27 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/01/2016, 00.00

    ARABIA SAUDITA-IRAN

    Riyadh, giustiziati 47 “terroristi”, fra cui il dignitario sciita Nimr al-Nimr



    Sono le prime esecuzioni del nuovo anno. Lo scorso anno ve ne sono state più di 150. Sheikh Nimr criticava l’emarginazione della comunità sciita ella società saudita (sunnita). Le minacce dell’Iran.

    Riyadh (AsiaNews) – L’Arabia saudita ha iniziato l’anno nuovo con l’esecuzione della condanna a morte di 47 persone accusate di “terrorismo”. Fra questi vi è pure il dignitario sciita Sheikh Nimr al-Nimr, figura importante di contestazione contro il regime saudita.

    L’annuncio delle esecuzioni è stato dato dal ministero degli interni. Subito dopo l’esecuzione, alla tivu è apparso il gran Mufti del paese, Sheikh Abdulaziz Al Al-Sheikh, che ha assicurato che le esecuzioni erano “giuste”.

    Fra gli uccisi, 45 erano sauditi, uno era ciadiano e un altro egiziano. La personalità più in vista fra i giustiziati è Nimr al-Nimr, già sostenitore della brevissima “primavera araba” scoppiata nella regione orientale del regno saudita, e sedata nel sangue. La regione è a maggioranza sciita; da tempo gli sciiti lamentano di essere emarginati dal punto di vista politico ed economico.

    Il suo arresto è avvenuto due anni fa; la sua condanna a morte lo scorso ottobre.

    Egli era accusato di “rapporti con gli stranieri”, di disobbedienza al governo e di aver imbracciato le armi contro le forze di sicurezza. I suoi sostenitori affermano invece che Nimr al-Nimr ha sempre sostenuto solo manifestazioni pacifiche.

    L’Iran, principale rivale dell’Arabia saudita nella regione, aveva già avvertito Riyadh che l’esecuzione di Sheikh Nimr sarebbe “costata molto cara” ai sauditi.

    Quelle pubblicizzate oggi sono le prime esecuzioni del 2016. Lo scorso anno l’Arabia saudita ha eseguito più di 150 condanne a morte.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2014 IRAN-A. SAUDITA
    Riyadh e Teheran favorevoli a un dialogo per risolvere i "problemi regionali"
    Entrambi i Paesi aprono a possibili negoziati, dopo decenni di conflitti e inimicizie. Le guerre nella regione stanno prosciugando le riserve dei Paesi del Golfo nella loro corsa agli armamenti.

    28/07/2012 ARABIA SAUDITA
    Feriti e arresti fra i manifestanti sciiti in piazza contro il regime saudita
    La protesta a Qatif, nella Provincia Orientale, area ricca di petrolio dove è concentrata la minoranza musulmana. Tra i fermati vi sarebbe anche Mohammed al-Shakouri, da tempo nel mirino delle autorità. L’Arabia Saudita sostiene la rivolta contro il presidente siriano Assad, ma reprime nel sangue il dissenso interno.

    02/10/2015 BAHRAIN-IRAN
    Il Bahrain richiama il suo ambasciatore dall’Iran ed espelle il rappresentante di Teheran
    L’Iran è accusato di “sedizione confessionale” e di “interferenza negli affari interni”. Ma la popolazione (a maggioranza sciita) chiede più diritti e maggiore giustizia sociale. La “primavera araba” nel 2011 è stata soppressa con truppe saudite. Scoperto un deposito di armi e munizioni.

    11/01/2016 MEDIO ORIENTE
    La Lega araba condanna l’Iran per l’assalto all’ambasciata saudita
    Ieri vertice di emergenza chiesto da Riyadh. La maggior parte dei Paesi membri ha votato a favore della condanna, con l’eccezione di Libano e Siria (sospesa dal gruppo). Allo studio eventuali rappresaglie per il futuro. Teheran respinge le accuse e ribadisce: "Nessun coinvolgimento nelle violenze".

    28/03/2015 EGITTO-M.ORIENTE
    Una forza militare araba per combattere gli sciiti e (forse) lo Stato islamico
    I Paesi della Lega araba hanno pronta la bozza per varare una coalizione armata che intervenga nelle situazioni di tensione del mondo arabo. Un fatto giudicato “storico”, che mette da parte le passate coalizioni, sempre guidate dall’occidente. La lotta contro gli islamisti e perfino il problema israelo-palestinese sono messi al secondo posto; al primo è il contenere l’influenza dell’Iran. Confessionalizzando gli impegni militari si dà maggior respiro allo Stato islamico e si affondano le richieste sociali e politiche delle primavere arabe.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®