16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/07/2013, 00.00

    MALAYSIA – ISLAM

    Scolari non musulmani costretti a mangiare nelle toilette a causa del Ramadan



    Il gesto di segregazione condannato anche da politici e da musulmani. “La nostra religione non ordina questo”. Ma nei Paesi islamici vi sono divieti di assumere cibo nel periodo di digiuno anche per i non musulmani.

    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) - I bambini non musulmani di una scuola elementare sono stati costretti a mangiare nell'atrio delle docce e dei gabinetti, mentre i loro compagni di classe digiunavano a causa del Ramadan. Le foto di bambini di etnia cinese e indiana (di solito cristiani o indù) sono state diffuse su internet da una delle madri, Guneswari Kelly e hanno provocato una forte reazione anche da parte di politici e musulmani, che condannano la segregazione poco igienica.

    La scuola in questione è la Seri Pristana, situata nella periferia di Kuala Lumpur. Sulla sua pagina di Facebook, Guneswari afferma che è stato lo staff della scuola ad ordinare ai bambini di mangiare nell'atrio delle docce e dei gabinetti e non la sala mensa. E si domanda: "È giusto per una scuola nazionale, la Seri Pristana, trattare i nostri bambini non musulmani in questo modo durante il mese del digiuno?".

    Muhyiddin Yassin, vice primo ministro e responsabile dell'educazione ha ordinato un'inchiesta promettendo di prendere provvedimenti.

    I responsabili della scuola non hanno rilasciato alcuna dichiarazione. Una donna avvocato musulmana e madre di due bambini, Jehan Bakar ha detto di essere "inorridita" per la segregazione dei piccoli non musulmani. "La nostra religione - aggiunge - non ordina questo".

    In effetti l'islam non chiede ai non musulmani di digiunare o di nascondersi, ma in molti Paesi islamici ai cristiani, indù o persone di altre religioni viene richiesto (e talvolta imposto) di non mangiare in pubblico o si proibisce loro di mangiare durante il periodo del digiuno, che va dall'alba fino al crepuscolo.

    In Malaysia si registrano spesso segni di insofferenza verso le regole islamiche troppe volte applicate in modo molto restrittivo. Nelle scorse settimane una coppia di cinesi è stata accusata di sedizione perché ha postato su internet un augurio di buon Ramadan che li mostrava mentre mangiavano carne di maiale, che è proibita dall'islam.

    Nel 2010, la preside di una scuola secondaria nello Stato di Kedah ha accusato gli studenti di etnia cinese di essere insensibili verso i loro compagni di classe musulmani perché mangiavano nella scuola durante il Ramadan. In più, ella li ha spinti a "ritornare in Cina" se non sapevano rispettare la cultura delle altre etnie.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/08/2017 12:49:00 MALAYSIA-ISLAM
    Selangor, razzismo a scuola: bicchieri divisi per ‘musulmani’ e ‘non musulmani’

    L’istituto distingue con etichette le tazze poste accanto al distributore di acqua per i bimbi. Tan Sri Harussani Zakaria, il mufti del Perak: “Ciò è discriminatorio e potrebbe portare all'odio dell'islam. Questa pratica è un insulto”. Datuk Chong Sin Woon, vice ministro dell'Istruzione: “Le scuole nazionali sono per tutti i malaysiani”.



    08/11/2017 08:09:00 IRAQ
    Arcivescovo di Bassora: contro povertà e analfabetismo, una scuola cristiana aperta a tutti

    Per la prima volta dal 1970, nel sud dell'Iraq sorgerà un istituto educativo cristiano. L’apertura è prevista per il prossimo anno scolastico. All’interno insegnanti cristiani, musulmani e mandei. Mons. Habib: l’annuncio di Dio attraverso “l’educazione delle nuove generazioni”. Aprire le porte della speranza, creare occupazione per gli adulti e migliorare i rapporti con i musulmani. 

     



    29/11/2004 PAKISTAN
    Libri di testo pakistani pieni di pregiudizi contro il cristianesimo
    Nell'insegnamento è forte la discriminazione religiosa,  la glorificazione della guerra, l'annullamento delle capacità critiche.

    14/07/2015 INDIA
    India: scuola cattolica accusata di aver “costretto” alunne musulmane a rompere il digiuno
    Circa 40 ragazze, tra cui alcune di religione islamica, hanno aspettato sette ore al caldo in attesa della preside. Tre di loro si sono sentite male e hanno bevuto dell’acqua. Un politico musulmano minaccia “ritorsioni legali”. Islamologo gesuita: “Disonesto trasformare una questione amministrativa in un problema interreligioso”.

    11/03/2006 Cina
    Cina: 20 milioni di bambini migranti discriminati dalla scuola pubblica

    Per loro è difficile avere un posto nelle scuole delle grandi città perché non sono riconosciuti come residenti. Spesso possono andare solo nelle scuole private condotte da volontari.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®