28 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/12/2005, 00.00

    TERRA SANTA

    Speranze di pace nel messaggio natalizio di mons. Sabbah



    Il patriarca latino di Gerusalemme ricorda a palestinesi ed israeliani che "Dio vi ha creati non per aver paura l'uno dell'altro o per ammazzarvi, ma per amarvi gli uni e gli altri". Dall'una e dall'altra parte si notano però "nuovi segni e nuove espressioni". "La nostra Terra Santa è assetata di ritrovare la sua pace e la sua santità".

    Gerusalemme (AsiaNews) - Nella Terra Santa "assetata di ritrovare la sua pace e la sua santità", si notano "nuovi segni e nuove espressioni" tra israeliani e palestinesi e sembra che anche a livello politico si stia facendo strada la convinzione che "sicurezza per gli uni vuol dire libertà e sovranità gli altri". E' più forte rispetto al passato la speranza di pace nel messaggio natalizio di quest'anno del patriarca latino di Gerusalemme, mons. Michel Sabbah, reso noto oggi, che a "tutti i palestinesi" e "tutti gli israeliani" ricorda che "Dio vi ha creati non per aver paura l' uno dell'altro o per ammazzarvi, ma per amarvi gli uni e gli altri, per costruire e per collaborare insieme". E, rivolgendosi direttamente ai politici ammonisce: "Siate dei costruttori della vita, non già della morte. Sappiate che le demolizioni, la morte e la lotta non hanno portato, e non porteranno mai, che demolizioni, morte e la prosecuzione della lotta".

    Il patriarca latino di Gerusalemme vede una concreta possibilità di pace in quello che giudica un mutato atteggiamento delle forze politiche dell'uno e dell'altro campo. "L'attuale posizione palestinese che consiste nel reclamare tutti i diritti attraverso le vie della non violenza e della pace, dice che pace e giustizia sono possibili. Anche nella parte israeliana abbiamo visto e sentito dei nuovi segni e nuove espressioni. Speriamo che indichino una nuova visione e una nuova decisione. Le difficoltà sono numerose, ma è una volontà sincera che riduce ogni difficoltà e ne trova la soluzione. Se al contrario non c'è una sincera volontà, ogni difficoltà diviene un ostacolo insormontabile".

    E' tempo, scrive ancora mons. Sabbah, "di cambiare strada e di prendere buone decisioni  per giungere una buona volta per tutte alla pace e alla giustizia. Ogni lentezza a risolvere, persistendo le ingiustizie sotto ogni loro aspetto, il muro, le barriere, i prigionieri, gli assassini, tutto ciò non fa che nutrire la violenza. Quando cesseranno le ingiustizie, causa della violenza, cesserà la violenza e regnerà la sicurezza".

    "La nostra Terra Santa – conclude il messaggio, in quello che appare come un appello ai politici - è assetata di ritrovare la sua pace e la sua santità. Procurate ai due popoli la vita, la sicurezza e la dignità che reclamano. Governare è dono e servizio, non l'occasione per occupare dei posti o per conseguire dei benefici. Bisogna porre fine alle molteplici sofferenze che sono durate troppo in questa terra. Speriamo adesso che i nostri capi dedichino tutto il  tempo e tutte le loro energie per realizzare quel che bisognava compiere da sempre: la pace e la giustizia per due popoli capaci di vivere fianco a fianco in pace e come dei buoni vicini".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/12/2006 TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: la pace che il Natale annuncia è nel riavvicinamento tra i due popoli
    Nel suo messaggio, il Patriarca latino di Gerusalemme lamenta il proseguire di violenze, ingiustizia e occupazione. Betlemme “vive nelle stesse condizioni di morte, con il muro e i contrasti sulla terra e nei cuori”. Il futuro è nella convivenza tra israeliani e palestinesi, non nella separazione.

    11/04/2006 terra santa
    Mons. Sabbah, israeliani e palestinesi smettete di odiare

    Il messaggio di Pasqua del patriarca latino di Gerusalemme chiede ai governanti dei due popoli di "trasformare in termini di vita e di pace i rapporti tra i due popoli in questa terra santa".



    19/03/2008 TERRA SANTA
    Il patriarca di Gerusalemme lascia l’incarico e invoca la pace
    Mons. Michel Sabbah lascia la carica di patriarca Latino di Gerusalemme dopo vent’anni e diffonde un messaggio di Pasqua, invocando la pace e la riconciliazione in Terra Santa.

    15/03/2005 israele - palestina
    Israele, il Muro comprenderà Gerusalemme Est
    Oggi la consegna di Gerico alle forze palestinesi. Crolla l'appoggio popolare al terrorismo come strumento per una Palestina indipendente.

    15/03/2005 ISRAELE – PALESTINA
    Suora da Betlemme: il rosario per la pace e il no al Muro




    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®