23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/02/2017, 12.54

    SIRIA

    Siria del sud: si intensificano i combattimenti, la Giordania pronta a intervenire



    Epicentro degli scontri la città di Dara’a. Aspra battaglia fra esercito regolare siriano e fazioni armate. La prospettiva di un coinvolgimento diretto dell’esercito di Amman. I jihadisti puntano alla “liberazione” del Paese. Intanto si discute di una possibile zona sunnita da Dara’a a Deir Ez Zor.

     

    Damasco (AsiaNews) - Negli ultimi giorni si sono intensificati i combattimenti nel sud della Siria. Epicentro dello scontro la città di Dara’a, dove le fazioni armate e l’esercito regolare siriano si fronteggiano in un’aspra battaglia. A innescare la nuova spirale di violenze,  un attacco improvviso sferrato lo scorso 12 febbraio dal gruppo jihadista Hayaat Tahrir Al Sham (Organo per liberare Al Sham), costituito di recente. 

    I combattimenti avvenuti sinora riguardavano in particolare l’hinterland, mentre la città di Dara’a era rimasta (quasi) sempre al riparo. Tuttavia, nel pomeriggio del 12 febbraio gli uomini della Haya’at guidati da Abu Jaber (Hashem) El Sheikh - noto per i suoi ottimi rapporti con Ankara e Riyadh - hanno lanciato l’operazione militare “Morte anziché umiliazione” (Al Mawt Wala al mazella).

    L’attacco sferrato a Dara’a è avvenuto in concomitanza con la visita ufficiale del presidente turco Recep Tayyip Erdogan in Arabia Saudita, iniziata il 13 febbraio. 

    Questa violazione del cessate il fuoco a Dara’a, a dispetto dell’accordo raggiunto fra Giordania (e Turchia) e Russia non è certo il primo. Tuttavia, esso contiene delle note singolari poiché avviene nel momento in cui si parla con sempre maggiore insistenza ad Amman e Washington di una (eventuale) zona sunnita in Siria da Dara’a a Deir Ez Zor. A questo si aggiunge la prospettiva di un futuro federalismo per il Paese, secondo quanto affermato di recente anche dal generale americano David Petraeus. 

    Voci non confermate, ma che circolano con insistenza fra le alte sfere della diplomazia giordana parlano di un possibile coinvolgimento diretto dell’esercito di Amman, sulla falsariga dell’impegno turco nel nord. Un piano che intende ripercorrere i successi di Ankara nell’operazione “Scudo dell’Eufrate” e con l’occupazione dell’esercito turco della città di Al Bab, ultimo bastione di Daesh [acronimo arabo per lo Stato islamico] a nord di Aleppo. Operazioni, queste ultime, avvenute nonostante il veto del governo siriano. 

    Al contempo Haya’at Tahrir Al Sham ha sferrato attacchi contro la fazione jihadista armata dell’opposizione siriana Jend Al Aqsa (Soldati della moschea di al Aqsa) sia a Idlib che a Hama, a conferma di una guerra di tutti contro tutti in un contesto sempre più frammentato. Le epurazioni ed eliminazioni all’interno dei gruppi jihadisti in Siria sono al culmine, soprattutto dopo la chiara scelta del capo El Sheikh, alla guida del muovo comando unificato dei jihadisti siriani di Al Haya’at. Egli avrebbe dichiarato di voler abbandonare “almeno temporaneamente” l’idea di creare un Califfato come invocato dai movimenti jihadisti internazionali, per concentrarsi sulla guerra di “liberazione” dell’intero territorio siriano. 

    La guerra in corso a Dara’a contro l’esercito regolare siriano è condotta, in apparenza, da al Haya’at con 300 uomini. In realtà, vi è la mano di al Nusra dal momento che il gruppo di Al Zenki non è presente nel sud siriano e vi è il contributo di altri 200 uomini di Ahrar El Sham cui si aggiungono alcuni combattenti di Bayt al Maqdes e numerosi mercenari.

    I disordini al confine con la Giordania potrebbero effettivamente dare ad Amman il pretesto di entrare nel sud della Siria e attuare lo stesso progetto compiuto dalla Turchia nel Nord. Insieme all’Egitto, la Giordania è stata oggetto di feroci critiche da parte del ministero saudita degli Esteri per aver concluso un accordo con la Russia. E ora si trova nell’obbligo di essere coinvolta direttamente nel conflitto siriano, con tutte le conseguenze che potrebbero derivare da tale intervento. 

    Tuttavia, quel che più interessa al Nusra è di non diventare di nuovo il capro espiatorio degli accordi con i russi, come è avvenuto nel nord della Siria con la Turchia, finendo poi per essere la parte più colpita. 

    Per quanto riguarda le notizie dal fronte sembrerebbe che l’esercito siriano sia riuscito a respingere gli attacchi dei jihadistii senza perdere alcuna posizione; si tratta però solo di una battaglia in una guerra che sembra ancora lunga e piena di sorprese. Quel che trapela è che con tale azione, la Haya’at cerca di tessere nuovi rapporti internazionali e regionali e farsi riconoscere come elemento imprescindibile in qualsiasi futura riconciliazione o soluzione siriana. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/09/2016 11:50:00 SIRIA - ISRAELE
    Alture del Golan, Israele sostiene gruppi fondamentalisti islamici nella lotta contro Damasco

    L’aviazione israeliana ha bombardato postazioni dell’esercito siriano in risposta al lancio di un razzo. Cresce la tensione fra Damasco e lo Stato ebraico lungo i confini nel Golan. Fonti locali parlano di un coinvolgimento diretto di Israele nel conflitto con raid aerei, colpi di artiglieria e rifornimento di armi ai mujaheddin.

     



    31/01/2017 07:55:00 SIRIA
    Miliziani evacuati da Wadi Barada. Finita l’emergenza idrica a Damasco

    Quasi 1200 miliziani hanno lasciato l’area insieme alle loro famiglie. I convogli si sono diretti verso Idlib, principale centro della Siria per numero di jihadisti. L’area rappresenta la fonte principale di approvvigionamento di acqua a Damasco. Riparati i danni che hanno prosciugato a lungo le forniture.



    10/05/2016 12:00:00 SIRIA
    Parroco di Aleppo: tregua infranta “migliaia” di volte, in città ancora missili e vittime

    Per p. Ibrahim “l’intensità è diminuita, ma tantissimi gruppi non rispettano” il cessate il fuoco. In città aumentano i prezzi e la lira siriana è in caduta libera. Il 13 maggio un rito ecumenico segnerà la consacrazione della Siria, e di Aleppo, al Cuore immacolato di Maria per la pace. Continua l’opera della Chiesa a favore delle vittime del conflitto: alimenti, assistenza sanitaria e denaro. 



    06/05/2016 12:36:00 SIRIA
    Vescovo siriano: l’attacco al campo profughi di Idlib è anomalo. Ad Aleppo “violenza cieca”

    Mons. Abou Khazen invita alla cautela sull’attacco al centro per rifugiati al confine turco, in cui sono morte 28 persone. Ad Aleppo la gente “vive nel terrore”, in molti “hanno ripreso a scappare”. La tregua “infranta migliaia di volte”, si profila una “catastrofe umanitaria”. Caritas Siria lancia una campagna di raccolta sangue per i feriti di Aleppo. Stasera a Damasco si prega per la pace. 



    09/12/2016 11:25:00 SIRIA
    Un'intervista ad Assad: Sì al dialogo inter-siriano, contro terrorismo e ingerenze straniere

    Il presidente siriano traccia una distinzione fra le opposizioni presenti nel Paese. Non tutte sono collaborazioniste ed è possibile un confronto con chi “non è al servizio di agende straniere”. Attacca Arabia Saudita e Qatar responsabili della superiorità di Israele nella regione. Lotta alla corruzione e l’impegno a migliorare le condizioni di vita dei cittadini. Tregua nei combattimenti ad Aleppo. 

     





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®