26 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/07/2013, 00.00

    MALAYSIA – ISLAM

    Scolari non musulmani costretti a mangiare nelle toilette a causa del Ramadan



    Il gesto di segregazione condannato anche da politici e da musulmani. “La nostra religione non ordina questo”. Ma nei Paesi islamici vi sono divieti di assumere cibo nel periodo di digiuno anche per i non musulmani.

    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) - I bambini non musulmani di una scuola elementare sono stati costretti a mangiare nell'atrio delle docce e dei gabinetti, mentre i loro compagni di classe digiunavano a causa del Ramadan. Le foto di bambini di etnia cinese e indiana (di solito cristiani o indù) sono state diffuse su internet da una delle madri, Guneswari Kelly e hanno provocato una forte reazione anche da parte di politici e musulmani, che condannano la segregazione poco igienica.

    La scuola in questione è la Seri Pristana, situata nella periferia di Kuala Lumpur. Sulla sua pagina di Facebook, Guneswari afferma che è stato lo staff della scuola ad ordinare ai bambini di mangiare nell'atrio delle docce e dei gabinetti e non la sala mensa. E si domanda: "È giusto per una scuola nazionale, la Seri Pristana, trattare i nostri bambini non musulmani in questo modo durante il mese del digiuno?".

    Muhyiddin Yassin, vice primo ministro e responsabile dell'educazione ha ordinato un'inchiesta promettendo di prendere provvedimenti.

    I responsabili della scuola non hanno rilasciato alcuna dichiarazione. Una donna avvocato musulmana e madre di due bambini, Jehan Bakar ha detto di essere "inorridita" per la segregazione dei piccoli non musulmani. "La nostra religione - aggiunge - non ordina questo".

    In effetti l'islam non chiede ai non musulmani di digiunare o di nascondersi, ma in molti Paesi islamici ai cristiani, indù o persone di altre religioni viene richiesto (e talvolta imposto) di non mangiare in pubblico o si proibisce loro di mangiare durante il periodo del digiuno, che va dall'alba fino al crepuscolo.

    In Malaysia si registrano spesso segni di insofferenza verso le regole islamiche troppe volte applicate in modo molto restrittivo. Nelle scorse settimane una coppia di cinesi è stata accusata di sedizione perché ha postato su internet un augurio di buon Ramadan che li mostrava mentre mangiavano carne di maiale, che è proibita dall'islam.

    Nel 2010, la preside di una scuola secondaria nello Stato di Kedah ha accusato gli studenti di etnia cinese di essere insensibili verso i loro compagni di classe musulmani perché mangiavano nella scuola durante il Ramadan. In più, ella li ha spinti a "ritornare in Cina" se non sapevano rispettare la cultura delle altre etnie.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/11/2004 PAKISTAN
    Libri di testo pakistani pieni di pregiudizi contro il cristianesimo
    Nell'insegnamento è forte la discriminazione religiosa,  la glorificazione della guerra, l'annullamento delle capacità critiche.

    14/07/2015 INDIA
    India: scuola cattolica accusata di aver “costretto” alunne musulmane a rompere il digiuno
    Circa 40 ragazze, tra cui alcune di religione islamica, hanno aspettato sette ore al caldo in attesa della preside. Tre di loro si sono sentite male e hanno bevuto dell’acqua. Un politico musulmano minaccia “ritorsioni legali”. Islamologo gesuita: “Disonesto trasformare una questione amministrativa in un problema interreligioso”.

    11/03/2006 Cina
    Cina: 20 milioni di bambini migranti discriminati dalla scuola pubblica

    Per loro è difficile avere un posto nelle scuole delle grandi città perché non sono riconosciuti come residenti. Spesso possono andare solo nelle scuole private condotte da volontari.



    22/09/2011 NEPAL
    Nepal, migliaia di bambine senza educazione per colpa della cultura indù
    Nelle aree rurali oltre il 60% non termina gli studi primari. Le famiglie inviano le figlie a scuola solo per accedere ai programmi di sussidio.

    31/08/2009 INDIA
    India: la riforma della scuola mina la libertà di oltre 10mila istituti cattolici
    La nuova legge per “l’educazione gratuita e obbligatoria” obbliga gli istituti privati a costituire comitati di controllo che includono rappresentanti dei governi locali. Per La Chiesa indiana la legge va “nella giusta direzione”, ma l’imposizione dei politici mette le scuole “in pericolo di estinzione”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®