15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/10/2017, 11.53

    MYANMAR

    Rakhine, diplomatici in visita: ‘Condanna per le violenze’, sostegno ad Aung San Suu Kyi



    La delegazione chiede il pieno accesso di media e organizzazioni umanitarie alle aree del conflitto e un’inchiesta condotta da esperti Onu sulle violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito. L’urgenza di attuare il rapporto di Kofi Annan.

    Yangon (AsiaNews) – “Ribadiamo la nostra condanna verso gli attacchi dei militanti Rohingya e la preoccupazione per le violenze ed i trasferimenti di massa che ne sono seguiti”. È quanto affermano in un comunicato congiunto i diplomatici che hanno visitato il nord del Rakhine, su invito del governo del Myanmar. La delegazione, cui hanno preso parte gli ambasciatori di Stati Uniti, Unione europea, Australia, Canada, Turchia, Indonesia e diversi altri Paesi del vecchio continente, ha visitato lo scorso 2 ottobre numerosi villaggi nei distretti di Maungdaw e Rathedaung (foto), epicentri delle violenze scoppiate lo scorso 25 agosto.

    I funzionari hanno sottolineato la necessità di un’inchiesta condotta da esperti delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani nella regione di cui è accusato l’esercito, esprimendo tuttavia apprezzamento per la posizione assunta dalla leader democratica birmana Aung San Suu Kyi. “Accogliamo con favore – si legge nella nota – l’impegno del consigliere di Stato per affrontare gli abusi in conformità con rigorose norme di giustizia. Invitiamo le autorità del Myanmar ad esaminare a fondo le accuse e portare a processo i responsabili… Apprezziamo la sua dichiarazione che le Forze di sicurezza sono state incaricate di rispettare con rigore un codice di condotta, di esercitare tutte le restrizioni necessarie e di adottare piene misure per evitare danni collaterali ed il ferimento di civili innocenti”.

    Dall’inizio degli scontri, la comunità internazionale ha esercitato forti pressioni su Aung San Suu Kyi per la condanna della campagna militare dell'esercito, arrivando anche a chiedere la revoca del premio Nobel per la pace vinto dalla Signora nel 1991. I Paesi islamici e diverse potenze occidentali hanno criticato la leader democratica per i suoi “silenzi”, carenza di leadership morale e compassione.

    Invitando il governo birmano a garantire un pieno accesso di mezzi d’informazione e organizzazioni umanitarie alle aree del conflitto, la delegazione diplomatica insiste sull’urgenza di attuare quanto consigliato dalla Rakhine State Advisory Commission guidata da Kofi Annan, ex segretario generale Onu. “Sosteniamo la piena applicazione del rapporto”, affermano gli ambasciatori.

    Su mandato di Aung San Suu Kyi, la commissione ha analizzato e proposto soluzioni alle divisioni che hanno infuocato lo Stato occidentale del Myanmar. Nella sua relazione, essa consiglia di promuovere nella regione il progresso sociale, incoraggiando gli investimenti e garantendo servizi di base. I punti principali del rapporto includono la verifica della cittadinanza dei Rohingya, l'emissione di schede nazionali di registrazione, la riduzione delle tensioni e l’impegno per la riconciliazione attraverso colloqui bilaterali tra le comunità.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/10/2017 12:41:00 MYANMAR
    Rakhine, al via i progetti di sviluppo voluti da Aung San Suu Kyi

    Assistenza, rimpatrio e reinsediamento dei profughi gli obiettivi dell’ultima iniziativa del governo. La costruzione di infrastrutture, strade e ponti realizzata grazie alle donazioni di 22 businessmen. Realizzazione di uffici al confine per l’accoglienza dei Rohingya. I gruppi etnici fanno ritorno alle proprie case. Disposta la chiusura dei campi profughi per gli sfollati interni.



    28/08/2017 16:50:00 MYANMAR
    Rohingya, 116 morti nelle nuove violenze. Il governo accusa i “terroristi bengali”

    Il 25 agosto i militanti dell’ l’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) hanno attaccato gli avamposti militari presso i villaggi di Maungdaw, Buthidaung e Rathedaung. I violenti scontri hanno causato la morte di 12  ufficiali delle forze armate e 104 militanti. Il Comitato per l'informazione di Stato di Aung San Suu Kyi impone ai media non usare il termine “insorti”. Evacuati oltre 4mila residenti non musulmani (soprattutto buddisti e indù). Più di 2mila musulmani Rohingya sono riusciti a raggiungere il Bangladesh. Dakha dispone respinge i nuovi profughi.



    25/08/2017 13:03:00 MYANMAR
    Kofi Annan presenta il Rapporto sui Rohingya. L’esercito: ‘Difetti e carenze’

    La “Rakhine State Advisory Commission” condotta da Kofi Annan chiede progresso sociale, cittadinanza, sicurezza e chiusura dei campi profughi i punti principali. I gruppi per i diritti umani accolgono il documento con favore. Aung San Suu Kyi aveva promesso di rispettare i suoi risultati. Il gen. Min Aung Hlaing, comandante in capo delle forze armate: “Suggeriamo di riesaminare i punti discussi,  individuare e apportare modifiche se vi sono errori e atteggiamenti sleali”. 



    13/10/2017 13:26:00 MYANMAR
    Rohingya, Aung San Suu Kyi ed il card. Bo per l’unità e lo sviluppo del Rakhine

    Assistenza, rimpatrio e reinsediamento dei profughi gli obiettivi dell’ultima iniziativa del governo. Il card. Charles Maung Bo sostiene gli sforzi della leader democratica. Migliaia di persone alla manifestazione interreligiosa voluta dalla Signora.



    25/10/2017 13:04:00 MYANMAR-BANGLADESH
    Rohingya, sicurezza e cooperazione negli accordi tra Myanmar e Bangladesh

    I due Paesi hanno firmato ieri due memorandum di intesa. Fermare l’esodo, ripristinare la normalità nel Rakhine e discutere i piani per il rimpatrio di circa 600mila Rohingya. L’esercito del Myanmar difende il proprio operato in Rakhine. Gli Usa impongono nuove restrizioni.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®