24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/12/2005, 00.00

    TERRA SANTA

    Speranze di pace nel messaggio natalizio di mons. Sabbah



    Il patriarca latino di Gerusalemme ricorda a palestinesi ed israeliani che "Dio vi ha creati non per aver paura l'uno dell'altro o per ammazzarvi, ma per amarvi gli uni e gli altri". Dall'una e dall'altra parte si notano però "nuovi segni e nuove espressioni". "La nostra Terra Santa è assetata di ritrovare la sua pace e la sua santità".

    Gerusalemme (AsiaNews) - Nella Terra Santa "assetata di ritrovare la sua pace e la sua santità", si notano "nuovi segni e nuove espressioni" tra israeliani e palestinesi e sembra che anche a livello politico si stia facendo strada la convinzione che "sicurezza per gli uni vuol dire libertà e sovranità gli altri". E' più forte rispetto al passato la speranza di pace nel messaggio natalizio di quest'anno del patriarca latino di Gerusalemme, mons. Michel Sabbah, reso noto oggi, che a "tutti i palestinesi" e "tutti gli israeliani" ricorda che "Dio vi ha creati non per aver paura l' uno dell'altro o per ammazzarvi, ma per amarvi gli uni e gli altri, per costruire e per collaborare insieme". E, rivolgendosi direttamente ai politici ammonisce: "Siate dei costruttori della vita, non già della morte. Sappiate che le demolizioni, la morte e la lotta non hanno portato, e non porteranno mai, che demolizioni, morte e la prosecuzione della lotta".

    Il patriarca latino di Gerusalemme vede una concreta possibilità di pace in quello che giudica un mutato atteggiamento delle forze politiche dell'uno e dell'altro campo. "L'attuale posizione palestinese che consiste nel reclamare tutti i diritti attraverso le vie della non violenza e della pace, dice che pace e giustizia sono possibili. Anche nella parte israeliana abbiamo visto e sentito dei nuovi segni e nuove espressioni. Speriamo che indichino una nuova visione e una nuova decisione. Le difficoltà sono numerose, ma è una volontà sincera che riduce ogni difficoltà e ne trova la soluzione. Se al contrario non c'è una sincera volontà, ogni difficoltà diviene un ostacolo insormontabile".

    E' tempo, scrive ancora mons. Sabbah, "di cambiare strada e di prendere buone decisioni  per giungere una buona volta per tutte alla pace e alla giustizia. Ogni lentezza a risolvere, persistendo le ingiustizie sotto ogni loro aspetto, il muro, le barriere, i prigionieri, gli assassini, tutto ciò non fa che nutrire la violenza. Quando cesseranno le ingiustizie, causa della violenza, cesserà la violenza e regnerà la sicurezza".

    "La nostra Terra Santa – conclude il messaggio, in quello che appare come un appello ai politici - è assetata di ritrovare la sua pace e la sua santità. Procurate ai due popoli la vita, la sicurezza e la dignità che reclamano. Governare è dono e servizio, non l'occasione per occupare dei posti o per conseguire dei benefici. Bisogna porre fine alle molteplici sofferenze che sono durate troppo in questa terra. Speriamo adesso che i nostri capi dedichino tutto il  tempo e tutte le loro energie per realizzare quel che bisognava compiere da sempre: la pace e la giustizia per due popoli capaci di vivere fianco a fianco in pace e come dei buoni vicini".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/12/2006 TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: la pace che il Natale annuncia è nel riavvicinamento tra i due popoli
    Nel suo messaggio, il Patriarca latino di Gerusalemme lamenta il proseguire di violenze, ingiustizia e occupazione. Betlemme “vive nelle stesse condizioni di morte, con il muro e i contrasti sulla terra e nei cuori”. Il futuro è nella convivenza tra israeliani e palestinesi, non nella separazione.

    11/04/2006 terra santa
    Mons. Sabbah, israeliani e palestinesi smettete di odiare

    Il messaggio di Pasqua del patriarca latino di Gerusalemme chiede ai governanti dei due popoli di "trasformare in termini di vita e di pace i rapporti tra i due popoli in questa terra santa".



    19/03/2008 TERRA SANTA
    Il patriarca di Gerusalemme lascia l’incarico e invoca la pace
    Mons. Michel Sabbah lascia la carica di patriarca Latino di Gerusalemme dopo vent’anni e diffonde un messaggio di Pasqua, invocando la pace e la riconciliazione in Terra Santa.

    15/03/2005 israele - palestina
    Israele, il Muro comprenderà Gerusalemme Est
    Oggi la consegna di Gerico alle forze palestinesi. Crolla l'appoggio popolare al terrorismo come strumento per una Palestina indipendente.

    15/03/2005 ISRAELE – PALESTINA
    Suora da Betlemme: il rosario per la pace e il no al Muro




    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®