01/09/2015, 00.00
COREA
Invia ad un amico

Seoul e Pyongyang si incontrano per programmare le riunificazioni familiari

I funzionari della Croce Rossa delle due nazioni si incontreranno il prossimo 7 settembre a Panmunjon per discutere dei particolari. Il governo del Sud avverte: “Meglio essere cauti, fino all’ultimo possono cambiare idea”. Ancora in vita nel Sud circa 70mila familiari “divisi”, nessun dato dalla parte Nord.

Seoul (AsiaNews) – I governi delle due Coree si sono accordati per riprendere i colloqui preliminari sul tema delle riunificazioni familiari, in stallo dal febbraio 2014. I funzionari della Croce Rossa di entrambi i lati si vedranno il prossimo 7 settembre 2015 nel “villaggio della pace” di Panmunjon, sede tradizionale degli incontri fra i due governi.  

La Casa Blu – sede del governo di Seoul – ha comunque avvertito la popolazione che l’incontro non apre a nessuna decisione definitiva. Un funzionario anonimo, che ha incontrato alcuni rappresentanti dei media sudcoreani, spiega: “Il Nord sa benissimo che su questo tema siamo disponibili a ogni confronto. Ma già in passato ha cambiato idea all’ultimo minuto. Per ora limitiamoci a monitorare da vicino la situazione”.

Le riunificazioni familiari sono iniziate per la prima volta nel 1985. Rappresentano un "gesto di buona volontà" da parte dei governi di Seoul e Pyongyang, che tuttavia non sono mai riusciti a renderle istituzionali. Per partecipare, i cittadini che possono dimostrare di avere un parente ancora in vita dall'altra parte del confine si registrano presso il ministero sudcoreano dell'Unificazione: all'inizio erano 130mila, oggi ne restano in vita poco più di 70mila.

Da questa macro-lista, il governo di Seoul prepara diverse liste per ordine di anzianità e per grado di parentela: la precedenza viene data a chi è più anziano - ma può comunque sopportare i disagi fisici e mentali che queste riunificazioni comportano - e a chi ha parenti prossimi come figli o fratelli e sorelle. Dati questi criteri si arriva a una lista di circa mille nomi, e il ministero affida a un computer nel corso di una lotteria trasmessa in televisione la scelta casuale dei nomi che verranno inclusi nelle riunificazioni.

A questi si aggiungono una serie di “riserve”, che subentrano in caso di impreviste marce indietro dell'ultimo momento: chi partecipa viene poi escluso dalle liste. Sconosciuti invece i metodi di selezione applicati da Pyongyang e le statistiche sui familiari della parte Nord.

Gli incontri sono sempre molto emotivi e vengono seguiti da tutta la nazione. Essi fanno parte di un pacchetto di sei azioni congiunte che Seoul e Pyongyang affermano di voler portare avanti: fra queste vi è la ripresa del turismo sul monte Keumgang, nel Nord, e un maggiore interscambio economico e commerciale nella Zona demilitarizzata. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. You: Riunificazioni familiari, primo passo per una vera fraternità in Corea
22/06/2018 12:19
Corea, il grido dei familiari divisi: Le riunificazioni non sono solo politica
12/02/2014
Seoul e Pyongyang d'accordo: il 20 febbraio via alle riunificazioni familiari
05/02/2014
Gli anziani del Sud "devastati" dalla cancellazione delle riunificazioni familiari
24/09/2013
Corea, al via le riunificazioni familiari: emozione e incredulità
20/08/2018 08:43