02 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/08/2012, 00.00

    TIBET – CINA

    Sichuan, monaco tibetano condannato a 7 anni di carcere duro



    La sua colpa è quella di aver diffuso notizie e fotografie sull’auto-immolazione della monaca Tenzin Wagmo. Arrestato e torturato per 8 mesi, è riapparso per il velocissimo processo e la lettura della sentenza. Intanto, le autorità proibiscono ai tibetani il suicidio: “Chi infrange la legge, rischia l’arresto”.

    Pechino (AsiaNews) - La Corte intermedia del popolo della prefettura tibetana di Ngaba (Sichuan) ha condannato a 7 anni di carcere duro Yonten Gyatso (nella foto durante la lettura della sentenza), monaco di 37 anni "colpevole" di aver diffuso la fotografia della monaca auto-immolata Tenzin Wagmo. I giudici lo hanno ritenuto colpevole anche di "aver diffuso informazioni politiche all'estero" e di "aver cercato di contattare per telefono i funzionari delle Nazioni Unite preposti alla sezione diritti umani". Gyatso è stato destinato alla prigione di Mianyang, nella provincia del Sichuan.

    Il primo arresto del monaco risale al 18 ottobre del 2011. Gli agenti hanno fatto irruzione nel monastero Khashi Gyephel Samteling, dove Gyatso era maestro cantore [umze, carica interna ai monasteri buddisti di grande prestigio] e direttore della disciplina interna. Dopo l'arresto, era stato incarcerato e torturato nella prigione di Bhugang, nei pressi della capitale del Sichuan. Da allora è sparito per riapparire durante il processo.

    Nel frattempo, i tentativi di fermare le auto-immolazioni da parte delle autorità comuniste rasentano il ridicolo: un cartello, diffuso durante la famosa gara equestre di Maqu, proibisce il suicidio ai presenti. Le autorità comuniste hanno infatti permesso, dopo uno stop di 4 anni, di celebrare la gara: un lungo percorso a cavallo in cui 12 squadre si sfidano per 5 giorni fra velocità e resistenza.

    Tuttavia, data la notorietà della gara, i funzionari locali hanno inviato centinaia di agenti in tenuta anti-sommossa per prevenire ogni possibile protesta. Inoltre, hanno emanato un ordine pubblico in 11 punti che di fatto proibisce ai locali di "esprimere ogni forma di dissenso". Nel testo si proibisce "il trasporto e l'uso di materiali infiammabili e velenosi" e la diffusione di volantini "dal contenuto politico, religioso, culturale ed economico".

    Il punto n°10 recita: "E' vietato mettere in atto ogni forma di protesta, dimostrazione, appello, auto-immolazione e suicidio". La pena per chi dovesse violare questo regolamento, secondo il punto n°11, "è la detenzione nei casi più leggeri di infrazione. Per chi infrange invece il punto 10 è previsto l'arresto e il giudizio davanti a un tribunale competente".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/05/2015 TIBET – CINA
    Tibet, padre di quattro figli si dà fuoco per protesta contro il dominio cinese
    Le auto-immolazioni salgono a 140 dal 2009, anno in cui è iniziata questa forma estrema di manifestazione contro Pechino. Tenzin Gyatso, 35 anni, è stato portato via dalla polizia in condizioni critiche: non è chiaro se sia morto o ancora vivo. Il governo centrale lancia raid e perquisizioni nelle aree tibetane in vista dell’80mo compleanno del Dalai Lama.

    08/02/2013 TIBET – CINA
    Qinghai, 13 anni di carcere per un’auto-immolazione mai avvenuta
    Prosegue la stretta di Pechino contro la popolazione tibetana: dopo i 70 arresti “in relazione ai suicidi”, un tribunale condanna un uomo per aver spinto un monaco al suicidio. Anche se il suicidio poi non si è verificato. Il regime comunista avverte: “Questa sarà la sorte di tutti i colpevoli”.

    29/11/2012 TIBET – CINA
    Tibet, un’altra auto-immolazione. E gli studenti scendono in piazza contro Pechino
    Nella regione di Luchu un padre di famiglia si uccide con il fuoco per protestare contro l’occupazione cinese: sono ormai 89 i suicidi degli ultimi mesi. E nel Qinghai gli studenti si una scuola di medicina protestano contro “l’educazione patriottica”: 20 feriti negli scontri, di cui 4 in gravi condizioni.

    14/02/2013 NEPAL - TIBET - CINA
    Altri due tibetani si auto-immolano contro l'oppressione cinese
    Un giovane monaco si dà fuoco e muore nella prefettura di Aba (Sichuan, Cina meridionale). A Kathmandu (Nepal) un altro giovane religioso sceglie il gesto estremo e si auto-immola davanti alla stupa buddista di Boudhanath. Dal 2009 sono 101 i tibetani che hanno scelto di immolarsi contro l'oppressione cinese.

    28/10/2014 TIBET - CINA
    Tibet, monaco buddista condannato a 12 anni per "separatismo"
    Tsangyang Gyatso, cantore del monastero di Trido, è stato arrestato in marzo con altri tre religiosi. Le accuse non sono state rese pubbliche, e non si conosce la sorte di quelli che sono stati fermati con lui. Raffica di arresti nell'area, dove è apparso un murales che recita "Il Tibet è indipendente".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®