08/02/2008, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Rinascono i “parlamenti” maoisti, rottura con il governo

di Kalpit Parajuli
I comunisti, membri della coalizione di governo, infrangono l’accordo di pace dello scorso novembre e ridanno vita ai parlamenti locali, non statali, che serviranno per “gestire” le elezioni all’Assemblea costituente.
Kathmandu (AsiaNews) – La compagine maoista nepalese, che compone al 50 % la coalizione di governo, riporta in vigore i Parlamenti popolari locali, organismi di governo clandestino che facevano parte della loro strategia di guerriglia. La mossa rompe l’accordo di pace siglato dai 7 maggiori partiti politici lo scorso novembre, che aveva posto fine agli scontri interni ed aveva rovesciato la monarchia.
 
La decisione di riaprire i Parlamenti – ora chiamati Consigli rivoluzionari uniti del popolo – è stata presa ieri sera dal Comitato centrale maoista. I coordinatori del progetto sono il ministro dell’Informazione e quello per lo Sviluppo locale. La scelta dei due nomi sembra un ulteriore affronto agli accordi siglati con gli altri Partiti.
 
I Parlamenti locali hanno funzionato per oltre 10 anni come una sorta di “governo parallelo”: non riconoscendo la monarchia, i maoisti installavano queste formazioni non statali nei luoghi da essi controllati, dove agivano come organi legislativi ed esecutivi.
 
Baburam Bhattarai, leader comunista, dice: “Abbiamo deciso di riattivare questi organismi per continuare quel rapporto ideologico con la popolazione di tutto il Paese che è proprio del nostro Partito”. I Consigli, spiega, lavoreranno a livello locale per “gestire” le elezioni all’Assemblea costituente, che si dovrebbero tenere il prossimo marzo.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
I maoisti rompono il patto di unità nazionale
07/08/2007
Nepal: sì dei maoisti al tavolo delle trattative
06/05/2006
Elezioni in Nepal, sonora sconfitta per i maoisti. Vincono i democratici del Congress
21/11/2013
Elezioni, cristiani nepalesi rispondono con la preghiera agli attacchi maoisti
18/11/2013