24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/01/2017, 08.38

    COREA DEL SUD

    Samsung: la corte nega il mandato d’arresto per il vicecapo Lee Jae-yong



    Era accusato di corruzione, appropriazione indebita e falsa testimonianza e coinvolto nello scandalo che ha travolto la presidente Park. Secondo i giudici i motivi non sono sufficienti per approvare la richiesta di fermo.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Il tribunale ha respinto la richiesta d’arresto per il vicecapo del gruppo Samsung Lee Jae-yong. Secondo i giudici le accuse di corruzione, appropriazione indebita e falsa testimonianza non sono sostenute da motivazioni sufficienti.

    Per l’accusa, Lee sarebbe coinvolto nello scandalo che ha travolto la presidente Park Geun-hye per aver donato a Choi Soon-sil – influente sua amica – circa 36,3 milioni di dollari Usa in cambio di favori per sostenere la fusione aziendale di due gruppi sussidiari della Samsung. La compagnia riconosce di aver fatto donazioni a due fondazioni legate alla Choi, ma rifiuta l'accusa di averlo fatto in cambio di favori.

    La Samsung Electronics in Corea del Sud è una compagnia di alto profilo e le sue vendite corrispondono a un quinto del Pil del Paese. Dopo la morte del padre Kun-hae nel 2014, Lee Jae-yong ha assunto la direzione dell’azienda diventando il capo de facto dell’intero gruppo Samsung.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/01/2017 11:57:00 COREA DEL SUD
    Mandato d'arresto per Lee Jae-yong, vicecapo della Samsung coinvolto nello scandalo della presidente Park

    Avrebbe versato tangenti a Choi Soon-sil per più di 36 milioni di dollari Usa. Per gli inquirenti, nel 2015 il gruppo avrebbe anche finanziato una società sportiva di proprietà di Choi per 18,3 milioni di dollari Usa.



    17/02/2017 08:38:00 COREA DEL SUD
    Arrestato il capo della Samsung, legato allo scandalo della presidente Park

    In gennaio era sfuggito all’arresto per mancanza di prove stringenti. La Samsung è quella che ha donato più soldi (70 milioni di dollari) alle fondazioni di Choi Soon-sil, l’amica che ha trascinato la Park all’impeachment. Le dichiarazioni dei candidati alle nuove elezioni presidenziali.



    22/11/2016 14:55:00 COREA DEL SUD
    Un milione di sudcoreani chiedono le dimissioni della presidentessa Park Geun-hye

    Durante il quarto week end di proteste, il popolo sudcoreano continua ad affollare le strade della capitale. L’ufficio presidenziale rigetta le accuse dei procuratori, che dichiarano Park “complice” e “indiziata”. 



    09/12/2016 09:00:00 COREA DEL SUD
    Il parlamento coreano vota l’impeachment della presidente Park Geun-hye

    Contro di lei hanno votato anche membri del suo partito. Si attende ora la decisione della Corte costituzionale. Se viene estromessa, la Park sarebbe il primo presidente sudcoreano a subire tale sorte.



    31/10/2016 09:06:00 COREA DEL SUD
    La “Rasputin della Corea” è tornata in patria per lo scandalo sui discorsi della presidente Park

    Choi Soon-sil, 60 anni, è amica e confidente della Park dai tempi dell’uccisione della madre, nel 1974. Choi padre era un personaggio ambiguo, prima monaco buddista, poi pastore cristiano, poi leader di una Chiesa da lui fondata. Manifestazioni a Seoul e a Busan che accusano la Park di essere “un burattino” della Choi.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®