07 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/04/2005, 00.00

    TIMOR EST - INDONESIA

    Storica visita di Susilo a Timor Est



    È la prima volta che un presidente indonesiano visita il cimitero di Santa Cruz, luogo di una strage di timoresi disarmati. Susilo firmerà anche un accordo sui confini territoriali.

    Dili (AsiaNews/Agenzie) – Per la prima volta da quando è presidente dell'Indonesia (ottobre 2004) Susilo Bambang Yudhoyono (SBY) visita Timor Est. Il capo di Stato è arrivato oggi a Dili, dove firmerà un accordo chiave sui confini territoriali teso a rafforzare gli sforzi di riconciliazione tra l'isola e il suo ex occupante. Previsto anche l'omaggio alle vittime timoresi per l'indipendenza.

    Nella capitale timorese il presidente incontrerà il suo controparte, Xanana Gusmao, prima di firmare un accordo sulla definizione delle frontiere con il premier Mari Alkatiri.

    Quello della demarcazione territoriale è uno degli ultimi problemi da risolvere tra Dili e Jakarta, entrambe decise a lasciarsi alle spalle le atrocità commesse durante l'occupazione indonesiana dell'isola (1976-1999). Prima e dopo il referendum per l'indipendenza, sostenuto dall'Onu nel 1999, le truppe indonesiane hanno ucciso circa 1500 timoresi. All'epoca SBY era comandante di uno dei battaglioni impegnati sull'isola.

    Come prova del suo impegno per una definitiva riconciliazione tra i due paesi, domani Susilo visiterà il cimitero di Santa Cruz. È la prima volta che un presidente indonesiano rende omaggio al luogo dove il 12 novembre 1991 i militari di Jakarta aprirono il fuoco su 3 mila persone disarmate, che commemoravano la morte di un attivista per l'indipendenza. Nel massacro morirono 250 persone.

    Ieri il presidente timorese Gusmao ha invitato la popolazione a non protestare contro Susilo, minacciando di dimettersi se avvenissero disordini: "Dimenticate, per favore, l'amaro passato".

    Secondo fonti ufficiali timoresi, la cena in onore del presidente indonesiano prevista per questa sera è stata cancellata; SBY voleva seguire in diretta televisiva - data la differenza di fuso orario - i funerali del papa a Roma.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/01/2006 TIMOR EST
    Vescovo di Baucau: non serve una riconciliazione con Jakarta senza la giustizia

    Gusmao presenta all'Onu il rapporto sui crimini a Timor Est. Le cifre, oltre 180 mila morti, sono tutte contro l'Indonesia, che sminuisce e respinge le accuse. Lo stesso presidente est-timorese afferma di cercare solo una giustizia costruttiva. Mons. Basilio do Nascimento: è ora che spieghi qui e  alla sua gente, cosa intende.



    13/02/2006 INDONESIA - TIMOR EST
    Indonesia-Timor Est, incontro sui crimini commessi durante l'occupazione

    Venerdì prossimo a Bali i due presidenti discuteranno sul rapporto est-timorese, che accusa l'Indonesia di oltre 180 mila uccisioni tra il '75 e il '99. Il documento era stato presentato all'Onu il mese scorso dallo stesso presidente di Timor Est.



    01/08/2005 TIMOR EST - INDONESIA
    Vescovi di Timor Est: l'Onu ci aiuti a rendere giustizia al nostro popolo

    Mons. da Silva e mons. do Nascimento: "Commissione di Verità e Amicizia", solo una mossa  politica dei due Governi, serve un tribunale internazionale.



    19/02/2007 INDONESIA - TIMOR
    Al via le prime udienze della Commissione Verità e Amicizia
    Indagherà sulle atrocità commesse prima dell'indipendenza di Timor est dall’Indonesia, ma non ha potere di perseguirne i responsabili. Sfavorevoli, tra gli altri, Onu e Chiesa cattolica locale: così non verrà fatta giustizia.

    21/12/2005 Timor est – Indonesia
    Timor Est: durante l'occupazione indonesiana morte 183 mila persone

    Un documento reso pubblico oggi identifica per nome le vittime e gli autori di violazioni come esecuzioni di massa e torture, avvenute durante i 24 anni di occupazione indonesiana.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®