17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/02/2014, 00.00

    SIRIA

    Siria, i ribelli "pronti all'offensiva di primavera" per il controllo di Damasco



    Governo e opposizione si sfidano sul piano militare: attesa una "grande battaglia" per Daraa, provincia considerata "il cancello" per la capitale. "Migliaia" di combattenti addestrati in Giordania dalle forze occidentali. Ban Ki-moon invita le parti a tornare al tavolo dei colloqui di pace.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - I ribelli che operano nella parte meridionale della Siria stanno organizzando una "offensiva di primavera" contro Damasco. Secondo fonti del governo e dell'opposizione, all'interno di questa offensiva è previsto lo spiegamento di quei combattenti che sono stati addestrati dalle forze occidentali in Giordania. Allo stesso tempo l'esercito regolare siriano sta riposizionando le proprie truppe nella provincia di Quneitra, nei pressi del confine israeliano, e punta a fermare l'avanzata dei ribelli a Daraa. Dal canto suo, il Segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha dichiarato che "solo i colloqui di Ginevra" possono portare la pace nel Paese e ha invitato "tutte le parti in causa" a tornare al tavolo del dialogo dopo il fallimento del secondo round di incontri.

    Sul campo si teme l'arrivo di migliaia di ribelli addestrati dagli Stati Uniti. Abdullah al-Qarazi, ex ufficiale dell'esercito regolare e oggi comandante ribelle, ha messo in chiaro che l'offensiva ci sarà: "La provincia di Daraa è il cancello di Damasco. È da qui che inizia la battaglia per la capitale". Per ora, ha aggiunto, "abbiamo solo la garanzia che le armi arriveranno da quelle nazioni che sostengono la rivolta contro Assad. Se le promesse saranno onorate, a Dio piacendo arriveremo nel cuore della capitale".

    Dall'estate del 2013, i ribelli possono vantare il controllo di parti della città di Daraa e di alcune posizioni strategiche nei pressi del confine giordano: queste potrebbero divenire il corridoio per il passaggio delle armi. Inoltre hanno formato una coalizione composta da 47 fazioni e aperto canali di comunicazione con i combattenti della provincia di Damasco e con quelli che lottano a Quneitra, nel Golan. Da parte sua, l'esercito regolare non ha intenzione di cedere: secondo un funzionario del governo, "tutto è pronto" per la battaglia di Daraa.

    I venti di guerra non fermano le "speranze" delle Nazioni Unite per una ripresa dei colloqui di pace. Martin Nesirky, portavoce del Segretario generale Ban Ki-moon, ha chiarito che il leader Onu "resta convinto che solo Ginevra II sia la strada da percorrere. Sta cercando di convincere le parti in causa a tornare il prima possibile al tavolo, in modo che il processo di pace possa continuare. Ma si tratta di un processo, non di un singolo evento che può verificarsi in uno o due incontri. Ci vorrà molto tempo". 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/05/2014 SIRIA
    Accordo per la fine dell'assedio a Homs. La fame, un nuovo strumento di guerra
    Dopo quasi due anni di assedio, i ribelli potranno lasciare la città, portando aiuti e cure per i civili e i feriti. Lo "scambio" con gli aiuti in due villaggi sciiti pro-regime. L'Onu accusa "le parti in lotta" di non aiutare l'apertura di canali umanitari. Necessari "aiuti massicci" per i rifugiati interni e i profughi nella regione e nei Paesi di accoglienza.

    10/06/2015 SIRIA

    I ribelli conquistano una base militare vicino a Deraa
    E’ l’ultima di una serie di sconfitte dell’esercito siriano. Conquistato anche un villaggio cristiano ad al-Rakham. In corso i dialoghi fra 150 rappresentanti dell’opposizione al Cairo. Si prospetta una soluzione politica sotto l’egida Onu, ma si esclude ogni futuro per il regime di Assad. Il bilancio dei morti in quattro anni di guerra.

    06/12/2016 08:50:00 SIRIA - ONU
    Mosca e Pechino bloccano la risoluzione Onu per la tregua ad Aleppo

    Secondo la Russia il documento viola una delle regole del Consiglio di sicurezza. Replica degli Stati Uniti, che parlano di “alibi preconfezionati”. Peggiora la situazione umanitaria nel quartieri controllati dall’opposizione. Per i ribelli è “inaccettabile” ogni offerta di evacuazione. Il Congresso Usa vota per fornire al fronte anti-Assad missili anti-aerei. 

     



    05/12/2016 08:50:00 SIRIA - ONU
    Metà del settore orientale di Aleppo in mano ad Assad

    L’obiettivo dei lealisti è riconquistare l’intera metropoli nelle prossime settimane. Decine di migliaia gli sfollati, si teme un nuovo esodo di civili. Oggi il Consiglio di sicurezza Onu vota una risoluzione per il cessate il fuoco temporaneo. 

     



    01/12/2016 08:58:00 SIRIA - ONU
    Onu: Aleppo est, un “gigantesco cimitero”. Servono corridoi umanitari

    Il sottosegretario delle Nazioni Unite per gli Affari umanitari lancia un appello a quanti possono “influenzare” le sorti del conflitto. Necessario “proteggere i civili” in fuga” e garantire “l’accesso all’area sotto assedio”. Fonti dell’opposizione definiscono Aleppo “una tomba” e le truppe di Assad hanno iniziato “la resa dei conti”. 

     





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®