21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/04/2012, 00.00

    SIRIA

    Siria, sembra tenere il cessate il fuoco fra regime e ribelli



    Il responsabile del Syrian Human Rights Observatory sottolinea che la situazione è calma in tutta la regione. Il cessate il fuoco proposto da Onu e Lega araba è iniziato alle 6 di questa mattina (ora locale). In caso di violazione, esercito e Free Syrian Army minacciano la ripresa delle ostilità. Ieri, si sono registrati scontri a Homs e in altre città del Paese.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - La Siria dà il via al cessate il fuoco proposto da Kofi Annan, inviato di Onu e lega Araba. L'ultimatum è scaduto questa mattina alle 5 (ora locale). Secondo Rami Abdel Rahman, responsabile del Syrian Human Rights Observatory,  "la situazione è calma in tutta la regione". La decisione del regime di Bashar al Assad giunge dopo un mese di pressioni da parte della comunità internazionale, soprattutto la Russia. Nelle scorse settimane, lo storico alleato del governo siriano ha cercato più volte di convincere Assad ad accettare il piano di Annan per evitare un'azione militare in stile Libia promossa da Arabia Saudita e Qatar.

    In una lettera inviata ad Annan, Ahmad Fawzi, portavoce del ministro degli Esteri siriano Walid al-Moualem, ha confermato che l'esercito ha cessato le ostilità alle 6 di questa mattina (ora locale). Egli sottolinea però che le truppe risponderanno a qualsiasi attacco dei ribelli, che da parte loro si riservano il diritto di reagire alle provocazioni del regime. Ieri, Ayham al-Kurdi portavoce del Free Syrian Army ha espresso le sue perplessità sugli effetti reali di un cessate il fuoco. "Nessuna delle due parti - ha affermato - ha intenzione di fermare le violenze. Se il regime smette davvero di sparare il popolo siriano marcerà verso il palazzo presidenziale". "Per questa ragione - continua - l'esercito non terminerà mai la sua offensiva".    

     Il piano di pace Onu-Lega araba è l'ultima possibilità di portare la pace in Siria. Diviso in sei punti esso prevede la fine delle violenze, l'applicazione progressiva di un cessate il fuoco, la fornitura di aiuti umanitari, il rilascio delle persone detenute senza processo, la libera circolazione ai giornalisti, l'avvio di un dialogo politico fra governo e opposizione. Tuttavia secondo gli esperti la sua attuazione rimane precaria.

    Ieri, a poche ore dalla scadenza dell'ultimatum, si sono registrati scontri a Homs, Deraa e a ovest di Damasco. Fonti ribelli denunciano la morte di oltre 30 persone.  

    Dopo un anno di scontri,  il bilancio della guerra fra regime siriano e Free Syrian Army è di 9mila vittime e decine di migliaia di sfollati, secondo dati Onu. Il governo Assad sostiene invece che i morti sono  3.838:  2.493 civili e 1.345 fra militari e forze di sicurezza.   

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/09/2012 SIRIA
    Damasco, tiepide aperture del regime a Onu e Croce Rossa internazionale
    All'Assemblea generale Onu, il rappresentante siriano assicura piena collaborazione al sostituto di Kofi Annan, Lakhdar Brahimi. Bashar al-Assad loda invece il lavoro imparziale compiuto da Croce rossa e Mezzaluna rossa. Ban ki moon si scaglia contro i Paesi che continuano a fornire armi al regime e ai ribelli.

    16/08/2012 SIRIA
    L'Onu condanna esercito e ribelli per crimini di guerra contro la popolazione siriana
    Esercito e milizie paramilitari sono responsabili della strage di Houla costata la vita a oltre 100 civili. Meno gravi le accuse contro i ribelli. Il documento presenta però gravi lacune dovute alla difficoltà di indagini sul campo. I Paesi musulmani cacciano la Siria dall'Organizzazione per la cooperazione islamica (Oci). I cattolici consacrano il Paese al Cuore Immacolato di Maria.

    30/07/2012 SIRIA
    Arcivescovo armeno di Aleppo: le parole del Papa, segno di speranza per tutti i siriani
    Mons. Marayati, commenta il messaggio del pontefice al popolo siriano pronunciato ieri all'Angelus. I cattolici di Aleppo affrontano la guerra pregando e digiunando per il dialogo e la riconciliazione. Fonti di AsiaNews sottolineano le gravi condizioni della popolazione. Alto il rischio di una catastrofe umanitaria.

    25/07/2012 SIRIA
    L'esercito siriano riprende il controllo della capitale. L'offensiva si sposta ad Aleppo
    Dopo sei giorni di bombardamenti Damasco è ormai una città fantasma. Ma la situzione sta tornando alla normalità. Fonti di AsiaNews raccontano il lavoro della Chiesa a favore di rifugiati e popolazione. Ad Aleppo l'esercito utilizza elicotteri e aerei da guerra per combattere i ribelli.

    17/04/2012 SIRIA
    Damasco, ribelli e regime violano il cessate il fuoco. Fallisce il piano di Kofi Annan
    Fonti di AsiaNews descrivono la situazione caotica, instabile e pericolosa. Opposizione composta da gruppi estremisti giunti in Siria solo per uccidere. Al via la missione degli osservatori di Onu e Lega Araba.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®