09/07/2010, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Speculazione in Cina: 64,5 milioni di nuove case sono disabitate

L’enorme volume è stato causato dalla speculazione immobiliare, che potrebbe creare presto disordini sociali e problemi finanziari. La denuncia di un accademico delle Scienze sociali e la preoccupazione del governo centrale.
Pechino (AsiaNews/Agenzie) – In Cina ci sono almeno 64,5 milioni di nuove case disabitate, uno dei segnali più preoccupanti della speculazione immobiliare e della conseguente bolla che sta crescendo nel Paese. Il mercato del mattone rimane infatti pericolosamente iper-stimolato, una scelta economica che rischia di distruggere la stabilità sociale e finanziaria. Lo denuncia uno dei maggiori economisti cinese, su un giornale ufficiale.
 
Secondo Yi Xianrong, economista dell’Accademia delle scienze sociali, “le misurazioni della distribuzione elettrica mostrano come ci siano circa 64,5 milioni di case e appartamenti vuoti, per la maggior parte nelle aree urbane del Paese. Sono state costruite speculando sul mercato, e non hanno trovato una sistemazione”.
 
Sul Quotidiano del popolo, il professore definisce questo dato “scioccante. Se la bolla immobiliare non scoppia, ci saranno ripercussioni terribili sul benessere dei residenti. Sarà colpita la sicurezza finanziaria e la crescita economica coordinata”. Questa bolla è stata creata “dalla sbagliata distribuzione delle risorse, da distorsione dei prezzi e dallo spreco del benessere che deriva dalla crescita economica”.
 
Anche se l’articolo è apparso sull’edizione internazionale del giornale, e non in quella cinese, la sua stesura dimostra che il governo ha paura di questa bolla e dell’instabilità che potrebbe creare. Pechino ha già annunciato una serie di misure per raffreddare il settore immobiliare, fra cui l’aumento dei tassi dei mutui, ma questo sembra ancora inefficiente.
 
Lo scorso maggio il prezzo degli immobili è cresciuto dello 0,2% rispetto al mese precedente, e questo influisce sulle fasce più deboli della popolazione. Per il professore, servono passi più robusti: “Il problema è che l’investimento immobiliare ha completamente rovesciato il concetto tradizionale della gestione del benessere”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I G20 cercano un compromesso sulla guerra delle valute
22/10/2010
Cina e Paesi emergenti con più potere al Fondo monetario internazionale
25/09/2009
Crisi economica: non basta un potere mondiale
12/08/2011
Il Fondo monetario internazionale prevede "rischi allarmanti" e recessione
09/10/2012
Fondo monetario internazionale: la crisi sta colpendo anche i Paesi più poveri
04/03/2009