2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/03/2008
TIBET – CINA – INDIA
Tibet, migliaia di poliziotti per fermare la protesta dei monaci
Circa duemila agenti, in tenuta anti-sommossa, hanno lanciato gas lacrimogeni contro un gruppo di monaci che chiedeva la liberazione di alcuni confratelli. A New Delhi, le donne tibetane ricordano il massacro del 1959.

Lhasa (AsiaNews) – Circa duemila poliziotti cinesi hanno disperso ieri sera a colpi di manganelli e lancio di gas lacrimogeni una manifestazione di monaci tibetani, riuniti davanti ad una stazione di polizia per chiedere il rilascio dei loro confratelli arrestati il giorno prima a Lhasa. Lo riporta Radio Free Asia, che cita fonti locali.
 
Il gruppo di monaci, circa 600, ha manifestato per tutto il pomeriggio urlando “Liberate il nostro popolo” e “Vogliamo un Tibet libero”. Giunti davanti alla centrale di polizia, hanno chiesto la liberazione di decine di religiosi, fermati durante la manifestazione indetta lo scorso 10 marzo in memoria della ribellione anti-cinese del 1959. In risposta, sono usciti i poliziotti in assetto anti-sommossa, che hanno disperso con la forza i monaci: non è chiaro se siano stati effettuati altri arresti.
 
Nel frattempo, a New Delhi un gruppo di donne tibetane ha manifestato davanti all’ambasciata cinese per protestare “contro l’invasione del Tibet” e per ricordare le migliaia di donne morte durante la sollevazione del ’59. Gli agenti le hanno fermate mentre cercavano di entrare nel perimetro dell’ambasciata.
 
Il dr. Tsering, presidente dell’Associazione delle donne tibetane, dice ad AsiaNews: “Abbiamo voluto dimostrare che ricordiamo il sacrificio di chi ha combattuto per la nostra causa. Vogliamo ricordare il massacro di donne innocenti, per mano di soldati cinesi, proprio ora che la Cina ospita le Olimpiadi. Io sono unito a chi marcia per tornare a casa: il Tibet è vittima di un’aggressione che il mondo non deve ignorare”. (NC)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/12/2005 tibet - cina
Tibet, arrestati 5 monaci che non volevano denunciare il Dalai Lama
26/10/2007 INDIA – TIBET – CINA
Attivista tibetano: la Cina ha fallito, sempre più uniti al Dalai Lama
18/03/2008 TIBET – CINA
Attivista tibetano: se è colpa nostra, Pechino inviti osservatori internazionali
di Nirmala Carvalho
15/03/2008 TIBET – CINA
Carri armati a Lhasa, Pechino lancia un ultimatum ai tibetani
14/03/2008 TIBET - CINA
Dalai Lama “preoccupato” per la violenza in Tibet, frutto della repressione cinese

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate