03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/03/2008, 00.00

    TIBET – CINA – INDIA

    Tibet, migliaia di poliziotti per fermare la protesta dei monaci



    Circa duemila agenti, in tenuta anti-sommossa, hanno lanciato gas lacrimogeni contro un gruppo di monaci che chiedeva la liberazione di alcuni confratelli. A New Delhi, le donne tibetane ricordano il massacro del 1959.
    Lhasa (AsiaNews) – Circa duemila poliziotti cinesi hanno disperso ieri sera a colpi di manganelli e lancio di gas lacrimogeni una manifestazione di monaci tibetani, riuniti davanti ad una stazione di polizia per chiedere il rilascio dei loro confratelli arrestati il giorno prima a Lhasa. Lo riporta Radio Free Asia, che cita fonti locali.
     
    Il gruppo di monaci, circa 600, ha manifestato per tutto il pomeriggio urlando “Liberate il nostro popolo” e “Vogliamo un Tibet libero”. Giunti davanti alla centrale di polizia, hanno chiesto la liberazione di decine di religiosi, fermati durante la manifestazione indetta lo scorso 10 marzo in memoria della ribellione anti-cinese del 1959. In risposta, sono usciti i poliziotti in assetto anti-sommossa, che hanno disperso con la forza i monaci: non è chiaro se siano stati effettuati altri arresti.
     
    Nel frattempo, a New Delhi un gruppo di donne tibetane ha manifestato davanti all’ambasciata cinese per protestare “contro l’invasione del Tibet” e per ricordare le migliaia di donne morte durante la sollevazione del ’59. Gli agenti le hanno fermate mentre cercavano di entrare nel perimetro dell’ambasciata.
     
    Il dr. Tsering, presidente dell’Associazione delle donne tibetane, dice ad AsiaNews: “Abbiamo voluto dimostrare che ricordiamo il sacrificio di chi ha combattuto per la nostra causa. Vogliamo ricordare il massacro di donne innocenti, per mano di soldati cinesi, proprio ora che la Cina ospita le Olimpiadi. Io sono unito a chi marcia per tornare a casa: il Tibet è vittima di un’aggressione che il mondo non deve ignorare”. (NC)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/12/2005 tibet - cina
    Tibet, arrestati 5 monaci che non volevano denunciare il Dalai Lama

    Dopo l'arresto, oltre 400 religiosi dimostrano in modo pacifico in segno di solidarietà.  



    22/06/2015 TIBET – CINA – INDIA
    Tibet, la Cina arresta cinque monaci buddisti. Ma “apre” ai pellegrini indù
    I monaci sono stati bloccati nel monastero di Karma, teatro di manifestazioni anti-cinesi negli ultimi anni. Tre di loro sono stati rilasciati, uno è agli arresti domiciliari e l’ultimo ancora in galera. Pechino apre all’India una rotta privilegiata per il monte Kailash, luogo sacro del buddismo e dell’induismo.

    26/10/2007 INDIA – TIBET – CINA
    Attivista tibetano: la Cina ha fallito, sempre più uniti al Dalai Lama
    Secondo Tsering Dorje, coordinatore dell’Ufficio indiano per i rapporti con il Tibet, Pechino non è riuscita a piegare la popolazione tibetana, nonostante i 48 anni di occupazione.

    18/03/2008 TIBET – CINA
    Attivista tibetano: se è colpa nostra, Pechino inviti osservatori internazionali
    Rispondendo al premier cinese Wen Jiabao – che ha accusato “la cricca del Dalai Lama” per gli scontri avvenuti nei giorni scorsi in Tibet – il direttore del Centro di ricerca parlamentare tibetano ricorda la campagna decennale di odio nei confronti del Tibet lanciata da Pechino ed accusa: la situazione peggiora di giorno in giorno, i poliziotti sparano a vista.

    15/03/2008 TIBET – CINA
    Carri armati a Lhasa, Pechino lancia un ultimatum ai tibetani
    Il governo cinese ha confermato la morte di 10 persone durante gli scontri degli ultimi giorni in Tibet, ma accusa i manifestanti della loro morte. Il governo in esilio parla di almeno 100 vittime; i tibetani in India riprendono la marcia per tornare a casa.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®