26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/06/2016, 08.51

    ONU - YEMEN - A. SAUDITA

    Onu: i bombardamenti sauditi in Yemen hanno ucciso centinaia di bambini



    La coalizione araba a guida saudita che combatte nel Paese è stata inserita nella lista nera dei Paesi che violano i diritti dell’infanzia. Secondo le Nazioni Unite in Yemen sono morti 785 bambini nel conflitto, il 60% a causa dei raid aerei di Riyadh. I ribelli Houthi hanno reclutato il 72% dei 762 bambini soldato. 

    Sanaa (AsiaNews/Agenzie) - La coalizione araba a guida saudita è stata inserita nella lista nera Onu delle nazioni che violano i diritti dell’infanzia. È quanto ha annunciato ieri il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, che accusa Riyadh - e i suoi alleati - per la morte di centinaia di minori. I ribelli sciiti, che controllano la capitale yemenita Sanaa, sono anch’essi responsabili di violenze, come emerge dal rapporto annuale Onu che racconta la sorte di bambini vittime di conflitti armati in 14 nazioni al mondo nel 2015. 

    Leila Zerrougui, rappresentante speciale Onu per l’infanzia e i conflitti armati, ha sottolineato che “in molti casi di conflitti, gli attacchi aerei hanno contributo a creare un ambiente complesso, in cui molti bambini sono stati uccisi o feriti”. La situazione in Yemen, ha aggiunto la funzionaria delle Nazioni Unite, si è rivelata “particolarmente preoccupante, con un numero quintuplicato di bambini reclutati [per partecipare ai combattimenti] e di sei volte per quanto concerne i bambini uccisi o feriti, rispetto al 2014”. 

    Secondo il rapporto Onu la coalizione a guida saudita impegnata nel conflitto è responsabile per il 60% dei 785 bambini uccisi e dei 1168 minori feriti nel 2015 in Yemen. Inoltre, su 762 casi di bambini soldato reclutati nei combattimenti, il 72% è da attribuire ai ribelli Houthi, il 15% alle forze governative e il 9% è opera di al Qaeda nella penisola araba (Aqpa). 

    Dal gennaio dello scorso anno la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita, sostenuta dall’Arabia Saudita, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel marzo 2015 i sauditi, a capo di una coalizione araba, hanno lanciato raid aerei contro i ribelli nel tentativo di liberare la capitale Sana’a e riconsegnare il Paese al presidente (prima in esilio, poi rientrato) Abdu Rabu Mansour Hadi.

    Per l’Arabia Saudita gli Houthi, alleati alle forze fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh, sono sostenuti sul piano militare dall’Iran; un’accusa che Teheran respinge. Nel Paese sono inoltre attivi gruppi estremisti legati ad al Qaeda e milizie jihadiste legate allo Stato islamico, che hanno contribuito ad aumentare la spirale di violenza e terrore.

    Secondo fonti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nella guerra sono morte almeno 6.400 persone; per le Nazioni Unite vi è il forte rischio di “catastrofe umanitaria” in Yemen.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/05/2016 11:19:00 ARABIA SAUDITA - YEMEN
    Conflitto in Yemen, Riyadh muove da dietro le quinte per un accordo con i ribelli Houthi

    La diplomazia “parallela” saudita, guidata dal vice-principe ereditario Moḥammad bin Salmān, media con il movimento sciita. Obiettivo della trattativa proteggere il territorio nazionale da possibili attacchi Houthi. Riyadh in cerca di impunità dopo aver promosso divisioni e violenze in Yemen.



    08/10/2015 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Yemen, raid aereo colpisce una festa di nozze: almeno 15 morti e 25 feriti
    Il raid è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri. Centrata una abitazione privata a Sanban, circa 100 km a sud-est di Sana’a, sotto il controllo dei ribelli Houthi. Riyadh non commenta, ma dietro l’attacco vi sarebbe la coalizione a guida saudita. Nel Paese è allarme umanitario: l’80% della popolazione è a rischio fame, almeno 2.300 le vittime civili.

    07/10/2015 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Nel pantano yemenita l’Arabia Saudita rischia di perdere finanze e prestigio militare
    I ribelli sciiti Houthi hanno accettato per iscritto il piano di pace Onu in sette punti. L’intesa prevede il cessate il fuoco e il ritiro delle truppe dalle città. La campagna militare di Arabia Saudita ed Emirati complica l’accordo. Sul fronte yemenita Riyadh si gioca prestigio e finanze. L’analisi di due esperti mediorientali, per gentile concessione di Jamestown Foundation.

    21/04/2016 08:50:00 YEMEN-ARABIA SAUDITA
    Kuwait, al via i dialoghi di pace yemeniti

    Dovevano avere luogo quattro giorni fa. Sono stati rimandati per la rottura della tregua. I dialoghi sono sponsorizzati dall’Onu. In oltre un anno di conflitto vi sono stati 6400 morti e quasi 3 milioni di sfollati. La presenza di Al Qaeda e Daesh “alleati” della coalizione saudita. Le suore di Madre Teresa e il rapimento di p. Tom Uzhunnalil.



    29/04/2016 08:53:00 KUWAIT - YEMEN
    Atmosfera positiva ma "nessun passo in avanti" nei colloqui di pace in Yemen

    L’inviato speciale Onu parla di clima cordiale nei colloqui, in corso a Kuwait City, ma aggiunge che nella prima settimana non si sono registrati sviluppi positivi. Restano le distanze fra le parti e non vi sono stati incontri faccia a faccia. Nel sud prosegue l’offensiva contro le milizie di al Qaeda. I jihadisti perdono il controllo di Al-Mukallā. 





    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®