3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/08/2012
TIBET – CINA
Sichuan, monaco tibetano condannato a 7 anni di carcere duro
La sua colpa è quella di aver diffuso notizie e fotografie sull’auto-immolazione della monaca Tenzin Wagmo. Arrestato e torturato per 8 mesi, è riapparso per il velocissimo processo e la lettura della sentenza. Intanto, le autorità proibiscono ai tibetani il suicidio: “Chi infrange la legge, rischia l’arresto”.

Pechino (AsiaNews) - La Corte intermedia del popolo della prefettura tibetana di Ngaba (Sichuan) ha condannato a 7 anni di carcere duro Yonten Gyatso (nella foto durante la lettura della sentenza), monaco di 37 anni "colpevole" di aver diffuso la fotografia della monaca auto-immolata Tenzin Wagmo. I giudici lo hanno ritenuto colpevole anche di "aver diffuso informazioni politiche all'estero" e di "aver cercato di contattare per telefono i funzionari delle Nazioni Unite preposti alla sezione diritti umani". Gyatso è stato destinato alla prigione di Mianyang, nella provincia del Sichuan.

Il primo arresto del monaco risale al 18 ottobre del 2011. Gli agenti hanno fatto irruzione nel monastero Khashi Gyephel Samteling, dove Gyatso era maestro cantore [umze, carica interna ai monasteri buddisti di grande prestigio] e direttore della disciplina interna. Dopo l'arresto, era stato incarcerato e torturato nella prigione di Bhugang, nei pressi della capitale del Sichuan. Da allora è sparito per riapparire durante il processo.

Nel frattempo, i tentativi di fermare le auto-immolazioni da parte delle autorità comuniste rasentano il ridicolo: un cartello, diffuso durante la famosa gara equestre di Maqu, proibisce il suicidio ai presenti. Le autorità comuniste hanno infatti permesso, dopo uno stop di 4 anni, di celebrare la gara: un lungo percorso a cavallo in cui 12 squadre si sfidano per 5 giorni fra velocità e resistenza.

Tuttavia, data la notorietà della gara, i funzionari locali hanno inviato centinaia di agenti in tenuta anti-sommossa per prevenire ogni possibile protesta. Inoltre, hanno emanato un ordine pubblico in 11 punti che di fatto proibisce ai locali di "esprimere ogni forma di dissenso". Nel testo si proibisce "il trasporto e l'uso di materiali infiammabili e velenosi" e la diffusione di volantini "dal contenuto politico, religioso, culturale ed economico".

Il punto n°10 recita: "E' vietato mettere in atto ogni forma di protesta, dimostrazione, appello, auto-immolazione e suicidio". La pena per chi dovesse violare questo regolamento, secondo il punto n°11, "è la detenzione nei casi più leggeri di infrazione. Per chi infrange invece il punto 10 è previsto l'arresto e il giudizio davanti a un tribunale competente".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/05/2015 TIBET – CINA
Tibet, padre di quattro figli si dà fuoco per protesta contro il dominio cinese
08/02/2013 TIBET – CINA
Qinghai, 13 anni di carcere per un’auto-immolazione mai avvenuta
29/11/2012 TIBET – CINA
Tibet, un’altra auto-immolazione. E gli studenti scendono in piazza contro Pechino
14/02/2013 NEPAL - TIBET - CINA
Altri due tibetani si auto-immolano contro l'oppressione cinese
28/10/2014 TIBET - CINA
Tibet, monaco buddista condannato a 12 anni per "separatismo"

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate