24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/07/2016, 12.26

    EGITTO

    Sinai, portavoce Chiesa cattolica: I cristiani sono considerati "obiettivi legittimi"



    P. Rafic Greiche: milizie estremiste considerano i non wahabbiti “dei nemici da colpire”. L’area è “da tempo” teatro di violenze; per i miliziani chiese e sacerdoti sono “un target legittimo”. L’uccisione del sacerdote copto ortodosso in concomitanza con l’anniversario della deposizione di Morsi: "Un evento non casuale”. 

    Il Cairo (AsiaNews) - Nella regione del Sinai “i cristiani sono da tempo un obiettivo” di terroristi che si proclamano “jihadisti di ispirazione wahabbita” e che vedono nelle minoranze religiose o nelle altre confessioni musulmane “dei nemici da colpire”. È quanto afferma ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, commentando l’assassinio di un sacerdote copto ortodosso, ucciso ieri a colpi di arma da fuoco nella Penisola del Sinai. “Si tratta di un’area - aggiunge p. Rafic - già al centro di gravi episodi di violenze di matrice jihadista, con l’uccisione di soldati, poliziotti, militari. Nella zona chiese, sacerdoti e religiosi sono considerate un target legittimo”. 

    In particolare, dietro l’attacco di ieri mattina vi sarebbero le milizie dello Stato islamico (SI) che hanno rivendicato su un sito web filo-estremista l’assassinio del 46enne Raphael Moussa, deceduto sul colpo dopo che alcuni proiettili lo hanno colpito alla testa. Al momento dell’attacco egli si trovava in piedi accanto alla sua auto nella città di El-Arish, località costiera e capoluogo della provincia del Sinai settentrionale, a soli 20 km di distanza dal confine con Gaza. Si tratta di un’area crocevia di traffici di armi e milizie, ancora oggi fuori controllo per l’esercito del Cairo. 

    Dopo aver celebrato la messa il sacerdote, sposato e padre di due figli, aveva portato la sua vettura da un meccanico perché necessitava di riparazioni. In pochi minuti un commando è entrato in azione e lo ha freddato. Dal 2012 egli era al servizio della parrocchia di San Giorgio a El-Arish. In un sito web jihadista le milizie del “Califfato” hanno rivendicato l’uccisione, accusandolo di aver “combattuto l’islam” e per questo è stato punito con la vita. 

    “Questa è una mentalità radicata nei gruppi combattenti - spiega il portavoce della Chiesa cattolica egiziana - che va combattuta sia sul piano militare, sia attraverso l’educazione e la scolarizzazione delle nuove generazioni. Un processo lungo, che richiede tempo, ma necessario”. 

    Raphael Moussa era giunto nella zona nel 2012 assieme a p. Mina Aboud, sacerdote copto morto nel luglio 2013 anch’egli per mano di milizie estremiste. L’assassinio è avvenuto nel contesto delle violenze seguite al colpo di Stato militare che, all’epoca, aveva destituito l’allora presidente Mohammed Morsi, sostenuto dai Fratelli musulmani. 

    L’omicidio di ieri giunge in concomitanza con l’anniversario della grande manifestazione popolare contro Morsi - era il 30 giugno 2013 - in seguito alla quale il generale al-Sisi, oggi presidente, era intervenuto arrestando Morsi e mettendo al bando la Fratellanza. Le frange estremiste islamiche non hanno mai perdonato ai cristiani copti di essersi schierati con al-Sisi, oggi garante dell’unità nazionale e difensore libertà religiosa, sebbene le voci critiche lo accusino di usare la forza per reprimere il dissenso e violare i diritti civili. 

    La concomitanza dell’attacco al sacerdote con l’anniversario “potrebbe non essere casuale”, sottolinea p. Rafic Greiche, il quale aggiunge che “sempre ieri a Minya sono state bruciate le case di alcuni cristiani”. Questi episodi di violenza, aggiunge, potrebbero essere “una vendetta dei sostenitori di Morsi, che vogliono colpire i cristiani perché non hanno sostenuto al tempo il presidente”. Del resto, conclude, “ogni volta che c’è una ricorrenza o un anniversario sensibile si verificano attacchi”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/10/2017 13:15:00 EGITTO
    Vescovo: l’assassino del sacerdote copto è un ‘fanatico’ estremista islamico

    Il vescovo di Beba Abba Estiganous parla di elementi di matrice confessionale nell’omicidio del “martire” Sam'an Shehata. Mohamed Sonbaty in passato avrebbe attaccato i suoi stessi familiari e incendiato la casa. Per i vicini è un “noto radicale”. Il dolore e la preghiera della Chiesa cattolica. 

     



    13/10/2017 11:39:00 EGITTO
    Sacerdote copto ucciso alla periferia del Cairo, probabile matrice estremista

    L’omicidio è avvenuto a El-Marg, sobborgo nord-orientale della capitale. Fonti locali parlano di “crimine di odio” compiuto da un elemento vicino al fondamentalismo. La polizia avrebbe individuato e fermato l’assalitore, ora sottoposto a interrogatorio. Cristiani egiziani nel mirino dell’estremismo islamico.

     



    11/12/2016 12:51:00 EGITTO
    Attacco terrorista vicino alla cattedrale copta del Cairo. Almeno 25 morti e decine di feriti

    L'esplosione è avvenuta nella chiesa di san Pietro, durante la liturgia. Un testimone: Corpi e sangue, oltre a distruzioni. Nessuna rivendicazione per il momento.



    14/12/2016 13:24:00 EGITTO
    Cairo, lo Stato islamico rivendica l’attacco ai copti e promette nuove stragi

    Un kamikaze, identificato con lo pseudonimo di Abu Abdallah al-Masri, si è “mescolato fra la folla” e “ha azionato la cintura esplosiva”. Nel mirino dei miliziani “ogni infedele e apostata in Egitto e da tutte le altre parti”. La testimonianza del sacerdote che celebrava messa al momento dell'attacco. 

     



    13/12/2016 15:01:00 EGITTO
    Cairo, dietro l’attacco alla cattedrale copta la mano dei Fratelli musulmani

    Arrestate quattro persone, di cui una donna, per l’attacco dell’11 dicembre. Altre due persone sono ricercate e al momento risultano latitanti. Identificato un kamikaze; secondo gli inquirenti sarebbe legato alla Fratellanza. Ma il movimento nega ogni coinvolgimento nell’attentato. Il momento dell’esplosione catturato da una telecamera di sicurezza del patriarcato.

     





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®