27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/03/2015, 00.00

    YEMEN

    Raid aerei di Riyadh e monarchie del Golfo contro i ribelli Houthi

    Paul Dakiki

    L’operazione “Tempesta di fermezza” è iniziata oggi. Colpite Sana’a e il suo aeroporto internazionale. L’aeroporto di Aden è stato “liberato”. Unità dell’esercito si sono unite ai ribelli Houthi. Una guerra fra sunniti e sciiti, fra Arabia saudita e Iran.

    Beirut (AsiaNews) – L’Arabia saudita e le monarchie del Golfo hanno lanciato una serie di raid aerei contro i ribelli Houthi per salvare il presidente Abedrabbo Mansour Hadi. L’ambasciatore saudita negli Usa, Adel al-Jubeir, ha dichiarato che Riyadh agisce per “difendere il governo legittimo” di Hadi. Insieme all’Arabia saudita vi sono Qatar, Kuwait, Bahrain e gli Emirati. Altri Paesi, quali Egitto, Pakistan, Giordania, Marocco e Sudan Hanno “espresso il desiderio di partecipare all’operazione” contro i ribelli, che il regno saudita ha soprannominato “Tempesta di fermezza”.

    Fonti militari affermano che i raid – iniziati alle prime ore del giorno - hanno colpito le posizioni Houthi in diverse località a Sana’a, fra cui delle basi aeree, l’aeroporto internazionale e il complesso presidenziale occupato dagli Houthi lo scorso gennaio.

    I raid hanno colpito anche la base di Al-Anand, nel sud vicino ad Aden, conquistata ieri dai ribelli. Riyad Yassin, che agisce come ministro degli esteri del governo deposto, ha minacciato i ribelli dal conquistare Aden la seconda città del Paese, ciò che darebbe “il via alla guerra civile”.

    Le forze Houthi sono comandate dal figlio dell’ex presidente Ali Abdullah Saleh, deposto nel 2011, e si sono alleate con alcune unità dell’esercito. Ieri esse hanno conquistato l’aeroporto internazionale di Aden, ma oggi l’Arabia saudita ha affermato di averlo “liberato”.

    Il presidente Hadi, fuggito il mese scorso da Sana’a ad Aden, si trova ora in una località sconosciuta. Alcuni pensano che sia fuggito all’estero, anche se queste voci sono smentite ufficialmente.

    Lo Yemen è in preda a insicurezza e scontri da quando, lo scorso 22 gennaio, gli Houthi hanno occupato il complesso presidenziale a Sana’a, facendo fuggire governo e presidente.

    Gli Houthi sono un gruppo politico all'interno degli Zaidi sciiti originario del nord dello Yemen; dal 2004 chiedono maggiori diritti e promuovono attacchi contro il potere centrale e le milizie filo-governative sunnite.

    Le tensioni in Yemen sono viste da tutti gli osservatori come una guerra fra sunniti e sciiti, fra Arabia saudita – che appoggia Hadi – e Iran, che appoggia gli Houthi. Ma più che l’elemento religioso, è l’elemento politico e di potere a prevalere. Ad accrescere le violenze, sono presenti nel Paese gruppi che si rifanno ad Al Qaeda e membri dello Stato islamico, che combattono il governo sunnita e i ribelli Houthi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/04/2015 YEMEN-M.ORIENTE
    Sale il numero di morti in Yemen. Al Qaeda promette oro a chi uccide i capi sciiti
    Dall’inizio del conflitto vi sono più di 600 morti e oltre 2200 feriti. Mancano elettricità, acqua e medicinali. Uccisi in servizio personale paramedico delle ambulanze. Islamisti afghani pronti a invadere lo Yemen con “migliaia” di combattenti.

    07/07/2015 YEMEN - ARABIA SAUDITA - ONU
    Raid sauditi in Yemen, oltre cento morti. L’Onu chiede una tregua umanitaria
    Negli attacchi degli ultimi tre giorni centrati anche mercati ed esercizi pubblici. L’inviato delle Nazioni Unite lavora per raggiungere il cessate il fuoco e permettere la distribuzione di aiuti. Medici senza frontiere parla di centinaia di civili colpiti. Oltre 3mila le vittime dall’inizio degli attacchi della coalizione guidata da Riyadh.

    04/01/2016 A.SAUDITA - IRAN
    Riyadh rompe i rapporti diplomatici con Teheran
    L’annuncio è stato dato ieri sera, dopo che manifestanti iraniani hanno assaltato l’ambasciata di Riyadh a Teheran e il consolato di Mashad. Khamenei chiede la “vendetta divina”; Rouhani condanna l’assalto all’ambasciata saudita come “azione illegale” e “ingiustificata”. Manifestazioni anti-saudite anche in Libano, Siria, Iraq, Iran, Pakistan e Kashmir indiano. L’irrigidimento della politica saudita.

    30/06/2015 YEMEN - ISLAM
    Lo Stato islamico attacca leader Houthi in Yemen: 28 morti, anche otto donne
    Nel mirino i fratelli Faycal e Hamid Jayache, due capi della fazione sciita ribelle yemenita. I due stavano partecipando a una funzione in memoria di un parente deceduto. Gli Houthi hanno circondato l’area, accesso consentito solo alle auto mediche. Con un post in rete il movimento jihadista rivendica l’attacco contro il “nido sciita” a Sanaa.

    03/09/2015 YEMEN
    Sanaa: lo Stato islamico colpisce una moschea Houthi, 28 morti e decine di feriti
    Il gruppo jihadista ha rivendicato il doppio attacco al luogo di culto della minoranza sciita. Prima un attentatore suicida, poi un’autobomba hanno fatto strage di civili. In due mesi è il quinto attacco a una moschea della capitale yemenita. Nei giorni scorsi uccisi due operatori della Croce rossa internazionale.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®