6 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/07/2004
vaticano - israele
Riprendono (grazie agli USA) i negoziati con la Santa Sede

Gerusalemme (AsiaNews) - Attesa nella chiesa in Israele per l'annunciata ripresa dei negoziati fra la Santa Sede e lo stato d'Israele. La delegazione vaticana e quella israeliana si incontreranno lunedì mattina 5 luglio alle 9.

Israele ha disertato le trattative  il 28 agosto dello scorso anno. Secondo la stampa locale, il governo israeliano sarebbe pronto a tornare al tavolo delle trattative su richiesta esplicita dell'amministrazione Bush e di influenti membri cattolici del Congresso Usa che insistevano che Israele tenesse fede agli impegni presi in precedenza. A tema rimane il negoziare con la Santa Sede un accordo comprensivo (comprehensive agreement) su tutte le questioni pendenti con la Chiesa cattolica riguardo alle esenzioni fiscali, alla restituzione di alcune proprietà ecclesiastiche e alla partecipazione dello stato al finanziamento delle opere sociali della Chiesa, in favore della popolazione di Israele.

L'Accordo fondamentale tra la Santa Sede e lo Stato di Israele è stato firmato 10 anni fa. Grazie ad esso, la Santa Sede accettava la domanda israeliana di poter allacciare rapporti diplomatici. Tali rapporti dovevano portare a una serie di concordati che avrebbero assicurato la libertà e i diritti della Chiesa in territorio israeliano. Israele però non ha mai trasformato l'Accordo fondamentale in leggi. . Il 28 agosto 2003, senza alcuna spiegazione, Israele ha ritirato del tutto la propria delegazione dai negoziati, mentre erano in corso i lavori per raggiungere l' accordo sulla salvaguardia delle proprietà ecclesiastiche e sulle esenzioni fiscali.

Gli Stati Uniti hanno avuto una enorme funzione nell'insistere con la Santa Sede per l'apertura dei rapporti diplomatici. Negli ultimi mesi gli Stati Uniti hanno invece insistito con Israele per riprendere i negoziati.

Il 23 marzo scorso il presidente della commissione esteri della Camera dei Deputati Usa, Henry Hyde, un cattolico fervente e fra i più influenti politici del partito repubblicano (che attualmente detiene la maggioranza in tutte e due le camere del Congresso, oltre ad essere il partito dello stesso Bush) ha scritto ufficialmente al Segretario di Stato Powell per chiedere che gli Usa ottengano da Israele un ritorno al tavolo dei negoziati. Il passo è stato appoggiato anche da diverse organizzazioni ebraiche americane e circoli cattolici.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/10/2004 israele - vaticano
Ospedali cattolici e malati terminali braccati dal fisco israeliano
28/11/2006 ISRAELE - VATICANO
Israele annuncia la ripresa dei negoziati con la Santa Sede
di Arieh Cohen
03/09/2004 vaticano - israele
L'influenza degli USA nel dialogo Vaticano-Israele
21/04/2005 ISRAELE – VATICANO
Israele e Vaticano: "sostanziali" gli ultimi colloqui
11/01/2006 israele - vaticano
Nuovo incontro fra Israele e Santa Sede, nella crisi del dopo-Sharon
di Arieh Cohen

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate