevano che era un posto tranquillo, ma lì dentro avvengono torture e aggressioni, in particolare nei confronti degli uomini". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/08/2014 SRI LANKA
    Sri Lanka, Onu contro il governo: Basta espellere i rifugiati di Pakistan e Afghanistan
    Le autorità giustificano le deportazioni con l'aumento del numero dei rifugiati. Molti di loro sono cristiani e musulmani (sciiti e sunniti) in fuga perché minacciati da estremisti religiosi. Attivista cristiano per i diritti umani: "Affrontiamo la questione con un senso di fratellanza, siamo tutti esseri umani".

    13/10/2016 11:39:00 AFGHANISTAN
    UE: rifugiati afghani via dall’Europa. Sacerdote: un controsenso

    Insieme a Pakistan e Iran l’Ue sta discutendo un piano per rimpatriare circa 3 milioni di afghani verso un Paese di fatto ancora in guerra.



    21/06/2013 AFGHANISTAN
    Un quarto dei profughi di tutto il mondo scappa dall'Afghanistan
    Da 32 anni il Paese è al primo posto nell'annuale lista dell'Alto commissariato Onu per i rifugiati. Nel 2012 gli afghani rifugiati erano almeno 2,6 milioni. A pochi mesi dal ritiro delle truppe Nato l'Afghanistan soffre ancora per attentati, insicurezza, disoccupazione, fame e povertà. Morta Barbara de Anna, l'operatrice umanitaria italiana, ferita nell'attentato terrorista avvenuto lo scorso 27 maggio a Kabul.

    04/01/2013 SRI LANKA
    Onu, rifugiati politici: in migliaia fuggono dallo Sri Lanka
    Lo rivela l’Alto commissariato per i rifugiati. Diminuiscono i srilankesi che tornano in modo spontaneo nell’isola. La prima destinazione è l’India, in particolare lo Stato del Tamil Nadu. Per chi rientra, aumentano i controlli di polizia ed esercito.

    07/01/2008 VATICANO
    Papa: restano “fragili” la sicurezza e la stabilità del mondo
    Molte le preoccupazioni per il continente asiatico nel discorso di Benedetto XVI agli ambasciatori: dal Medio Oriente al Myanmar, dal Pakistan allo Sri Lanka. La pace esige il rispetto della libertà dell’uomo e dei suoi diritti, fondati nella legge naturale, a partire da quelli alla vita ed alla libertà religiosa. L’auspicio che la moratoria sulla pena di morte “stimoli il dibattito pubblico sul carattere sacro della vita umana”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®