12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/10/2017, 12.44

    UE - MYANMAR

    Rohingya, Bruxelles condanna l’esercito birmano e prepara sanzioni mirate



    La diplomazia europea esprime “grande preoccupazione” anche per le minoranze Kachin e Shan. Confermato il sostegno dei 28 Stati membri dell’Unione all’embargo ad armi ed equipaggiamenti. Bruxelles riconosce la poca influenza di Aung San Suu Kyi sul potente Tatmadaw.

    Bruxelles (AsiaNews/Agenzie) – L’Unione europea (Ue) propone di ridurre i contatti con le gerarchie militari birmane, in risposta alla contro-offensiva in Rakhine che ha costretto alla fuga oltre 500mila musulmani Rohingya. È quanto riferisce l’agenzia Reuters, citando la bozza di un documento che dovrebbe esser reso pubblico dai ministri degli Esteri europei il prossimo 16 ottobre, al termine degli incontri sulla crisi in Myanmar.

    Gli Usa e l’Ue stanno prendendo in considerazione sanzioni mirate contro i leader militari birmani, sebbene il blocco europeo ritenga le proprie opzioni alquanto limitate, per mancanza di influenza e leva diretta sul terreno. Secondo Reuters, il progetto di dichiarazione congiunta conferma il sostegno dei 28 Stati membri dell’Unione all’embargo, già disposto da Bruxelles, verso armi ed equipaggiamenti “che possono essere utilizzati per la repressione interna”.

    Il documento ribadisce l’invito al governo birmano per il rimpatrio dei profughi, fuggiti nel confinante Bangladesh, ed esprime apprezzamento per il ruolo svolto da Dhaka nell’affrontare la crisi umanitaria. La situazione in Rakhine viene definita “estremamente seria” e, per la prima volta dall’inizio dell’ultimo conflitto, la diplomazia europea esprime “grande preoccupazione” anche per la situazione delle minoranze etniche Kachin e Shan, a forte presenza cristiana.

    Analisti affermano che con tale dichiarazione Bruxelles riconosce la poca influenza che la leader democratica birmana Aung San Suu Kyi può esercitare sul potente esercito birmano. La mossa di punire i vertici militari sarebbe simbolica, poiché l’Occidente non intende danneggiare l’economia del Paese o destabilizzare i già tesi rapporti tra la Signora ed i generali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/11/2017 09:09:00 MYANMAR
    Vertice Asean, crisi Rohingya: Aung San Suu Kyi a colloquio con Onu e Usa

    Washington, cauta nelle sue dichiarazioni, evita critiche aperte alla Signora. L’esercito birmano dispone la rimozione del generale a capo delle truppe in Rakhine. Domani la visita del segretario di Stato Usa in Myanmar.



    15/11/2017 14:02:00 MYANMAR-USA
    Segretario di Stato Usa: ‘Inutili le sanzioni contro il Myanmar’

    Washington cauta: distinguere tra l’amministrazione civile ed i vertici militari. Gli Usa forniranno altri 40milioni di euro in aiuti umanitari per i rifugiati. La Cina manifesta insofferenza per il coinvolgimento degli Usa negli affari militari del Myanmar. Aung San Suu Kyi risponde alle critiche.



    25/10/2017 13:04:00 MYANMAR-BANGLADESH
    Rohingya, sicurezza e cooperazione negli accordi tra Myanmar e Bangladesh

    I due Paesi hanno firmato ieri due memorandum di intesa. Fermare l’esodo, ripristinare la normalità nel Rakhine e discutere i piani per il rimpatrio di circa 600mila Rohingya. L’esercito del Myanmar difende il proprio operato in Rakhine. Gli Usa impongono nuove restrizioni.



    13/10/2017 13:26:00 MYANMAR
    Rohingya, Aung San Suu Kyi ed il card. Bo per l’unità e lo sviluppo del Rakhine

    Assistenza, rimpatrio e reinsediamento dei profughi gli obiettivi dell’ultima iniziativa del governo. Il card. Charles Maung Bo sostiene gli sforzi della leader democratica. Migliaia di persone alla manifestazione interreligiosa voluta dalla Signora.



    04/10/2017 11:53:00 MYANMAR
    Rakhine, diplomatici in visita: ‘Condanna per le violenze’, sostegno ad Aung San Suu Kyi

    La delegazione chiede il pieno accesso di media e organizzazioni umanitarie alle aree del conflitto e un’inchiesta condotta da esperti Onu sulle violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito. L’urgenza di attuare il rapporto di Kofi Annan.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®