29/10/2019, 11.45
CINA
Invia ad un amico

Silenzi e controllo al Plenum del Comitato centrale del Partito comunista cinese

di Wang Zhicheng

La Xinhua non riporta neanche una riga sui lavori. Il quartiere dove avviene il raduno è isolato e chiuso al traffico. Dissidenti e attivisti agli arresti domiciliari o sotto stretta sorveglianza.

Pechino (AsiaNews) – C’è silenzio totale su quanto avviene al Plenum del Comitato centrale del Partito comunista cinese, in corso da ieri nell’hotel Jingxi. In compenso vi è molto controllo poliziesco dell’area e dei dissidenti nella città.

Del Plenum che dura quattro giorni – e che non si radunava da 20 mesi – si sa solo che esso sta studiando le vie per modernizzare “il sistema socialista con caratteristiche cinesi e il progresso del sistema nazionale di governance e la sua capacità”.

Quest’oggi, dopo un giorno di lavori, la Xinhua, l’agenzia statale, non ha riportato nemmeno una riga sui contenuti e le discussioni.

Intanto, per evitare qualunque incidente, il quartiere dove si trova il Jingxi Hotel è stato isolato e chiuso al traffico (foto 2); le fermate della metropolitana adiacenti sono state chiuse e chi osa passare vicino viene perquisito (foto 3).

Molti dissidenti presenti nella capitale sono sotto controllo poliziesco e ad alcuni di loro è vietato perfino uscire di casa. Radio Free Asia conferma che la giornalista Gao Yu, l’attivista Li Wei, il dissidente Hu Jia, l’avvocato per i diritti umani Bao Longjun, il sopravvissuto al massacro di Tiananmen Qi Zhiyong sono tutti agli arresti domiciliari o sotto stretta sorveglianza.

Il Comitato centrale cade in un momento molto delicato per la Cina, segnata dalla guerra dei dazi con gli Usa, dalle manifestazioni di Hong Kong e da risultati risicati dell’economia. Diversi osservatori ed economisti cinesi chiedono da tempo una riforma del sistema economico cinese verso una maggiore liberalizzazione. Ma Xi Jinping, presidente e segretario generale del Partito sembra preoccupato solo di mantenere il potere personale e quello del Partito. Nel febbraio 2018  è riuscito a farsi riconoscere presidente a vita e ha ribadito che il Partito deve avere controllo e governo su ogni aspetto della società.

Un osservatore della capitale, che ha chiesto l’anonimato, ha dichiarato ad AsiaNews: “Temo che il Partito comunista modernizzerà solo l’uso delle tecnologie per dominare e controllare di più la popolazione, ma non farà alcun passo verso un sistema moderno di società come avviene nel resto del mondo”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Xi Jinping ‘imperatore a vita’. Ma davvero?
13/11/2017 08:14
Xi Jinping riporta indietro la Cina ai tempi di Mao Zedong
07/03/2018 08:35
Un nuovo Politburo senza un chiaro successore per Xi Jinping
25/10/2017 09:03
Annunciato il Quarto plenum del Comitato centrale del Partito comunista cinese
24/10/2019 10:53
Xi Jinping ‘nuovo imperatore’: la censura e gli applausi
27/02/2018 11:03