Skin ADV
06 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/07/2004, 00.00

    vaticano - israele

    Riprendono (grazie agli USA) i negoziati con la Santa Sede



    Gerusalemme (AsiaNews) - Attesa nella chiesa in Israele per l'annunciata ripresa dei negoziati fra la Santa Sede e lo stato d'Israele. La delegazione vaticana e quella israeliana si incontreranno lunedì mattina 5 luglio alle 9.

    Israele ha disertato le trattative  il 28 agosto dello scorso anno. Secondo la stampa locale, il governo israeliano sarebbe pronto a tornare al tavolo delle trattative su richiesta esplicita dell'amministrazione Bush e di influenti membri cattolici del Congresso Usa che insistevano che Israele tenesse fede agli impegni presi in precedenza. A tema rimane il negoziare con la Santa Sede un accordo comprensivo (comprehensive agreement) su tutte le questioni pendenti con la Chiesa cattolica riguardo alle esenzioni fiscali, alla restituzione di alcune proprietà ecclesiastiche e alla partecipazione dello stato al finanziamento delle opere sociali della Chiesa, in favore della popolazione di Israele.

    L'Accordo fondamentale tra la Santa Sede e lo Stato di Israele è stato firmato 10 anni fa. Grazie ad esso, la Santa Sede accettava la domanda israeliana di poter allacciare rapporti diplomatici. Tali rapporti dovevano portare a una serie di concordati che avrebbero assicurato la libertà e i diritti della Chiesa in territorio israeliano. Israele però non ha mai trasformato l'Accordo fondamentale in leggi. . Il 28 agosto 2003, senza alcuna spiegazione, Israele ha ritirato del tutto la propria delegazione dai negoziati, mentre erano in corso i lavori per raggiungere l' accordo sulla salvaguardia delle proprietà ecclesiastiche e sulle esenzioni fiscali.

    Gli Stati Uniti hanno avuto una enorme funzione nell'insistere con la Santa Sede per l'apertura dei rapporti diplomatici. Negli ultimi mesi gli Stati Uniti hanno invece insistito con Israele per riprendere i negoziati.

    Il 23 marzo scorso il presidente della commissione esteri della Camera dei Deputati Usa, Henry Hyde, un cattolico fervente e fra i più influenti politici del partito repubblicano (che attualmente detiene la maggioranza in tutte e due le camere del Congresso, oltre ad essere il partito dello stesso Bush) ha scritto ufficialmente al Segretario di Stato Powell per chiedere che gli Usa ottengano da Israele un ritorno al tavolo dei negoziati. Il passo è stato appoggiato anche da diverse organizzazioni ebraiche americane e circoli cattolici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2004 israele - vaticano
    Ospedali cattolici e malati terminali braccati dal fisco israeliano

    Le autorità fiscali di Gerusalemme stanno intensificando una campagna di intimidazione contro gli ospedali cattolici, violando gli accordi fra la Santa Sede e Israele.



    28/11/2006 ISRAELE - VATICANO
    Israele annuncia la ripresa dei negoziati con la Santa Sede

    La visita, non annunciata in precedenza, di una delegazione israeliana alla Segreteria di Stato è segno di un nuovo clima positivo fra lo stato d'Israele e la Santa Sede.



    03/09/2004 vaticano - israele
    L'influenza degli USA nel dialogo Vaticano-Israele
    Un'intervista a p. David M. Jaeger su quello che il giornale israeliano Haaretz ha definito "un successo della diplomazia vaticana".

    21/04/2005 ISRAELE – VATICANO
    Israele e Vaticano: "sostanziali" gli ultimi colloqui


    11/01/2006 israele - vaticano
    Nuovo incontro fra Israele e Santa Sede, nella crisi del dopo-Sharon

    Le delegazioni continuano i lavori. Ma c'è preoccupazione per il futuro: Sharon era fra i più decisi sostenitori del dialogo.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®