28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/01/2016, 00.00

    INDONESIA

    Serie di esplosioni e attentati nel centro di Jakarta

    Mathias Hariyadi

    Finora sono 7 gli uccisi: due stranieri e cinque indonesiani. Colpiti un posto di polizia e centri commerciali a Sarinah, poi a Cikini e Palmerah. Un probabile terrorista è stato ucciso; altri due sono in fuga. Polizia e sicurezza lanciano una caccia all'uomo. Il dolore del presidente Widodo.

    Jakarta (AsiaNews) – Almeno 7 persone sono morte, compreso un poliziotto e un probabile terrorista durante la serie di esplosioni che hanno colpito oggi il quartiere di Sarinah, la zona dello shopping nel centro di Jakarta.

    Almeno 7 bombe sono scoppiate verso le 10 di stamattina. Un posto di polizia è stato subito colpito, uccidendo un poliziotto di guardia, un passante e un’altra persona.

    Subito si è scatenato un conflitto a fuoco fra tre terroristi e gruppi di poliziotti che vigilavano sul Thamrin boulevard, il distretto commerciale del centro di Jakarta, molto vicino alle ambasciate straniere di Giappone, Gran Bretagna e Stati Uniti.

    Un probabile terrorista è fra gli uccisi, ma altri due terroristi sono in fuga e si pensa si siano rifugiati nel Djakarta Theatre, un edificio che ospita sale cinematografiche vicino al complesso del Sarinah.

    Pochi minuti dopo, si sono sentite altre esplosioni in altri posti, come Cikini e Palmerah, in centro, e a Kuningan, nella zona sud della capitale. Al momento non si sa se queste esplosioni hanno fatto vittime.

    Non è ancora chiara la matrice di tutti gli attacchi, anche se la polizia indonesiana si attendeva possibili attacchi terroristi di matrice islamica.

    Il presidente Joko Widodo è stato raggiunto dalla notizia mentre era a Cirebon, a circa 200km dalla capitale, per la posa della prima pietra del nuovo aeroporto nella seconda città della provincia di East Java.

    Egli ha espresso condoglianze alle famiglie delle vittime, 7 persone in una sola delle esplosioni, quella al centro commerciale di Sarinah. Gli uccisi sono due stranieri e cinque indonesiani.

    Il presidente ha dato ordine a polizia e sicurezza di lanciare una caccia all’uomo per catturare i terroristi ancora fuggitivi. “Tutti condanniamo questo atto di terrore – ha detto – e ho dato ordine al capo della polizia e al ministro della sicurezza di catturare tutte le persone coinvolte in questa rete di terrore”.

    “Lo Stato e la nazione – ha aggiunto – non devono sentirsi vinti da nessun gesto terroristico, come questi che sono accaduti”. Il presidente è ritornato in fretta a Jakarta.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/03/2007 INDONESIA
    Scuole islamiche: chi ne esce non sa fare altro che tornarci a insegnare
    Si sviluppa in Indonesia un dibattito sul ruolo dei 16 mila collegi islamici, frequentati da milioni di giovani. Esperti denunciano che spesso i diplomati non sono in grado di fare un lavoro esterno e rimangono come insegnanti. Non pochi sono vittime di posizioni radicali.

    13/07/2015 INDONESIA - ISLAM 

    Indonesia, massima allerta per attentati durante le feste di fine ramadan
    Migliaia di poliziotti vigileranno sul festival di Eid al Fitri, che segna la fine del mese sacro islamico di digiuno e preghiera. Nei giorni scorsi un ordigno è esploso in un centro commerciale, senza provocare vittime. Timori per attacchi da parte di cellule locali affiliate allo Stato islamico. Ora nel mirino non più gli stranieri, ma gli stessi cittadini indonesiani.

    29/10/2008 INDONESIA
    Jakarta, sacerdoti e attivisti cristiani, primo bersaglio dei terroristi islamici
    Lo dice un portavoce della polizia, dopo indagini seguite all’arresto di pericolosi terroristi. C’è un vero cambio di strategia, che mira anzitutto a obiettivi “nazionali” e a impedire un dialogo interreligioso.

    04/12/2007 INDONESIA
    Sentenza mite per i terroristi che decapitarono tre cristiane
    Ieri il tribunale di South Jakarta ha comminato fino ai 19 anni di reclusione per tre terroristi implicati nell’uccisone delle tre studentesse di Poso nel 2005. Insoddisfatta l’opinione pubblica che parla di pena “troppo leggera”.

    23/11/2007 INDONESIA
    La corruzione nelle carceri vanifica la lotta al terrorismo islamico
    Secondo un rapporto dell’International Crisis Group, la dilagante corruzione tra il personale delle prigioni indonesiane permette ai militanti islamici della JI di continuare a fare proseliti e gestire i loro traffici anche da dietro le sbarre. Appello al governo per un’ampia riforma del sistema carcerario.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®