23/08/2018, 10.47
GIAPPONE – SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka, Tokyo compete con Pechino sulla sicurezza marittima

Il ministro giapponese della Difesa dona due pattugliatori navali del valore di 9,5 milioni di euro. Lo Sri Lanka rientra nelle rotte commerciali della strategia cinese della “One belt, One road”. Il rappresentante di Tokyo visita il porto di Hambantota, che Colombo ha ceduto alla Cina per 99 anni.

Colombo (AsiaNews/Agenzie) – Il Giappone si impegna a rafforzare la sicurezza marittima dello Sri Lanka. Lo assicurano alti vertici di Tokyo, in questi giorni in visita ufficiale a Colombo. L’obiettivo è tentare di competere con la supremazia della Cina nell’Oceano indiano.

Itsunori Onodera, ministro giapponese della Difesa, è nell’isola per visitare due porti srilankesi. Con l’occasione, il suo governo ha donato due pattugliatori della guardia costiera, per un valore di 11 milioni di dollari (9,5 milioni di euro). Una nota ufficiale di Maithripala Sirisena, presidente dello Sri Lanka, esprime soddisfazione per la donazione e sottolinea che “Giappone e Sri Lanka sono interessati a rafforzare la cooperazione nel campo della sicurezza marittima”.

Ieri Onodera ha visitato il porto di Hambantota, nel sud del Paese, che lo scorso anno Colombo ha ceduto alla Cina per una durata di 99 anni. Lo scalo è una delle tappe fondamentali delle infrastrutture che Pechino sta costruendo per compiere la sua strategia della “One belt, One road”, la cintura di porti, autostrade e ferrovie in tutta l’Asia del sud e centrale che consentirà alle merci cinesi di arrivare fino al cuore dell’Europa.

Il ministro giapponese si è recato anche a Trincomalee, un’insenatura naturale sulla costa nord-orientale che durante la Seconda guerra mondiale è stata bombardata proprio dagli aerei nipponici. Il dinamismo del Giappone segue a stretto giro quello di un altro leader asiatico, il premier indiano Narendra Modi. Egli da tempo insegue i vertici di Pechino e tenta di porre un freno all’espansionismo cinese nell’area, siglando accordi con sia con lo Sri Lanka che con le Seychelles.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Avvistata in un porto somalo la petroliera saudita dirottata
18/11/2008
Colombo dà a Pechino il porto di Hambantota, ma cerca di accontentare India e Stati Uniti
29/07/2017 09:00
Il Pakistan costruirà la diga senza Pechino. Scricchiola la Belt and Road Initiative
20/11/2017 15:30
L’abbraccio fra Modi e Trump per frenare l’espansione della Cina
01/07/2017 09:23
Il premier Sirisena licenzia il ministro della giustizia: troppo critico verso la Cina
25/08/2017 08:48