27 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/10/2016, 08.58

    YEMEN - A. SAUDITA

    Riyadh accusa gli Houthi di violazioni al cessate il fuoco in Yemen



    I ribelli sciiti avrebbero compiuto “almeno 43” violazioni alla tregua in vigore da ieri. Replica Houthi: un raid aereo saudita a Saada ha ucciso tre civili. Nonostante le violenze la diplomazia Onu spera in un prolungamento del cessate il fuoco. L’80% della popolazione necessita di aiuti umanitari. 

     

    Sana’a (AsiaNews/Agenzie) - La coalizione araba a guida saudita che sostiene in governo yemenita contro le milizie ribelli che hanno occupato la capitale e altre aree del Paese, accusa gli Houthi aver violato a più riprese la fragile tregua in vigore dalla mezzanotte di ieri. In un comunicato ufficiale la coalizione afferma - anche se non vi sono conferme indipendenti - che i ribelli hanno interrotto in almeno 40 occasioni il cessate il fuoco voluto con forza dall’Onu, con lancio di razzi e bombe lungo il confine con l’Arabia Saudita. 

    All’accusa dei sauditi replicano i vertici delle milizie ribelli, secondo i quali la coalizione araba avrebbe compiuto in queste ore almeno un raid aereo nei territori controllati dagli Houthi, uccidendo tre civili. Le bombe saudite hanno colpito la provincia di Saada. 

    Nonostante ciò i vertici delle Nazioni Unite continuano a sperare in un prolungamento del cessate il fuoco e nella ripresa dei colloqui di pace. 

    Nel comunicato i vertici sauditi - responsabili di recente di un raid aereo contro una veglia funebre in cui sono morte oltre 140 persone, in larga maggioranza civili - denunciano il lancio di razzi da parte degli Houthi contro le cittadine di  Jazan e Najra, oltreconfine. “Sono almeno 43 le violazioni commesse lungo la frontiera” aggiunge la nota, durante le quali sono stati utilizzati “cecchini e altre armi di varia natura, fra cui missili”. 

    In passato per cinque volte la diplomazia internazionale ha mediato per il raggiungimento di una tregua nei combattimenti, senza successo, e anche questa volta il rischio di un fallimento è concreto. 

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime che hanno provocato, anche bambini.

    Ad oggi sono morte circa 7mila persone, di cui circa 4125 civili; almeno tre milioni gli sfollati del conflitto. 

    La guerra e il blocco imposto dalla coalizione araba a guida saudita hanno infine innescato una catastrofe umanitaria, con milioni di persone a rischio fame. Secondo gli ultimi dati, circa l’80% della popolazione necessita di aiuti umanitari per sopravvivere.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/10/2016 11:35:00 YEMEN - ONU
    Conflitto in Yemen: l’Onu annuncia un cessate il fuoco di 72 ore

    L’inizio della tregua previsto alle 23.50 del 19 ottobre. In caso di tenuta possibile un “rinnovo” ulteriore nei giorni successivi. Le parti coinvolte nella guerra hanno assicurato il rispetto dell’accordo. L’obiettivo è scongiurare “ulteriori bagni di sangue” e favorire “la consegna di aiuti umanitari”. 

     



    16/09/2016 08:58:00 YEMEN
    Decine di vittime negli scontri fra forze governative e Houthi nel sud dello Yemen

    Nella battaglia di Taiz sono morti almeno 23 ribelli sciiti, 13 le vittime fra i soldati regolari. Gli Houthi conquistano un avamposto saudita nella regione di confine di Jizan. Si combatte anche nell’area montagnosa di Kahbub, che domina l’ingresso nel mar Rosso. Dopo aver perso quattro soldati, il Qatar ha inviato almeno uomini e mezzi per rafforzare la presenza sul terreno.



    30/08/2016 08:58:00 YEMEN
    Aden, kamikaze dello Stato islamico contro reclute dell’esercito: 71 morti e 98 feriti

    L’attacco jihadista ha colpito un centro di addestramento per nuovi soldati. Le autorità yemenite parlano di “massacro” con “il più alto numero di vittime” mai registrato. Analisti ed esperti sottolineano che l’attentato mostra le difficoltà del governo a ristabilire la sicurezza. Governo e ribelli pronti a una nuova iniziativa di pace. 



    13/10/2016 08:59:00 YEMEN - A. SAUDITA - USA
    Gli Stati Uniti colpiscono postazioni radar dei ribelli Houthi in Yemen

    L’attacco è una risposta al lancio di missili contro un cacciatorpediniere Usa. I razzi sarebbero partiti dai territori controllati dai ribelli. Portavoce del Pentagono: Azioni “di carattere difensivo” per proteggere gli interessi marittimi americani. Leader Houthi smentisce: Nessun attacco verso navi da guerra. 

     



    05/10/2016 08:54:00 YEMEN - A. SAUDITA - ONU
    Onu: “Devastante” la condizione dei bambini vittime della guerra in Yemen

    Necessità “di larga scala” e situazioni di “estremo bisogno”. Almeno 1,5 milioni di bambini soffrono di malnutrizione, di cui 370mila in condizioni critiche. Rachitismo per metà dei bambini sotto i cinque anni. Il blocco navale imposto dai sauditi acuisce l’emergenza. 

     





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®