09/06/2015, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka: nel Nord l’esercito costruisce “con la forza” templi buddisti

di Melani Manel Perera
La comunità locale è costituita solo da tamil cristiani e indù. Secondo la popolazione il governo cerca di “compiacere” la maggioranza singalese. Attivista cattolico: “Azione disonesta”.

Colombo (AsiaNews) – Con la complicità dell’esercito, il governo dello Sri Lanka sta costruendo con la forza templi e monasteri buddisti nei distretti settentrionali di Mullathivu e Kokilai, abitati da tamil indù e cristiani. La popolazione locale accusa le autorità di voler compiacere la maggioranza singalese e buddista, e il 5 giugno scorso ha anche manifestato contro tale iniziativa. La polizia ha arrestato quattro organizzatori, rilasciandoli solo grazie all’intercessione di alcuni politici locali, e la promessa di non pianificare mai più proteste simili.

La maggior parte degli abitanti della zona è costituita da ex sfollati interni (Idp, Internally Displaced People – ndr), che solo di recente stanno iniziando a riavere le loro terre, perdute durante la guerra.

Anthony Jesudasan, attivista tamil cattolico per i diritti umani, spiega ad AsiaNews: “Anche se sono accompagnati dai militari, non possono costruire luoghi di culto buddisti permanenti, togliendo terreni ai proprietari. È davvero disonesto. Qui vivono solo indù e cristiani. Possiamo accettare la costruzione di templi buddisti solo se decideranno di creare un nuovo villaggio multietnico”.

 

Anche diversi sacerdoti tamil cattolici e anglicani hanno criticato l’iniziativa del governo: “Migliaia di persone non hanno ancora ricevuto terreni, e loro li usano per costruire luoghi religiosi che non appartengono al credo di queste comunità. Che senso ha questo comportamento?”.

“Noi non siamo contro i buddisti – sottolineano alcuni residenti della zona –, non li disturbiamo. Allora perché l’esercito ci fa questo? Quando torneremo ad avere un po’ di pace?”.

Iniziata come una guerra civile per sconfiggere i ribelli separatisti del Liberation Tigers of Tamil Eelam (Ltte, Tigri Tamil) – intenzionati a creare uno Stato tamil nel nordest del Paese – nel tempo ha assunto i contorni di un vero e proprio conflitto etnico.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sri Lanka: per la pace bisogna partire dalla riconciliazione tra tutte le religioni
15/02/2014
La difficile situazione dei profughi srilankesi in India
07/09/2010
Mons. Wickramasinghe: I cittadini devono condividere la costruzione della nazione
12/03/2018 09:54
Sri Lanka: l’Ufficio per scoprire la verità sui cari dispersi durante la guerra civile
25/07/2017 14:51
Attivisti: i tamil cattolici hanno il diritto di ricostruire le case sull’isola di Iranaitheevu
24/05/2018 12:46