26 Gennaio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/04/2005
TIMOR EST - INDONESIA
Storica visita di Susilo a Timor Est

È la prima volta che un presidente indonesiano visita il cimitero di Santa Cruz, luogo di una strage di timoresi disarmati. Susilo firmerà anche un accordo sui confini territoriali.



Dili (AsiaNews/Agenzie) – Per la prima volta da quando è presidente dell'Indonesia (ottobre 2004) Susilo Bambang Yudhoyono (SBY) visita Timor Est. Il capo di Stato è arrivato oggi a Dili, dove firmerà un accordo chiave sui confini territoriali teso a rafforzare gli sforzi di riconciliazione tra l'isola e il suo ex occupante. Previsto anche l'omaggio alle vittime timoresi per l'indipendenza.

Nella capitale timorese il presidente incontrerà il suo controparte, Xanana Gusmao, prima di firmare un accordo sulla definizione delle frontiere con il premier Mari Alkatiri.

Quello della demarcazione territoriale è uno degli ultimi problemi da risolvere tra Dili e Jakarta, entrambe decise a lasciarsi alle spalle le atrocità commesse durante l'occupazione indonesiana dell'isola (1976-1999). Prima e dopo il referendum per l'indipendenza, sostenuto dall'Onu nel 1999, le truppe indonesiane hanno ucciso circa 1500 timoresi. All'epoca SBY era comandante di uno dei battaglioni impegnati sull'isola.

Come prova del suo impegno per una definitiva riconciliazione tra i due paesi, domani Susilo visiterà il cimitero di Santa Cruz. È la prima volta che un presidente indonesiano rende omaggio al luogo dove il 12 novembre 1991 i militari di Jakarta aprirono il fuoco su 3 mila persone disarmate, che commemoravano la morte di un attivista per l'indipendenza. Nel massacro morirono 250 persone.

Ieri il presidente timorese Gusmao ha invitato la popolazione a non protestare contro Susilo, minacciando di dimettersi se avvenissero disordini: "Dimenticate, per favore, l'amaro passato".

Secondo fonti ufficiali timoresi, la cena in onore del presidente indonesiano prevista per questa sera è stata cancellata; SBY voleva seguire in diretta televisiva - data la differenza di fuso orario - i funerali del papa a Roma.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/01/2006 TIMOR EST
Vescovo di Baucau: non serve una riconciliazione con Jakarta senza la giustizia
13/02/2006 INDONESIA - TIMOR EST
Indonesia-Timor Est, incontro sui crimini commessi durante l'occupazione
01/08/2005 TIMOR EST - INDONESIA
Vescovi di Timor Est: l'Onu ci aiuti a rendere giustizia al nostro popolo
19/02/2007 INDONESIA - TIMOR
Al via le prime udienze della Commissione Verità e Amicizia
21/12/2005 Timor est – Indonesia
Timor Est: durante l'occupazione indonesiana morte 183 mila persone

In evidenza
IRAQ
I bambini di Mosul e il futuro: il campo profughi "a cinque stelle"
di Bernardo CervelleraNel giardino della parrocchia di Mar Elia accanto alle tende ci sono container che servono da aule per i ragazzi e da biblioteca. Un altro serve da stanza per il ricamo. Un coro di bambini. P. Douglas: "preoccuparsi dei profughi non significa solo pensare al mangiare, al bere, alle medicine, le iniezioni, le vaccinazioni... Le persone rifugiate hanno bisogno di fare qualcosa e di coltivare la speranza".
IRAQ
Via Crucis: i profughi di Mosul oltre l'emergenza
di Bernardo CervelleraSono almeno mezzo milione le persone che si sono rifugiate in Kurdistan per sfuggire all'ISIS. Nello Shlama Mall a Erbil: 350 persone vivono nello scheletro di un edificio in costruzione, con panni stesi e coperte a fare da pareti. L'ordinazione sacerdotale di un giovane, anch'egli profugo dimostra che con la fuga, c'è qualcosa che non è stato distrutto: la fede, le tradizioni, il sacerdozio.
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate