28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/06/2012, 00.00

    MYANMAR – SVIZZERA

    Sittwe, calma apparente dopo le violenze religiose. Per Aung San Suu Kyi dilemma Rohingya



    Colonnello dell’esercito e responsabile della sicurezza nello Stato Rakhine parla di “situazione sotto controllo”. Ma restano i timori di nuovi scontri fra buddisti e musulmani. La leader dell’opposizione in Svizzera parla di legalità e controllo dei confini, ma glissa sulla cittadinanza della minoranza musulmana. Portavoce Nld: “I Rohingya non sono nostri concittadini”.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) - Le autorità birmane riferiscono che nello Stato di Rakhine, teatro nelle scorse settimane di violenze interconfessionali fra buddisti e musulmani, è tornata la calma e la situazione è sotto il controllo delle forze di sicurezza. L'annuncio arriva dal colonnello Htein Linn, responsabile dei Confini e della sicurezza dello Stato nord-occidentale, che in una conferenza stampa nella capitale Sittwe annuncia: "Possiamo dire che, adesso, la situazione è sotto controllo". Delle violenze a sfondo religioso in Myanmar ha parlato anche Aung San Suu Kyi, impegnata in un tour europeo iniziato due giorni fa in Svizzera e che nei prossimi giorni farà tappa in Norvegia, Irlanda, Inghilterra e Francia. La Nobel per la pace ha sottolineato che nel Paese deve valere il "principio della legalità" e della "supremazia della legge", ma non ha voluto spendere - forse per non irritare troppo la leadership di governo a Naypyidaw e lo stesso presidente Thein Sein - troppe parole di solidarietà per la minoranza musulmana Rohingya, ancora una volta vittima di abusi, straniera in patria (Myanmar) e respinta dalle nazioni musulmane dell'area (su tutti il Bangladesh). 

    Il colonnello Linn ha spiegato che sono tuttora in corso gli interventi a sostegno della popolazione locale e nega le voci circolate nelle ultime ore, secondo cui i rifugiati - nei campi e non - sarebbero ridotti alla fame. E aggiunge che quasi 32mila persone a oggi sono ospitate in 37 centri di accoglienza governativi sparsi per lo Stato di Rakhine, conosciuto anche col nome di Arakan. Tuttavia, nella zona si respira ancora una certa tensione e resta il timore di possibili nuovi scontri. Per questo sono intervenuti anche i leader religiosi birmani, invitando i fedeli alla calma e a collaborare con le autorità per riportare la pace.

    A scatenare le violenze nello Stato di Rakhine, lo stupro e seguente omicidio di una donna buddista avvenuto a fine maggio. Nei giorni seguenti una folla inferocita ha accusato alcuni musulmani uccidendone 10 di loro, che viaggiavano su un autobus ed erano del tutto estranei al fatto di sangue. La spirale di odio, sfociata in una vera e propria guerriglia, è quindi continuata nei giorni successivi e ha causato la morte di altre 29 persone, di cui 16 musulmani e 13 buddisti, altri 38 i feriti. Secondo le fonti ufficiali sono andate in fiamme almeno 2600 abitazioni. Al momento sono tre i musulmani sotto processo per la morte della donna.

    Della tensione fra buddisti dell'Arakan e musulmani Rohingya ha parlato anche Aung San Suu Kyi, in Europa per un tour ufficiale che ieri ha subito modifiche in seguito a un malore che ha colpito la leader dell'opposizione birmana durante una conferenza. Per i medici si è trattato di un episodio legato allo stress e alla stanchezza per il viaggio, ma la donna pare essersi ristabilita e continuerà il tour secondo programma. Rispondendo alle domande sulle violenze confessionali in Myanmar, la leader della Lega nazionale per la democrazia (Nld) ha rivendicato la "supremazia della legge", alla quale tutti i cittadini si devono uniformare. E aggiunge che è necessaria una sorveglianza "responsabile" lungo il confine fra Birmania e Bangladesh.

    Alla precisa richiesta se consideri i Rohingya - bollati come immigrati clandestini dal governo birmano e perseguitati dalla giunta militare al potere sino al 2010 - come cittadini a tutti gli effetti, Aung San Suu Kyi ha ripetuto che è necessario mantenere la legalità nel Paese e che occorre una chiara regolamentazione sul diritto di cittadinanza. Nello Stato di Rakhine vi è un "problema concreto" che è aggravato da "confini labili" che non riescono a impedire "l'immigrazione clandestina".

    Parole che non soddisfano i leader Rohingya birmani, fra cui Kyaw Min, un ex alleato che ha trascorso sette anni in galera come prigioniero politico: "[Parlare dei Rohingya] è politicamente rischioso per lei" ha commentato l'uomo. Più chiaro e netto, al contrario, il giudizio di Nyan Win, portavoce della Nld, che non commenta le parole di Aung San Suu Kyi ma aggiunge: "I Rohingya non sono nostri concittadini".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/06/2012 MYANMAR – SVIZZERA
    All’Ilo in Svizzera, parte il tour europeo di Aung San Suu Kyi
    Dopo 24 anni la leader dell’opposizione birmana torna in Europa, dove visiterà anche la Norvegia, l’Irlanda, l’Inghilterra e la Francia. A Oslo terrà il discorso di accettazione del Nobel per la pace vinto nel 1991. Per la “Signora” un momento “indimenticabile” che consacra il ruolo da protagonista nel panorama politico internazionale.

    04/07/2016 08:50:00 MYANMAR
    Stato Rakhine: migliaia di buddisti in piazza contro i Rohingya

    Yangon ha accettato la richiesta della Nazioni Unite e per indicare la minoranza islamica userà la formula “la comunità musulmana dello Stato Arakan”. I nazionalisti vogliono invece chiamarli “Bengali”, per sottolineare il loro essere migranti illegali dal Bangladesh.

     



    28/09/2012 MYANMAR – ONU
    Thein Sein all’Onu: con Aung San Suu Kyi, in Myanmar una “società armoniosa”
    Il ruolo “cruciale” della leader dell’opposizione. Ricordato il valore della “diversità” per la ricchezza della nazione. Tre gli obiettivi: stabilità, Stato di diritto e crescita economica, con previsioni del 7,7% entro il 2015. Una Commissione indipendente e interreligiosa per indagare sulle violenze contro i Rohingya.

    23/08/2012 MYANMAR
    Ramadan in Myanmar: moschee chiuse e divieto di preghiera per i Rohingya
    Per tutto il mese sacro di digiuno islamico, le autorità hanno messo i sigilli ai luoghi di culto. Nemmeno la festa finale di Eid ul-Fitr ha portato alla riapertura. Musulmani birmani e attivisti: “pressioni” sui musulmani perché lascino il Paese. Hrw: persecuzione “sponsorizzata dallo Stato”.

    28/03/2014 MYANMAR
    Arcivescovo di Yangon: un censimento “trasparente” è una “grande opportunità” di pace
    Mons. Charles Bo interviene sull’indagine statistica promossa dal governo birmano, la prima in 30 anni. Essa “getta le basi” per una pianificazione del processo “di pace e sviluppo”. Egli invita a preservare i “beni comuni”. Polemiche nelle scorse settimane per la mancata inclusione dei Rohingya fra le etnie riconosciute.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®