23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/08/2014, 00.00

    COREA DEL SUD

    Seoul, centinaia di persone in sciopero della fame per il Sewol



    Dopo 46 giorni consecutivi, Kim Young-oh ha interrotto la sua protesta e dall'ospedale chiede "aiuto" alla popolazione: la risposta non si fa attendere, e in poche ore 250 persone si registrano per scioperare a turno al posto suo. Nel frattempo, la politica sembra immobile: l'incontro fra i partiti e i familiari delle vittime si chiude con un nulla di fatto. Il card. Yeom criticato per il suo appello a "non sprecare più energia".

    Seoul (AsiaNews) - Dopo 46 giorni consecutivi di sciopero della fame e un ricovero ospedaliero in condizioni critiche, Kim Young-oh (padre di una delle vittime del Sewol) ha annunciato di voler interrompere la sua protesta: "Me lo ha chiesto mia figlia. Voglio rimanere in vita per continuare a lottare". L'uomo, 47 anni, ha perso un'altra figlia nel disastro del Sewol del 16 aprile scorso e ha iniziato a manifestare per chiedere al governo un'indagine seria e una legge adeguata per punire i colpevoli. Dopo la sua rinuncia, centinaia di persone si sono fatte avanti per prendere il suo posto: al momento sono circa 250 i cittadini sudcoreani che, a turno, non mangiano per chiedere "verità e giustizia".

    Il 16 aprile scorso, un traghetto con a bordo più di 300 passeggeri si è inabissato mentre era diretto all'isola di Cheju. La maggior parte delle vittime erano studenti liceali in gita scolastica: fra questi anche Yu-min (17 anni), figlia di Young-oh. Dopo il disastro il governo ha varato una legge per accertare la causa e le responsabilità, ma il testo è stato giudicato "inadatto e troppo leggero" dai familiari delle vittime. In effetti, il decreto non contiene accuse di omicidio colposo; non parla delle responsabilità della Guardia Costiera o di funzionari del governo; concede diverse attenuanti all'equipaggio. Dopo più di 4 mesi, ancora non si conosce il motivo dell'affondamento. 

    Secondo i familiari, che in maggio si sono uniti in un comitato, la politica "vuole proteggere se stessa e gli industriali del settore navale": per questo hanno chiesto una nuova legge e hanno lanciato una lunga protesta di piazza, ancora in corso, nel cuore di Seoul. Le loro tende hanno occupato la piazza Gwanghwamun sin dalla fine di maggio, e durante la visita di papa Francesco in Corea i dimostranti hanno potuto incontrare il pontefice. Proprio Young-oh ha consegnato al Papa una spilletta a forma di fiocco giallo, simbolo della protesta, che Francesco ha indossato sulla mozzetta per tutta la visita apostolica.

    Le parti si sono incontrate ieri per cercare di trovare un accordo, ma il vertice si è chiuso con un nulla di fatto. Il partito democratico e quello conservatore, dice un familiare, "sembrano d'accordo nel voler nascondere la verità". Per questo, lo sciopero della fame a catena continua: ogni giorno circa 150 persone non mangiano per 24 ore, sedute in piazza Gwanghwamun, e manifestano in maniera pacifica a sostegno delle famiglie. Oh Soon-deok ha 77 anni ed è arrivata nella capitale da Jeonju senza dire nulla alla famiglia: "Voglio condividere con la mia presenza fisica il dolore di queste persone. Io sono una contadina, non mi so esprimere: ma penso che le persone abbiano sempre il dovere di aiutare coloro che vogliono giustizia".

    Lo scorso 26 agosto, anche l'arcivescovo di Seoul ha incontrato una rappresentanza delle famiglie. Parlando con i giornalisti subito dopo, il card. Yeom ha detto di aver chiesto a tutti di "privilegiare il dialogo". Tuttavia, il presule ha aggiunto: "Spero che la vostra energia non venga più sprecata su questo argomento. Penso che anche le famiglie delle vittime debbano, a un certo punto, concedere qualcosa".

    In un editoriale apparso sul Korea Herald - e in diversi altri giornali - la posizione del cardinale è stata aspramente criticata: "Yeom ha ragione quando invita tutti a guarire il dolore, e il suo appello a non fare della questione un argomento politico è corretto. Ma dire ai familiari che stanno sprecando tempo ed energia è terribile e sbagliato: ha versato sale sulle loro ferite". Il quotidiano aggiunge: "Il fiocco giallo sul suo vestito dice che sostiene le famiglie, ma il significato di quel fiocco non ha raggiunto il suo cuore".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/06/2014 COREA - VATICANO
    In Corea il Papa incontrerà i familiari delle vittime del disastro del Sewol
    Con ogni probabilità l'incontro avverrà durante il secondo giorno della visita, quando Francesco presiederà la messa per l'Assunzione di Maria nel grande stadio di Daejeon. I familiari avranno un posto riservato da dove seguire la celebrazione, e Francesco dovrebbe parlare della loro tragedia durante l'omelia. Nell'affondamento del traghetto sono morte più di 300 persone, per la maggior parte studenti in gita.

    29/07/2014 COREA DEL SUD
    Corea, i sopravvissuti del Sewol: Equipaggio e Guardia costiera ci hanno abbandonato
    Iniziate ad Ansan le udienze per raccogliere le testimonianze di coloro che sono riusciti a fuggire dopo il disastro, costato la vita a più di 300 persone. Accuse durissime contro i responsabili, che hanno preferito fuggire invece di aiutare i passeggeri. La Commissione episcopale Giustizia e Pace: "Ora serve la legge speciale per fare luce sull'accaduto".

    13/08/2014 COREA - VATICANO
    Seoul, le famiglie delle vittime del Sewol restano in piazza: "Gioia per il Papa, ma vogliamo giustizia"
    Braccio di ferro fra il gruppo, riunito da giorni nella piazza centrale di Seoul, e il governo che vuole sgomberarli prima della cerimonia di beatificazione dei 124 martiri coreani. Il portavoce dei familiari ad AsiaNews: "Non abbiamo nulla contro il Papa, la Chiesa o i martiri. Anzi, siamo certi che Francesco porterà grande conforto al nostro dolore. Ma non possiamo abbandonare il nostro sit-in".

    23/08/2014 COREA DEL SUD
    Seoul, ricoverato dopo 40 giorni di sciopero della fame uno degli attivisti del Sewol
    Nel disastro del 16 aprile Kim Young-oh ha perso la figlia di 17 anni. Da allora si batte insieme ad altri familiari delle vittime per una nuova legge che punisca davvero i responsabili della strage. L'uomo ha potuto incontrare papa Francesco prima della beatificazione dei 124 martiri coreani, e gli ha donato la spilla gialla simbolo della protesta. Il pontefice l'ha portata per tutto il viaggio.

    16/04/2015 COREA DEL SUD
    Card. Yeom: Serve un’inchiesta sul Sewol, tragedia che ha distrutto i nostri valori
    Nel primo anniversario dell’affondamento del traghetto, in cui hanno perso la vita più di 300 persone, l’arcivescovo di Seoul invita il governo a “identificare le cause che hanno portato al disastro e individuare il colpevole. Dobbiamo riflettere e pentirci, ma questo non vuol dire essere indulgenti con chi ha sbagliato”. La Commissione episcopale Giustizia e Pace: “Senza verità non ci può essere riconciliazione”.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®