18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/01/2017, 12.10

    CINA

    Rilasciato Zhang Kai, avvocato cristiano per i diritti umani



    L’appello online della madre ha smosso la comunità virtuale. Interrogata dalle autorità anche la sorella. Il capo della solidarietà cristiana mondiale Mervyn Thomas ha espresso preoccupazione per la salute degli avvocati e dei leader cristiani imprigionati.

     

    Pechino (AsiaNews) – Le autorità cinesi hanno rilasciato l’avvocato cristiano per i diritti umani Zhang Kai dopo l’appello lanciato in rete da sua madre a far luce sul suo caso.

    Zhang è sparito per due giorni dopo essere stato convocato alla stazione di polizia cinese il 27 dicembre 2016. Sua sorella Zhang Yan, ha affermato che l’avvocato Kai è stato convocato perché era già stato detenuto per aver difeso delle chiese dalla repressione appoggiata dal governo.

    Quando la madre ha pubblicato la notizia della scomparsa, la comunità virtuale ha divulgato la sua storia e alcuni hanno iniziato ad avanzare l’idea che l’avvocato potesse essere incolpato per crimini mai commessi.

    Zhang Yan  ha anche rivelato che alcuni funzionari dell’Ufficio municipale di pubblica sicurezza di Pechino sono andati a trovarla sul suo posto di lavoro, chiedendo di poter parlare con lei. “I funzionari – ha affermato Yan – hanno chiesto al capo della mia unità lavorativa di poter parlare con me. Ma io mi sono rifiutata e di sicuro non avrei collaborato con loro che mi videoregistravano. Gli ho detto che non avrei detto una sola parola davanti alla videocamera, e loro l’hanno messa via”

    Il capo della solidarietà cristiana mondiale Mervyn Thomas ha espresso preoccupazione per la salute degli avvocati e dei leader cristiani imprigionati. Egli ha anche spinto il governo ad assicurare che stiano bene e che i loro diritti siano rispettati anche durante la detenzione.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/04/2010 CINA
    Avvocati per i diritti umani manifestano a Pechino contro le ingiustizie
    Due avvocati rischiano la revoca permanente della loro licenza perché hanno difeso attivisti, prigionieri politici e membri del Falun Gong. La polizia ha messo agli arresti domiciliari 8 attivisti; 20 arrestati. Lo scorso anno altre 18 personalità legali hanno subito la revoca della licenza.

    04/09/2006 HONG KONG - CINA
    La moglie del giornalista di Hong Kong prigioniero in Cina combatterà per l'appello

     Mary Lau, moglie di Ching Cheong, chiede cure mediche per il marito anche in carcere: ha seri problemi cardiaci.Il giornalista, condannato a cinque anni di carcere dopo un processo senza prove, passerà il suo tempo a studiare.



    29/05/2007 CINA
    Pena di morte per l’ex direttore dell’Amministrazione cibi e farmaci, condannato per corruzione
    Zheng Xiaoyu ha accettato tangenti in cambio dell’approvazione di centinaia di medicinali, potenzialmente mortali.

    03/01/2017 14:40:00 CINA
    “Abbiamo testimoni; abbiamo fede”: il nuovo anno degli avvocati cinesi per i diritti umani

    A causa di una demolizione forzata, il giovane Fan Huapei (范华培), del Zhengzhou ha ucciso tre persone prima di essere ferito a morte. Questo è il livello di disperazione provato da chi è stato all’università. La polizia lo ha ucciso nonostante potesse catturarlo vivo. Al suo funerale, le altre vittime che sono state ferite e umiliate nello stesso modo hanno avuto rispetto per lui. Questo dovrebbe far riflettere.



    29/11/2006 PAKISTAN
    Libera dopo 9 mesi Naseem Bibi, cristiana pakistana accusata di blasfemia
    La donna, 30 anni, è mentalmente disabile: è stata arrestata dopo la denuncia di ignoti, che l'avrebbero vista dissacrare un'immagine islamica. Si tratta del secondo rilascio di "blasfemi" in meno di un mese.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®