07/01/2020, 08.58
COREA
Invia ad un amico

Seoul, Moon chiede ‘sforzi congiunti’ per una visita di Kim nel Sud

Il presidente sudcoreano pronuncia il discorso d’inizio anno. Espresso l’augurio per rapporti migliori tra le due Coree e nuovi negoziati tra Pyongyang e Washington. Delineati i piani diplomatici per il 2020 con le quattro maggiori potenze nella regione.

Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Il presidente sudcoreano Moon Jae-in (foto) propone che le due Coree compiano sforzi concertati affinché il leader nordcoreano Kim Jong-un possa visitare il Paese, come concordato. Nel suo discorso di inizio anno, Moon oggi ha anche riaffermato l'impegno della sua amministrazione per la ripresa di due importanti progetti inter-coreani – il complesso industriale di Kaesong e lo sviluppo turistico del Monte Kumgang – nonché la riconnessione di strade e ferrovie.

Moon si è recato a Pyongyang nel settembre nel 2018, in occasione del suo secondo vertice con Kim. Così recita la dichiarazione pubblicata al termine dei colloqui: “Il presidente Kim Jong-un ha accettato di visitare Seoul molto presto su invito del presidente Moon Jae-in”. Ricordando al leader nordcoreano la promessa, Moon invoca migliori rapporti tra le due Coree e rilancia i negoziati tra Pyongyang e Washington. “Mostrare potenza militare e fare minacce non è utile a nessuno”, dichiara. “Il nostro governo farà tutto il possibile per facilitare il dialogo tra Corea del Nord e Stati Uniti”.

In tal senso, afferma il presidente, è diventato ancor “più indispensabile” esplorare “modi realistici” per promuovere ulteriormente la cooperazione inter-coreana. Moon esprime preoccupazione per una situazione di stallo nei colloqui Pyongyang-Washington e la possibile “regressione” nei rapporti tra Nord e Sud. Nel suo discorso, sottolinea anche l'importanza di continui scambi sportivi tra i due Paesi, soprattutto perché questi stanno cercando di ospitare le Olimpiadi del 2032.

Moon infine delinea i suoi piani diplomatici per il 2020 con le quattro maggiori potenze nella regione: il suo governo rafforzerà ulteriormente l'alleanza con Washington, sforzandosi di diversificare i principali partner attraverso la Nuova politica meridionale e la Nuova politica settentrionale; Seoul farà sforzi affinché le relazioni con la Cina possano “fare un balzo in avanti”. Per quanto riguarda il Giappone, definito il “vicino più prossimo”, il presidente invoca legami bilaterali “orientati al futuro”. Il prerequisito è il ritiro delle restrizioni giapponesi alle esportazioni verso la Corea del Sud. “La Russia – dichiara infine – è il partner principale della Nuova politica settentrionale del nostro governo. Quest'anno, in occasione del trentesimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra i nostri Paesi, spero vi sia un nuovo punto di svolta”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Xi Jinping assicura un ruolo ‘positivo’ nell’incontro fra Kim e Trump
10/01/2019 11:58
Dopo i test, il Nord è più vicino alla sua ultima arma
29/11/2019 13:07
Xi in Corea del Nord per un 'nuovo capitolo' delle relazioni con Pyongyang
19/06/2019 13:33
Xinhua e Kcna confermano il primo viaggio di Kim Jong-un a Pechino
28/03/2018 11:34
Moon attende Kim Jong-un a Sud e media con gli Usa
29/03/2019 12:04