07/03/2011, 00.00
EGITTO
Invia ad un amico

Rivoluzione dei Gelsomini, cresce il potere dei Fratelli musulmani

Fonti di AsiaNews vedono la mano degli estremisti islamici negli assalti lanciati in questi giorni contro caserme di polizia e uffici dei servizi segreti. Essi avrebbero bruciato documenti e fascicoli relativi alle loro attività e pilotato parte dell’informazione. Secondo altre fonti, gli estremisti restano una minoranza e fra la popolazione è alto l’interesse per il futuro del Paese. Preoccupa la totale mancanza di sicurezza.
Il Cairo (AsiaNews) – “I Fratelli musulmani stanno prendendo tutti i frutti della rivoluzione dei gelsomini, che invece era iniziata come una manifestazione genuina di tutti gli egiziani, cristiani e musulmani”. E’ quanto afferma una fonte di AsiaNews, anonima per motivi di sicurezza. La fonte sottolinea che  gruppi estremisti legati ai Fratelli musulmani hanno assaltato e bruciato tutti i centri di polizia e gli uffici dei servizi segreti, per distruggere le cartelle informative sulle loro attività. Ciò contraddice la versione data in questi giorni dai media internazionali, secondo cui i manifestanti avrebbero assaltato caserme e uffici per fermare la distruzione di documenti relativi a torture e persecuzioni dei dissidenti avvenuti durante il regime di Mubarak.

Secondo la fonte, la totale assenza di forze di sicurezza mette a rischio la vita di molti cristiani, come dimostra il recente assalto contro la comunità copta del villaggio di Soul, dove i musulmani hanno bruciato una chiesa e costretto alla fuga migliaia di persone.  

“L’occidente – afferma – deve mantenere l’attenzione sull’Egitto. L’intervento attivo di Europa e comunità internazionale, ad esempio nel riconoscere o meno un governo, potrà orientare in modo positivo i frutti della rivoluzione dei gelsomini”.   

Anche altre fonti ammettono che il futuro della rivoluzione è incerto. “Il Paese – dicono – resta immerso nel caos”, ma la vita è ripresa al Cairo e nelle principali città egiziane; scuole e uffici hanno ripreso la loro attività. Il problema più cocente è che “non vi è sicurezza e non si sa dove andrà il Paese”. In questa situazione "i Fratelli musulmani, molto organizzati, potrebbero sfruttare il clima di incertezza  per prendere il potere. Ma essi sono una minoranza e i giovani sono tuttora molto attivi nella società e desiderosi di trasformare il Paese in modo democratico".  (S.C.)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’Egitto verso la guerra civile. Un appello alla comunità internazionale
09/05/2011
L’esercito restaura la chiesa copta di Imbaba incendiata dai salafiti
27/05/2011
I Fratelli musulmani, un pericolo maggiore di Bin Laden
05/05/2011
Egitto, l’inquietante "no" dei militari a osservatori internazionali durante le elezioni
21/07/2011
Egitto, ancora scontri fra polizia e manifestanti: 12 morti e quasi 500 feriti
26/01/2013