22 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/01/2017, 13.31

    MYANMAR

    Shan, raccontano ai media il raid alla chiesa di san Francesco Saverio: scomparsi due cattolici



    Dalla vigilia di Natale non si hanno notizie di Gam Seng e Dumdaw Nawng Lat. Laici attivi in parrocchia, i due hanno denunciato ai giornali birmani l’attacco di inizio dicembre da parte dell’esercito birmano. Fonti di AsiaNews: “Familiari e amici preoccupati per la loro sorte”.

     

    Yangon (AsiaNews) - Da giorni non si hanno notizie di Gam Seng e Dumdaw Nawng Lat, due cattolici scomparsi la sera della vigilia di Natale dopo aver aiutato alcuni giornalisti a indagare sul bombardamento di una chiesa cattolica nello Stato Shan, avvenuto ai primi di dicembre. Si tratterebbe di due fedeli della comunità di san Francesco Saverio - colpita durante un raid dell’esercito birmano - nella cittadina di Mongkoe, poco distante dal confine fra Myanmar e Cina.

    Fonti locali contattate da AsiaNews confermano la scomparsa, spiegando che si tratta di due “personalità laiche” legate alla Chiesa locale e attive da tempo “nella vita della comunità”, e non di due “sacerdoti” come raccontato in un primo momento da alcuni media internazionali. “Familiari e amici - prosegue la fonte - sono preoccupati e stanno facendo di tutti per rintracciarli.

    Tuttavia, al momento non si hanno notizie attendibili circa la loro sorte.

    Il 3 dicembre scorso un attacco dell’esercito governativo ha distrutto la chiesa di San Francesco Saverio a Mung Koe, nello stato Shan (nord-est del Myanmar). Nei giorni successivi l’attacco mons. Philip Za Hawng, vescovo della diocesi di Lashio, dove sorge la parrocchia, ha confermato la distruzione del luogo di culto “ad eccezione del campanile”.

    Il parroco, le suore e i circa mille cattolici che formavano la comunità avevano abbandonato in precedenza l’area, trovando rifugio oltre confine in Cina. L’escalation di tensione fra militari birmani e milizie etniche Shan aveva fatto presagire un possibile attacco, per questo i cattolici erano già fuggiti e nessuno è rimasto ferito nei bombardamenti.

    I due uomini sono stati avvistati l’ultima volta il 24 dicembre, nei pressi di una base dell’esercito chiamata Byuha Gon [la collina strategica, ndr] a Mongkoe. In precedenza i due cattolici avevano assistito tre giornalisti di Democratic Voice of Burma (Dvb), The Irrawaddy e Kumudra Journal, che stavano seguendo un’inchiesta sulla demolizione della chiesa.

    Interpellato sulla vicenda, uno dei cronisti ha affermato che “Gam Sen ci ha aiutato per tutto”, parlando “della situazione relativa ai combattimenti” e di come i caccia dell’aviazione birmana “hanno bombardato la chiesa e la città”. Egli ha confermato che si è trattato di “razzi e proiettili scagliati dall’esercito”. I due sono scomparsi “dopo la pubblicazione delle foto” [delle chiese e scuole danneggiate, conclude il cronista, per questo “penso che è dovuto al fatto che ci hanno aiutato e hanno parlato con noi”.

    Da alcune settimane si è intensificata l’avanzata del Tatmadaw nei territori del nord-orientali. Le truppe di Naypyidaw utilizzano attacchi aerei e terrestri per colpire le postazioni delle milizie etniche, causando un numero indefinito di morti e arrestando civili in modo indiscriminato. L’arcivescovo di Yangon, il card. Charles Bo, ha più volte fatto appello a tutto il Paese affinché si cerchi la pace.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2016 11:01:00 MYANMAR
    Scontri nello Stato Shan: distrutta la chiesa di San Francesco Saverio a Mung Koe

    La parrocchia è stata colpita dai bombardamenti dell’esercito governativo, che nel nord-est del Paese combatte milizie di etnia Kachin e Shan. Il vescovo: “È rimasto in piedi solo il campanile. I sacerdoti, le suore e i fedeli sono fuggiti in Cina”.  



    09/12/2016 15:08:00 MYANMAR
    Vescovo di Lashio: La mia diocesi, ferita dalla guerra e dalla droga

    Mons. Phillip Za Hawng racconta la drammatica situazione in cui versa la parte settentrionale dello Stato Shan, dove infuriano gli scontri fra esercito governativo e ribelli. La fuga dei civili in Cina per fuggire la violenza; l’analfabetismo e il commercio di droga dilagante. Una proposta per la pace duratura.



    16/12/2014 MYANMAR
    Kunlong: ribelli attaccano avamposti dell’esercito birmano, sette morti e 20 feriti fra i militari
    L’attacco è avvenuto il 10 dicembre scorso, in una zona remota dello Stato Shan al confine con la Cina. Per i media filo-governativi è un attacco deliberato, sferrato senza provocazioni, mentre l’esecutivo è “impegnato” nei processi di pace. L’ultimo round di colloqui è del 27 settembre e si è concluso con un nulla di fatto.

    19/09/2011 MYANMAR
    Delegato apostolico in Myanmar in visita all’arcidiocesi di Mandalay
    Il rappresentante pontificio ha celebrato una messa nella cattedrale del Sacro Cuore. Ai fedeli: l’amore è il centro della vita umana. Egli ha visitato un seminario e annunciato una nuova visita all’inizio del 2012. Appello dei vescovo di Myitkyina per la pace nello Stato Kachin. Si aggrava la situazione dei profughi, in fuga dalla guerra fra esercito e truppe ribelli.

    10/06/2014 MYANMAR
    Leader religiosi, attivisti e società civile in piazza per la pace nello Stato Kachin
    Movimenti e associazioni insieme per la pace, in concomitanza con il terzo anniversario dalla ripresa del conflitto nello Stato a nord del Myanmar. Fra i promotori di “Call for peace” attivisti cattolici e protestanti. Appello al governo perché punisca l’uso dello stupro come arma di guerra. Necessarie riforme in chiave “federale” del Paese.



    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®