17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2013, 00.00

    SRI LANKA – A. SAUDITA

    Sri Lanka: la giovane Rizana Nafeek è stata giustiziata

    Melani Manel Perera

    La ragazza musulmana era nel braccio della morte dal 2007, per il presunto omicidio di un neonato.

    Colombo (AsiaNews) - Rizana Nafeek, la giovane cameriera srilankese condannata a morte in Arabia saudita, è stata giustiziata questa mattina. Lo riferisce il ministero srilankese per gli Affari esteri. L'esecuzione è avvenuta alle poco dopo le 7 di questa mattina (ora italiana) a Damami, città a circa 400km a ovest di Riyad. La ragazza musulmana era nel braccio della morte dal 2007 per il presunto omicidio di un neonato. Lo scorso 5 gennaio, il presidente Mahinda Rajapaksa aveva lanciato un nuovo appello al re dell'Arabia saudita, chiedendo di ritardare l'esecuzione in attesa di raggiungere un accordo tra i genitori del bambino e una delegazione inviata dal governo dello Sri Lanka. 

    Contattato da AsiaNews, p. George Sigamoney, direttore della Caritas Sri Lanka, si è detto "profondamente sconvolto" nell'apprendere dell'esecuzione di Rizana. Sin dall'inizio della vicenda, il sacerdote si è battuto per la liberazione della ragazza. "Purtroppo - continua - quanto accaduto oggi è l'ultima cosa che aspettavamo. Come rappresentante della Chiesa e della Caritas, voglio esprimere cordoglio e solidarietà. Prego per la famiglia di Rizana, affinché possa trovare il coraggio necessario per affrontare il dolore e superare questo momento".

    "È mio desiderio - aggiunge p. George - ricordare Rizana anche in altro modo. Come nazione dobbiamo riflettere e piangere questa giovane vita. [Ma] credo anche sia giunto il momento che il governo e le autorità affrontino in modo serio la questione dei lavoratori migranti che cercano impiego in Medio oriente".

    Appena diffusa la notizia dell'esecuzione di Rizana, il Parlamento dello Sri Lanka ha osservato un minuto di silenzio in segno di rispetto. I genitori, le sorelle e il fratello della ragazza si sono recati in moschea per pregare. Fareena, la madre, ha chiesto alle autorità del Paese di riportare la salma della figlia in Sri Lanka, per poter celebrare i funerali. I vicini raccontano che Sultant, il padre, è distrutto, non solo per la morte di Rizana, ma anche per averla mandata via ancora minorenne in cerca di un lavoro per aiutare la famiglia.

    Per l'Asian Human Rights Commission (Ahrc), "non c'è dubbio che l'accusa di omicidio contro Rizana è sbagliata. Le leggi in Arabia saudita sono molto al di sotto di ogni norma di legalità e procedura investigativa universalmente accettate. Nel suo processo, non è stata rispettata alcuna garanzia di trasparenza". Tuttavia, secondo l'organizzazione "né il governo, né l'ufficio del presidente hanno fatto qualcosa per salvare la vita di Rizana, nonostante gli innumerevoli appelli della famiglia e della società civile". Per l'Ahrc, Rajapaksa avrebbe addirittura "rifiutato di pagare la tassa legale per registrare un appello". Per l'ong, "fino a quando ci saranno governi che non mostrano alcun rispetto per i diritti dei propri cittadini, in Sri Lanka continueranno ad avvenire tragedie simili". 

    Originaria di una famiglia molto povera del villaggio di Mutur (distretto orientale di Trincomalee), Rizana era arrivata in Arabia saudita nel 2005, a soli 17 anni - con passaporto falso - per lavorare come cameriera. Il bambino del suo datore di lavoro è morto mentre lei prestava servizio. Rizana è stata accusata di omicidio e condannata a morte con un processo-farsa, basato su una confessione firmata senza che ne conoscesse il contenuto, perché scritto in arabo, lingua a lei sconosciuta. Nel 2007 è arrivata la condanna a morte.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2014 SRI LANKA
    Sri Lanka: abolire la pena di morte, in memoria di Rizana Nafeek
    È l’auspicio dell’Alto commissario britannico a Colombo, espresso in occasione della Giornata mondiale contro la pena capitale. Rizana è stata giustiziata in Arabia saudita per il presunto omicidio di un neonato.

    29/08/2011 SRI LANKA
    Caritas Sri Lanka per Rizana, condannata a morte in Arabia saudita
    La giovane musulmana è ritenuta responsabile della morte di un bambino nella famiglia in cui lavorava, a 17 anni. Era espatriata illegalmente, con un passaporto falso.

    07/01/2013 SRI LANKA – ARABIA SAUDITA
    Rizana Nafeek, “imminente” la sua esecuzione nelle prigioni saudite
    Lo denuncia l’Asian Human Rights Commission (Ahrc). Appello al governo dello Sri Lanka perché rinnovi gli sforzi diplomatici. La giovane è nel braccio della morte dal 2007. Per la sua liberazione, è fondamentale ottenere il perdono dei genitori del neonato che Rizana avrebbe ucciso.

    22/01/2013 SRI LANKA
    Madre di Rizana Nafeek: Non voglio soldi, ma protezione per tutti i migranti come mia figlia
    La donna ha rifiutato ogni aiuto economico giunto dopo l’esecuzione della ragazza, condannata a morte in Arabia Saudita nel 2007. Nel Paese Chiesa e società civile organizzano petizioni e una raccolta-firme per chiedere allo Sri Lanka leggi che proteggano i lavoratori migranti.

    06/06/2012 SRI LANKA
    Attivisti sociali a Elisabetta II: Per il Diamond Jubilee, salvi la vita a Rizana Nafeek
    L’Asian Human Rights Commission (Ahrc) invia una lettera alla regina d’Inghilterra, impegnata nelle celebrazioni dei suoi 60 anni di regno. Dal 2007 la ragazza srilankese è condannata a morte in Arabia saudita per il presunto omicidio di un neonato.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®