26 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 12/11/2013, 00.00

    TIBET - CINA

    Tibet, sopravvissuto il giovane monaco che si è dato fuoco per la libertà



    Tsering Gyal, 20 anni, è stato trasferito all'ospedale provinciale di Siling per la gravità delle sue ustioni. Circa 200 persone hanno chiesto di potergli fare visita: il governo ha negato il permesso ma, spaventato dalla folla, ha consentito a due familiari del monaco di accompagnarlo nella nuova struttura di cura.

    Dharamsala (AsiaNews) - Tsering Gyal, il giovane monaco buddista che si è auto-immolato ieri con il fuoco per chiedere libertà per il Tibet, è sopravvissuto alle ustioni. Subito dopo il gesto estremo è stato ricoverato nell'ospedale della contea di Pema, e le sue condizioni sono state definite "serie". Nessuno ha potuto però visitarlo, dato che la struttura è stata subito circondata dalla polizia. Gyal, 20 anni, è il 123mo tibetano a scegliere questa forma di protesta contro la repressione cinese della regione.

    L'auto-immolazione è avvenuta nel pomeriggio di ieri a Golog, Prefettura autonoma nella parte nord-orientale del Tibet. Circa 200 persone si sono riunite subito dopo nel monastero Akyong, dove il giovane studia e vive, per poi andare insieme all'ospedale e chiedere di potergli fare visita. Le autorità non hanno concesso il permesso, ma dato il grande numero di persone riunite hanno consentito a due familiari di accompagnare il monaco nell'ospedale provinciale di Siling, dove questa mattina è stato trasferito per la gravità delle sue ustioni.

    Il terribile fenomeno delle auto-immolazioni è esploso in Tibet nel febbraio del 2009, quando si è acuita la crisi economica e sociale dell'etnia tibetana esasperata dal controllo di Pechino e dall'etnia han, oramai maggioritaria nella regione. Invece di cercare un dialogo con i manifestanti o con la diaspora tibetana in India, guidata dal Dalai Lama, il governo centrale ha scelto di usare il pugno di ferro e ha emanato leggi durissime contro ogni forma di protesta. Il governo accusa inoltre il leader spirituale del buddismo tibetano di "fomentare" i suicidi per "forzare la mano" alle autorità comuniste. Da parte sua, il Nobel per la pace ha chiesto in più occasioni ai suoi fedeli rimasti in Tibet di "salvaguardare la vita al di sopra di ogni altra cosa".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/06/2013 TIBET – CINA
    Dalai Lama ai tibetani: Adesso basta con le auto-immolazioni
    Nel primo giorno della sua visita in Australia il leader del buddismo tibetano si chiede “quali effetti possano avere azioni così drastiche” e ricorda a tutti che “la nostra fede impone il rispetto della vita sopra ogni cosa”. Fonte tibetana ad AsiaNews: “Qualcuno nel governo di Dharamsala usa questi suicidi per la politica”.

    05/12/2013 TIBET - CINA
    Giovane padre tibetano si dà fuoco per chiedere la fine della repressione cinese
    Konchon Tseten, 30 anni, ha bruciato per più di un'ora prima di essere portato via dalla polizia: ignote le sue attuali condizioni. La folla cerca di difenderlo e scattano gli arresti: fermati anche la moglie e i parenti della vittima. Si tratta della 124ma auto-immolazione dall'inizio delle proteste.

    07/02/2014 TIBET - CINA
    Qinghai, una nuova auto-immolazione contro il dominio cinese sul Tibet
    È la prima del nuovo anno. Un uomo si è dato fuoco nella contea di Malho: le autorità hanno portato via il suo corpo, ma non è chiaro se sia vivo o morto. Fonte locale: "Bloccate le comunicazioni, si è dato fuoco per la causa".

    23/08/2016 12:38:00 TIBET – CINA
    Tibet, Pechino inasprisce le leggi contro proteste e auto-immolazioni

    Il governo dell’area prevede pene detentive “più lunghe” per chi si dà fuoco, manifesta per l’indipendenza o l’autonomia del Tibet, invia all’estero notizie sulla situazione della provincia. La repressione cinese rischia di esacerbare ancora di più la situazione.



    06/08/2013 NEPAL – TIBET
    Kathmandu, monaco tibetano si dà fuoco nei pressi di uno stupa buddista
    L’uomo è il secondo in Nepal a scegliere l’auto-immolazione per chiedere la fine della repressione cinese del Tibet e il ritorno del Dalai Lama a Lhasa. Nel frattempo, la polizia arresta sei cristiani convertiti dall’induismo perché “hanno ucciso una vacca per mangiarla”. La polizia ammette: “Non è reato, ma le pressioni religiose sono forti”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®