02/12/2011, 00.00
ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

Se si permettesse alle donne saudite di guidare, in 10 anni “non ci sarebbero più vergini”

Lo sostiene una relazione del maggiore Consiglio religioso del Paese, alla quale è allegato un rapporto “scientifico”, inviata a tutti i componenti dell’assemblea legislativa. Aumenterebbero omosessualità, prostituzione e pornografia.
Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Permettere alle donne saudite di guidare provocherebbe un aumento di omosessualità, prostituzione e pornografia e nel Paese “non ci sarebbero più vergini”. Sono le affermazioni contenute in una relazione che il Majlis al-Ifta' al-A'ala, il maggiore organismo religioso del Paese, ha inviato a tutti i 150 membri dello Shura Council, l’assemblea legislativa (consultiva).

Alla relazione è allegato un rapporto “scientifico” redatto in collaborazione con Kamal Subhi, già docente alla King Fahd University.

La relazione vuole essere una valutazione dell’impatto che avrebbe l’abolizione del divieto di guidare l’automobile che esiste, unico Paese al mondo, in Arabia Saudita ed esce all’indomani della sentenza che ha condannato una donna di 34 anni, Shaima Jastaniya, a una pena di 10 frustate, perché sorpresa a guidare l’auto a Jeddah.

L’abolizione del divieto, sostiene la relazione, entro 10 anni porterebbe a un “declino morale” le cui conseguenze sarebbero la crescita, appunto, di omosessualità maschile e femminile, prostituzione e pornografia e nel Paese “non ci sarebbero più vergini”. A riprova, il professor Subhi riferisce quanto accadutogli nel caffé di un Paese musulmano (che non indica) dove non c’è il bando: “tutte le donne mi guardavano”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Domani la nuova battaglia delle donne saudite per il diritto di guidare
16/06/2011
Tra i sauditi comincia ad affiorare la voglia di libertà
25/09/2007
Multate e costrette a promettere di rispettare le leggi le donne saudite sorprese a guidare l'auto
29/10/2013
Prostituzione e lavori forzati: la tratta di esseri umani in Bangladesh
26/02/2015
Su YouTube la sfida femminista saudita: una donna guida l’automobile
11/03/2008