12/07/2012, 00.00
SIRIA

Sconvolto dal massacro del popolo siriano, diplomatico di spicco abbandona Assad

Nawal al-Fares, ambasciatore a Baghad, era membro del regime fin dai tempi di Afez al-Assad. Il partito Baath si è trasformato in uno strumento per uccidere gli innocenti. L'invito ai militari ad unirsi alla rivoluzione e a difendere sul serio la popolazione dai nemici stranieri. Previste nei prossimi giorni altre defezioni importanti.

Damasco (AsiaNews/ Agenzie) - Nawaf al-Fares, ambasciatore siriano in Iraq, abbandona il regime di Bashar al-Assad e il partito Baath. La lotta contro il terrorismo lanciata dal presidente è ormai divenuto un "orribile massacro" contro il popolo siriano. Il diplomatico ha annunciato le dimissioni con un comunicato alla emittente qatariota al-Jazeera.  

"Invito tutte le persone oneste di questo partito - ha affermato - a seguire la mia strada perché il regime ha trasformato il Baath in uno strumento per uccidere le persone e la loro aspirazione alla libertà".  L'ambasciatore ha lanciato un appello all'esercito affinché si unisca alla rivoluzione e inizi a difendere la popolazione e la patria dai nemici stranieri, non uccidendo persone innocenti. 

Fares, musulmano sunnita originario di Deir al-Zor, città dell'est della Siria al confine con l'Iraq è un veterano del governo di Damasco, attivo già ai tempi di Hafez al-Assad, padre dell'attuale presidente. Egli è il secondo diplomatico di spicco che gira le spalle al rais di Damasco. Il primo è stato Bassam Imadi, ambasciatore siriano in Svezia, oggi membro del Consiglio nazionale siriano. Alle defezioni importanti si aggiunge anche quella di  Manaf Tlas, generale di famiglia sunnita e amico personale di Assad, che nelle scorse settimane ha abbandonato il Paese fuggendo in Francia.

Secondo Imadi le defezioni sono un segnale che diplomatici e membri del regime hanno intuito la fine imminente di Assad. "Dobbiamo considerare Fares - afferma - un personaggio molto vicino alla linea di governo. Egli ha disertato perché non riusciva più a guadare quanto stava accadendo nel suo Paese. Infatti, ha invitato anche altri diplomatici a seguire il suo esempio e in molti accoglieranno il suo consiglio". 

Intanto, l'Onu ha preparato un nuovo piano per porre fine alle violenze. Nella bozza di testo frutto della conferenza di Parigi del 6 luglio si intima al regime siriano di cessare "entro dieci giorni" l'utilizzo di armi pesanti contro le città ribelli'', pena l'imposizione "immediata" di nuove sanzioni economiche e diplomatiche, come previsto dall'articolo 41 della Carta dell'Onu.

Non si fermano gli scontri fra esercito e ribelli della Free Syrian Army e miliziani islamisti stranieri. Questa notte si sono registrati scontri nei quartieri della capitale e a Ibril. A Homs sono invece in corso tentativi di riconciliazione fra le varie famiglie grazie all'iniziativa "Mussalaha"  lanciata da leader religiosi cristiani, cattolici, protestanti e ortodossi.  

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Siria, sembra tenere il cessate il fuoco fra regime e ribelli
12/04/2012
L'Onu condanna esercito e ribelli per crimini di guerra contro la popolazione siriana
16/08/2012
Ex Premier siriano: Il regime di Assad è al collasso
14/08/2012
Ultimatum della Lega araba a Damasco: pace in tre giorni, o sanzioni
17/11/2011
Siria sempre più isolata, Turchia e Arabia Saudita per un intervento stile Libia
16/11/2011