29 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/02/2017, 08.52

    EGITTO

    Sinai, cristiano copto ucciso con un proiettile alla nuca. È la terza vittima in due giorni



    La minoranza copta nel mirino delle cellule locali dello Stato islamico. L’omicidio è avvenuto ieri ad Al-Arich; la casa dell’uomo è stata incendiata. In precedenza uccisi un cristiano di 60 anni e il figlio; il giovane è stato bruciato vivo. Sui social Daesh annuncia nuovi attacchi.

    Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) - Nel nord della penisola del Sinai è stato ucciso ieri un cristiano copto egiziano e la sua casa è stata data alle fiamme. A rivendicare l’attacco una cellula jihadista legata allo Stato islamico (SI), attivo nella regione e già protagonista in passato di attacchi contro i cristiani. Si tratta della terza vittima in soli due giorni per la comunità copta locale. 

    Lo scorso 19 febbraio, in un video rilanciato sul sito di messaggistica Telegram, lo Stato islamico aveva promesso di colpire la comunità cristiana. E gli attacchi non si sono fatti attendere. 

    Il 22 febbraio le autorità hanno rinvenuto il corpo crivellato di proiettili di un cristiano di circa 60 anni; insieme a lui è morto anche il figlio, bruciato vivo dai jihadisti. Le autorità hanno ritrovato il cadavere del giovane all’alba, nel cortile posteriore di una scuola di Al-Arich. 

    Ieri la terza vittima in soli due giorni: un cristiano di 40 anni è stato ritrovato privo di vita, ucciso da un colpo di pistola alla nuca, sul tetto della propria abitazione. Dopo averlo ucciso, i terroristi hanno dato alle fiamme la sua casa. 

    Anche l’omicidio di ieri è avvenuto ad Al-Arich, capoluogo del Governatorato del Sinai del Nord. Gli inquirenti hanno subito concentrato le loro attenzioni sulla pista jihadista, confermata poi dalla rivendicazione dei miliziani di Daesh [acronimo arabo per lo Stato islamico] nella regione. 

    In precedenza, il 12 febbraio ad Al-Arich, alcuni uomini mascherati a bordo di una moto avevano ucciso - sempre a colpi di pistola - un veterinario cristiano, mentre si trovava al volante della propria autovettura. A fine gennaio un funzionario cristiano era stato ucciso da un gruppo di uomini armati; ancora ignota, in questo caso, l’identità degli assalitori. 

    Dal colpo di Stato militare del 2013, che ha messo fine alla presidenza di Mohamed Morsi e rovesciato il governo dei Fratelli musulmani, il nord del Sinai è teatro di attentati sanguinosi perpetrati da miliziani jihadisti. Il più delle volte gli attacchi si concentrano contro reparti dell’esercito, poliziotti, funzionari della sicurezza. Tuttavia, gli attacchi non hanno risparmiato nemmeno la minoranza cristiana copta. Fra questi, il più grave è stato l’attentato suicida dell’11 dicembre contro una chiesa copta ortodossa al Cairo, che ha causato 29 vittime. 

    In passato, anche al Qaeda aveva messo nel mirino i cristiani copti. In particolare, nel 2010 la cellula locale della rete del terrore guidata da Osama bin Laden aveva promesso la “pulizia” dai cristiani nella regione del Sinai. Minacce che si sono concretizzate la notte del primo dell’anno del 2011, quando un’autobomba è esplosa davanti a una chiesa copta uccidendo anche in questo caso 29 persone.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/03/2017 10:50:00 EGITTO
    Nord Sinai, i racconti dei copti in fuga dall’Isis: l'Egitto è intervenuto “troppo tardi”

    Nelle ultime settimane centinaia di famiglie cristiane nel mirino dello Stato islamico hanno abbandonato al-Arish. Il governo pronto a coprire le spese per vitto, alloggio e scolarizzazione degli sfollati. Dai jihadisti liste con i nomi dei copti da giustiziare. Critiche alle autorità e all’esercito per la lentezza nell’intervento.

     



    06/03/2017 16:04:00 EGITTO
    Nord Sinai, violenze anti-cristiane: sono 259 le famiglie copte in fuga dallo Stato islamico

    Cresce il numero delle famiglie che hanno abbandonato al-Arish. Esse hanno trovato ospitalità in 13 diverse province del Paese. Nuove minacce jihadiste contro i cristiani. Il presidente al-Sisi chiede di fornire il massimo sostegno ai nuclei in fuga. Ma la crisi rallenta gli aiuti. A Minya vietata per motivi di sicurezza la messa domenicale. 

     



    24/02/2017 14:39:00 EGITTO
    Portavoce Chiesa cattolica: dolore per le vittime cristiane. Sinai, zona pericolosa

    P. Rafic Greiche esprime vicinanza alla comunità copta che piange sei vittime negli attacchi delle ultime settimane. Nell’area al confine con Israele e Gaza sono attivi gruppi terroristi, colpiti soprattutto i militari e musulmani. Il governo cerca di garantire la sicurezza ma è impossibile sventare ogni attentato.



    01/07/2016 12:26:00 EGITTO
    Sinai, portavoce Chiesa cattolica: I cristiani sono considerati "obiettivi legittimi"

    P. Rafic Greiche: milizie estremiste considerano i non wahabbiti “dei nemici da colpire”. L’area è “da tempo” teatro di violenze; per i miliziani chiese e sacerdoti sono “un target legittimo”. L’uccisione del sacerdote copto ortodosso in concomitanza con l’anniversario della deposizione di Morsi: "Un evento non casuale”. 



    09/01/2017 13:02:00 EGITTO
    Sinai, attacco a un checkpoint della sicurezza egiziana: otto morti e dieci feriti

    Nell’attentato coinvolti poliziotti e civili. Finora non vi sono rivendicazioni ufficiali dell’attentato. Un gruppo di terroristi ha aperto il fuoco a un punto di controllo, poi è sopraggiunta una vettura imbottita di esplosivo. Danni agli edifici circostanti. È il secondo attacco nella zona del Sinai da inizio anno.

     





    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®