16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/01/2018, 08.50

    IRAN

    Teheran: i Pasdaran dichiarano la ‘fine della rivolta’, ma resta la tensione



    Il gen. Ali Jafari plaude alla “sorveglianza del popolo” che ha portato alla sconfitta dei nemici. E accusa monarchici, anti-rivoluzionari e forze “nemiche” esterne all’Iran. Ma in alcune città restano focolai di tensione. Trump continua a soffiare sul fuoco della rivolta e promette sostegno “al momento giusto”.

     

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - La “rivolta” in Iran in atto da giorni, caratterizzata da violente proteste promosse dai giovani e represse con la forza causando decine di morti e centinaia di arresti, è stata “sconfitta”. A darne l’annuncio, nel tardo pomeriggio di ieri, il capo dei Guardiani della rivoluzione (Pasdaran) gen. Mohammad Ali Jafari, mentre decine di migliaia di manifestanti pro-governativi erano in piazza a difesa della leadership - politica e religiosa - di Teheran.

    La rivolta ha preso il via il 28 dicembre scorso nella città di Mashhad e ha contato sinora almeno 23 vittime. Le proteste, in un primo tempo contro l’aumento dei prezzi e la corruzione, si sono allargate fino a prendere di mira l’esecutivo. Si tratta delle manifestazioni più imponenti dalla controversa rielezione del presidente conservatore Mahmoud Ahmadinejad nel 2009. E pur senza citarlo, il generale Ali Jafari ha accusato lo stesso Ahmadinejad di aver in qualche modo alimentato i torni della protesta, trasformandola in rivolta di piazza. “Tutto è avvenuto - ha dichiarato l’alto esponente dei Pasdaran - dopo un appello diffuso da un sito legato a una persona che oggi parla contro il sistema islamico”. Di recente l’ex presidente ultraconservatore ha criticato a più riprese funzionari governativi e, in particolare, il capo della magistratura Sadegh Amoli Larijani.

    “Oggi [3 gennaio, ndr] possiamo dire che sia la fine della rivolta del 96” ha quindi proseguito il gen. gen. Mohammad Ali Jafari, con un riferimento all’anno corrente in Iran, il 1396 secondo il calendario persiano. “L’alto livello della sicurezza e la sorveglianza del popolo” hanno portato alla sconfitta dei “nemici”, tanto che i Guardiani della rivoluzione sono dovuti intervenire in modo “limitato” in sole tre province. Per l’alto militare vi erano un massimo di 1500 persone in ogni città e il numero dei contestatori “non ha superato i 15.000 in tutto il Paese”. Egli ha infine puntato il dito contro agenti contro-rivoluzionari, monarchici e forze “nemiche” esterne all’Iran, come aveva sottolineato - pur senza fare riferimenti espliciti - la stessa guida suprema, l’ayatollah Ali Khamenei, nei giorni scorsi.

    Se i vertici del Paese dichiarano la fine della rivolta, alcune agenzie internazionali riferiscono di tensioni ancora in atto nella notte scorsa, con nuove proteste nella città di Malayer, nella provincia occidentale di Hamadan. I dimostranti hanno intonato canti, fra cui “Le persone mendicano, la guida suprema si atteggia come un Dio”. Altri dimostranti a Nowshahr scandivano lo slogan “morte al dittatore”.

    Intanto si ammorbidiscono i toni dei vertici delle Nazioni Unite, che nei giorni scorsi hanno criticato con forza “la perdita di vite umane nelle manifestazioni”. Nel secondo comunicato diffuso ieri a firma del segretario generale Antonio Guterres si rinnova l’invito a “evitare la violenza” e che tutte le manifestazioni si svolgano “in modo calmo”. E chiede una volta di più ai vertici di Teheran di “rispettare il diritto” delle persone di “riunirsi e manifestare in modo pacifico la libertà di espressione”.

    Di contro, il presidente Usa Donald Trump continua a soffiare sul fuoco della rivolta rinnovando il suo apprezzamento per la scelta del popolo iraniano di manifestare, promettendo anche il sostegno degli Stati Uniti “al momento giusto”. Nell’ennesimo messaggio affidato a twitter, ormai diventato cassa di risonanza della politica estera americana, il tycoon ha espresso “grande rispetto” per la gente che cerca di “riprendere il controllo del suo governo corrotto”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/01/2018 11:35:00 IRAN
    Decine di migliaia di iraniani in piazza a difesa del governo. Nuove vittime e arresti

    Imponenti marce  contro gli Usa e fedeltà alla leadership. Il bilancio delle vittime delle proteste sale a 23 morti e 450 arresti. Khamenei: “Nemici” esterni che vogliono fomentare il caos e colpire le istituzioni. Zarif: Sicurezza e stabilità dipendono dagli iraniani, liberi di “protestare e votare”. Povertà e disoccupazione i motivi fondamentali delle manifestazioni.

     



    02/01/2018 09:33:00 IRAN
    Continuano le manifestazioni in molte città iraniane. Ucciso un poliziotto

    Da cinque giorni si susseguono dimostrazioni. A tema le difficoltà economiche, la disoccupazione giovanile, l'aumento dei prezzi, ma anche critiche al governo e alla corruzione del regime. Rouhani: Sì alle critiche, no alle violenze. Per le Guardie della Rivoluzione i dimostranti sono sostenuti dall'estero. Le reazioni negli Usa, in Israele, in Arabia saudita. Russia: Un affare interno.



    13/11/2015 IRAN-ITALIA
    Rouhani apre all’Europa, ma deve vedersela coi nemici in casa
    Da domani il presidente iraniano visita l’Italia e la Francia. Le critiche di Israele e dei gruppi per i diritti umani. L’Iran vuole riaprire la sua collaborazione con la comunità internazionale e ridare fiato alla sua economia. Guardie della rivoluzione e ayatollah conservatori frenano. Arrestati giornalisti per "infiltrazione" e "spionaggio". I giovani si allontanano dall’islam.

    28/07/2016 08:44:00 IRAN
    Il 19 maggio 2017 elezioni presidenziali. I rischi per Rouhani

    Il presidente è amato dagli iraniani per aver sbloccato i rapporti con la comunità internazionale. Ma le frange conservatrici mostrano i pochi benefici ricevuti. L’economia iraniana è ancora bloccata grazie agli Usa, che mantengono l’embargo sull’uso del dollaro nelle transazioni finanziarie.



    02/05/2016 12:05:00 IRAN
    Teheran, al nuovo parlamento sempre più riformisti e più donne

    Dopo il secondo turno delle elezioni di tre giorni fa, i riformisti possono contare su 133 seggi; i conservatori su 125, che per la prima volta perdono la maggioranza. Vi sono anche 17 donne, in maggioranza riformiste. Una deputata è stata bloccata dal Consiglio dei Guardiani per aver stretto la mano ad un uomo. I dubbi su Khamenei.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®