27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/08/2005, 00.00

    VIETNAM

    Seminaristi vietnamiti lavorano in un lebbrosario statale



    Hanno svolto l'attività pastorale estiva nella struttura di Van Mon; pazienti e personale medico esprimono forte gratitudine per l'assistenza offerta dai futuri sacerdoti.

    Hanoi (AsiaNews/Ucan) – Alcuni seminaristi dell'arcidiocesi di Hanoi hanno prestato servizio per la prima volta in un lebbrosario gestito dal governo. Gli studenti del primo anno del seminario maggiore di San Giuseppe, ad Hanoi, hanno svolto la loro attività pastorale estiva per giugno e luglio presso il lebbrosario di Van Mon. L'ospedale, nel distretto di Vu Thu - provincia di Thai Binh, a sud-est della capitale -ospita 476 adulti e 118 bambini, pochi i cattolici.

    È la prima volta che dei seminaristi vi prestano servizio come assistenti sociali. I giovani cattolici raccontano di avere in questo modo sperimentato sul campo la propria missione sacerdotale. Joseph Nguyen Van Khiem, seminarista di 30 anni, afferma: "Abbiamo avuto l'opportunità di entrare in sintonia coi pazienti e condividere il loro stato d'animo, mettendo in pratica l'amore divino e imparando ad essere uniti nel lavoro pastorale". Khiem, responsabile del gruppo, spiega che l'intenzione era quella di portare gioia ai pazienti e aiutarli nella sofferenza. Mons. Joseph Ngo Quang Kiet, arcivescovo di Hanoi e rettore del seminario maggiore, ha inaugurato l'attività pastorale estiva, dando forte impulso alla formazione fuori dal seminario per incoraggiare lo spirito di servizio nei futuri sacerdoti. I seminaristi hanno anche condiviso momenti di preghiera coi pazienti in una delle 2 chiese annesse all'ospedale.

    Joseph Ta Minh Quy, 25 anni, racconta di avere visitato ogni giorno i pazienti e le loro famiglie assieme agli altri seminaristi. Ai pazienti più giovani il gruppo ha dato lezioni di biologia, chimica, inglese, letteratura, matematica e fisica e ha istruito il personale medico sull'utilizzo dei computer, delle fotocopiatrici e delle stampanti.

    I seminaristi hanno animato le serate all'ospedale con balli, canti e fiabe per i bambini. Non sono mancate le proiezioni cinematografiche: per i pazienti cattolici sono stati scelte pellicole come "The Passion" e "I Dieci Comandamenti".

    Joseph Truong Van Luyen, 28 anni, ha ammesso che sulle prime nessun seminarista aveva un'idea di come sarebbe stato il lavoro, e che alcuni non avevano mai avuto rapporti con lebbrosi. Alla fine di questi 2 mesi, dichiara, "sono più consapevole di miei limiti".

    Anche i pazienti hanno espresso soddisfazione per questa esperienza. Paul Nguyen Van Giong, 85 anni, afferma di trovare maggior significato nella vita dopo aver parlato con gli amici seminaristi. Giong, che è cattolico ed è ricoverato nell'ospedale dal 1950, nota come ogni giorno i pazienti se ne stanno soli nelle camere o nel giardino, senza avere molte opportunità di parlare con gente che viene da fuori.

    Le Thi Mai, un paziente della provincia di Nam Dim, racconta che i seminaristi "non portavano doni materiali, ma spirituali e la loro simpatia e compartecipazione". Marie Tran Thi Lien, i cui bambini sono andati a lezione dai seminaristi, dichiara che le attività di intrattenimento messe in piedi erano come un campo estivo per i bambini, "pieno di gioia e di significato". Il dottor Bui Huy Thien, responsabile del lebbrosario, sostiene di avere imparato molto dai seminaristi, con i quali ha condiviso le proprie esperienze al servizio dei malati. Il medico ha detto ai seminaristi che cercherà di farli tornare, magari per insegnare inglese e francese agli studenti del lebbrosario, perché possano comunicare coi visitatori stranieri.

    Il lebbrosario di Van Mon, il più grande del Vietnam del Nord per numero di pazienti, è stato fondato 105 anni fa da missionari stranieri.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/05/2011 VIETNAM
    Lebbrosi in Vietnam: lo sforzo della Chiesa cattolica per aiutarli, e per vincere la discriminazione
    Sacerdoti, religiosi e volontari impegnati in una difficile opera di sostegno a migliaia di malati che subiscono emarginazione e mancanza di cure da parte della società civile. Il vescovo di Kontum: “Bisogna avere una grande determinazione per riuscire ad aiutarli” .

    09/03/2006 vietnam
    A Saigon una casa per salvare centinaia di innocenti

    Un comitato aiuta giovani donne a non abortire. Ora si propone di rafforzare il sostegno per i sieropositivi, ma mancano fondi ed autorizzazioni.



    05/12/2006 VIETNAM
    A Phan Thiet conquistato maggior rispetto per i diritti dei cattolici
    La diocesi vietnamita ha combattuto per veder riconosciuti i diritti secondo quanto prescrive la legge vietnamita.

    26/05/2014 FILIPPINE
    Quezon City: l’amicizia coi lebbrosi, formazione e apostolato per i seminaristi
    Gli studenti del terzo anno di filosofia del Seminario di Nostra Signora degli Angeli visitano una volta a settimana un lebbrosario. Un gesto di sostegno e solidarietà per persone relegate ai margini della società. Il rettore p. Bakari: "Sono e vanno considerati nostri fratelli e sorelle”.

    26/01/2016 12:38:00 VIETNAM
    Anno lunare 2016: la Chiesa vietnamita in campo per i poveri e gli orfani

    In occasione delle feste per l’Anno nuovo (Tet), le 26 diocesi del Paese hanno programmato attività caritative e sociali, con l’aiuto della Caritas. In Vietnam 18 milioni di persone vivono con meno di un dollaro al giorno. Le parrocchie forniscono cibo, medicinali, assistenza psicologica e borse di studio a poveri, malati e orfani. “Raccogliamo piccole cifre per le famiglie delle aree rurali, costrette a prendere soldi in prestito a tassi di interesse del 20%”.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®