11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/05/2005, 00.00

    LIBANO

    Sfeir pensa alla convocazione di un congresso generale cristiano



    Nel giorno del suo ottantacinquesimo compleanno il Patriarca mette in guardia contro chi vuole provare che i libanesi non sono in grado di governarsi da soli. Gli auguri di Chirac.

    Beirut (AsiaNews) – Il patriarca maronita Nasrallah Sfeir sta "riflettendo" sulla possibilità di convocare un "congresso generale cristiano", secondo la proposta del ministro  Souleiman Frangieh per esaminare la "inquietante fase politica" del Paese che si prepara ad andare a votare con un legge elettorale che, a suo avviso, "marginalizza tutte le comunità libanesi".

    "La situazione che stiamo vivendo – ha affermato ieri durante l'omelia – è inquietante e ci attendono numerose difficoltà. Alcuni – ha aggiunto – vogliono provare al mondo che i libanesi sono incapaci di governarsi da soli e che hanno bisogno di essere posti sotto tutela permanente. Solo la nostra volontà comune di regolare con saggezza e prudenza i nostri problemi può respingere questa idea, e ciò implica che in Libano non ci siano vincitori e vinti".

    "Nel vigore dell'attuale legge elettorale, che ci è stata imposta in occasione delle precedenti elezioni politiche – ha proseguito - e che si vorrebbe mantenere così com'è, una delle famiglie che compongono la società libanese si considera lesa ed i figli lesi di una famiglia numerosa non possono che agitare il clima familiare. Cosa che noi rifiutiamo e respingiamo. Noi preghiamo Dio perché ispiri i responsabili e che questi sappiano risparmiare alla patria una prova crudele".

    Il patriarca ha celebrato messa ieri, giorno del suo compleanno, davanti alle telecamere di « Tele luce » ed ai microfoni di « Radio la voce della carità ». Per i suoi 85 anni egli ha ricevuto un messaggio anche dal presidente francese Jacques Chiraq, c he esprime auguri calorosi ed ha espressioni di rispetto per lui e per tutta la comunità maronita.

    Saad Hariri, figlio del presidente ucciso, ha intanto reso note le sue liste per tre circoscrizioni elettorali di Beirut, in vista delle elezioni del 29 maggio. (JH)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/05/2005 LIBANO
    I vescovi maroniti chiedono una nuova legge elettorale e la liberazione di Geagea

     



    01/10/2008 LIBANO
    Vescovi maroniti: ancora attivi coloro che vogliono il male della nazione
    Ieri sera è stata approvata la nuova legge elettorale: esclusi il voto degli emigrati, quello dei 18enni e la quota riservata alle donne. La Lega maronita ha promosso per venerdì un incontro “di riconciliazione” tra i politici cristiani.

    26/05/2005 LIBANO
    Appello dei vescovi maroniti : « libanesi andate a votare »


    12/05/2005 LIBANO
    Aoun, non permetteremo l’emarginazione del popolo libanese


    13/05/2005 LIBANO
    Ignazio IV Hazim: il comunicato maronita è "moderato, chiaro e giusto"

    Il patriarca di Antiochia, in partenza per gli Stati Uniti, ha esortato a "guardare il futuro con ottimismo" ed ha confermato la sua "piena fiducia" nei confronti del card. Sfeir.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®