24 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/05/2014, 00.00

    VIETNAM - CINA

    Scontri anti-cinesi in Vietnam, 21 vittime e 700 arresti



    Fonti mediche riferiscono che 16 operai cinesi e cinque vietnamiti sono morti durante l’assalto a un impianto siderurgico nel centro del Vietnam. Almeno un centinaio i feriti. I lavoratori cinesi abbandonato il Paese. I governi di Pechino e Hong Kong diramano l’allerta. Oltre 20mila vietnamiti hanno partecipato agli assalti alle fabbriche.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) - I disordini scoppiati in questi giorni in Vietnam contro "l'imperialismo" di Pechino nei mari (orientale e meridionale) hanno causato le prime vittime, per un bilancio che peggiora ogni ora: fonti mediche riferiscono che almeno 16 cinesi e cinque vietnamiti sarebbero morti durante i disordini scoppiati in un impianto siderurgico di proprietà di Taiwan nel centro del Paese; almeno un centinaio i feriti, ma i numeri sono tuttora incerti. Dietro le violenze, la decisione della Cina di piazzare il Primo maggio scorso una piattaforma per l'esplorazione petrolifera, seguita dall'invio di navi della marina, aerei da caccia ed elicotteri al largo della costa orientale vietnamita per pattugliare la zona. Una mossa che ha esacerbato il nazionalismo di una fetta consistente della popolazione vietnamita, che ha organizzato una serie di proteste di piazza che hanno assunto, nelle ultime ore, una deriva violenta caratterizzata da roghi e assalti

    È di oltre 20 morti il bilancio, tuttora provvisorio, dell'attacco avvenuto nel corso della notte al più importante impianto siderurgico del Paese; le proteste dal sud si stanno allargando a tutto la nazione. Fonti mediche di un ospedale della provincia centrale di Ha Tinh, 250 km a sud di Hanoi, riferiscono che cinque operai vietnamiti e altri 16 "di sembianze cinesi" sono deceduti negli scontri. "Ci sono almeno un centinaio di persone finite in ospedale dalla scorsa notte" conferma un medico, "altri stanno arrivando al nosocomio dalle prime ore di questa mattina". 

    Intanto centinaia di cinesi hanno abbandonato il Vietnam, con voli aerei o via terra attraverso il confine con la Cambogia. Il ministero cinese del Turismo ha diramato un'allerta ai propri concittadini, invitandoli a prendere "in seria considerazione" l'ipotesi di compiere un viaggio nel Paese vicino e, un tempo, stretto alleato. Analoga allerta è stata diramata dal governo di Hong Kong e il Dipartimento per l'immigrazione afferma di aver ricevuto almeno tre richieste di aiuto da parte di cittadini di Hong Kong al momento in Vietnam. 

    Secondo i media di Taiwan almeno mille persone avrebbero attaccato nella notte l'impianto siderurgico, di proprietà della Formosa Plastics Group, il più importante investitore taiwanese in Vietnam. Una volta ultimato, nel 2020, esso sarà l'impianto più grande di tutto il Sud-est asiatico, comprenderà un porto e una centrale energetica, per un valore complessivo di 20 miliardi di dollari. Pur volendo colpire "simboli" e "interessi" della Cina in Vietnam, in risposta alle politiche aggressive di Pechino nella regione Asia-Pacifico, in realtà il peso delle violenze dei nazionalisti locali ha colpito soprattuto le imprese di Taiwan, scambiate per errore con quelle di cinesi della terraferma. 

    Dallo scorso fine settimana, che ha segnato l'inizio delle proteste anti-cinesi, la polizia ha arrestato almeno 700 persone, ma sarebbero almeno 20mila i manifestanti coinvolti - a vario titolo - negli assalti alle fabbriche straniere degli ultimi giorni.

    Da tempo Vietnam e Filippine manifestano crescente preoccupazione per "l'imperialismo" di Pechino nei mari meridionale e orientale; il governo cinese rivendica una fetta consistente di oceano, che comprende isole contese - e  la sovranità delle Spratly e delle isole Paracel - da Vietnam, Taiwan, Filippine, Brunei e Malaysia (quasi l'85% dei territori). A sostenere le rivendicazioni dei Paesi del Sud-est asiatico vi sono anche gli Stati Uniti, che a più riprese hanno giudicato "illegale" e "irrazionale" la cosiddetta "lingua di bue", usata da Pechino per marcare il territorio. L'egemonia riveste un carattere strategico per il commercio e lo sfruttamento di petrolio e gas naturale nel fondo marino, in un'area di elevato interesse per il passaggio dei due terzi dei commerci marittimi mondiali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/05/2014 ASIA
    Al via il vertice Asean, sul tavolo le tensioni nel mar Cinese meridionale
    Hanoi e Manila intendono sollevare la questione nel corso della 24ma Assemblea plenaria, che si apre oggi nella capitale del Myanmar. Nel mirino le azioni “provocatorie” di Pechino nell’area e i recenti scontri fra imbarcazioni cinesi e vietnamite. Incertezze sulla dichiarazione finale e l’ipotesi che possa contenere riferimenti a singoli incidenti. In corso “consultazioni”.

    24/11/2014 FILIPPINE - CINA - STATI UNITI
    Mar Cinese meridionale: Pechino costruisce una nuova isola, con base aerea e navale
    Secondo fonti statunitensi la Cina sta edificando una quarta isola nelle Spratly. Washington chiede di interrompere il progetto e auspica “iniziative diplomatiche” per allentare la tensione. Tribunale filippino condanna nove pescatori cinesi per bracconaggio in acque territoriali di Manila. Rischiavano fino a 20 anni di galera, dovranno pagare una multa di 103mila dollari.

    14/05/2014 VIETNAM - CINA
    Roghi e assalti: in Vietnam deriva violenta delle proteste contro l’imperialismo cinese nei mari
    Nel sud del Paese incendiate 15 fabbriche straniere e assaltato un complesso industriale. Almeno 20mila manifestanti hanno preso d’assalto gli stabilimenti, credendoli di proprietà cinese. I cattolici di Hanoi e Ho Chi Minh City, in risposta ai vescovi, organizzano messe e preghiere. Analisti condannano l’atteggiamento di Pechino: nel lungo periodo “pagherà le conseguenze”.

    22/05/2014 VIETNAM - FILIPPINE - CINA
    Mar Cinese meridionale: Hanoi e Manila sempre più unite contro Pechino
    Vietnam e Filippine potenziano la partnership strategica e la cooperazione bilaterale. L’obiettivo è rafforzare gli scambi economici e migliorare la collaborazione nell’istruzione, cultura, attività sociali, sicurezza marittima e protezione dei mari. Analisti avvertono la Cina: le mire illegali spingono le nazioni dell’area a “formare una coalizione” per “contrastarne l’egemonia”.

    16/05/2014 CINA - VIETNAM - STATI UNITI
    Mar Cinese meridionale, Pechino accusa Hanoi: Fomentate la tensione, non cederemo
    Per il capo dell’Esercito di liberazione popolare, in visita negli Usa, il Vietnam è responsabile dell’escalation delle violenze anti-cinesi. Monito a Washington, perché non prenda posizione nella controversia. La Cina continuerà le esplorazioni e “garantirà la sicurezza della piattaforma”. Per il premier vietnamita le proteste sono “legittime”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®