23 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/12/2016, 08.52

    SIRIA - RUSSIA - TURCHIA

    Tiene la tregua fra governo siriano e ribelli. E' "la più seria"



    Il cessate il fuoco entrato in vigore a mezzanotte sembra reggere su gran parte del territorio. Focolai di violenze a Idlib e in un settore orientale di Damasco. Analisti ed esperti parlano di tregua “seria” con maggiori possibilità di successo rispetto al passato. Washington esclusa dal tavolo delle trattative. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - La tregua nazionale fra governo siriano e milizie ribelli, mediata da Russia e Turchia ed entrata in vigore alla mezzanotte di ieri, sembra reggere su gran parte del territorio nonostante isolati scontri. L’accordo include gran parte dei gruppi di opposizione, da cinque anni in lotta contro il presidente Bashar al Assad, ma non riguarda lo Stato islamico e altre milizie jihadiste; dal patto sono escluse anche le Unità per la protezione del popolo (Ypg, i combattenti curdi in Siria). 

    La tenuta del cessate il fuoco nazionale - a dispetto di alcuni focolai di violenza che persistono in alcune sacche di territorio - dovrebbe fungere da viatico per lo svolgimento di veri e propri colloqui di pace, che si dovrebbero tenere entro un mese in Kazakhstan. Secondo quanto riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh) si sarebbero verificati scontri fra lealisti e ribelli nella provincia settentrionale di Hama.

    Rami Abdel Rahman, direttore dell’Osservatorio, riferisce che “piccoli gruppi ribelli e lealisti armati stanno cercando di distruggere la tregua”, perché essa segnerebbe “la fine della loro presenza”. 

    Gli abitanti del distretto di Ghouta, nel settore orientale di Damasco, hanno riferito di colpi di arma da fuoco due ore dopo l’entrata in vigore della tregua. Altri incidenti “isolati” si sono verificati a Idlib, nel nord-ovest della Siria. 

    Dal marzo 2011 a oggi oltre 300mila persone [secondo alcune fonti 430mila] sono morte nel conflitto siriano; almeno quattro milioni gli sfollati che hanno cercato rifugio all’estero, nei Paesi della regione o in Europa, innescando una emergenza umanitaria senza precedenti. 

    Analisti ed esperti sottolineano il diverso valore di questa tregua entrata in vigore nella notte, che definiscono “la più seria” fra quelle finora raggiunte. Un cessate il fuoco che non è frutto di un accordo fra Stati Uniti e Russia, come avvenuto in passato e con esiti pressoché fallimentari. Questa volta al tavolo del dialogo con Mosca si è seduta la Turchia, sebbene poco più di un anno fa i due Paesi fossero ai ferri corti per l’abbattimento di un jet russo al confine fra Siria e Turchia per mano dell’esercito di Ankara. 

    Washington, il grande assente della partita, ha definito comunque una “evoluzione positiva” la firma della tregua fra governo e ribelli. 

    Dal cessate il fuoco restano esclusi lo Stato islamico e altri gruppi jihadisti, fra cui l’ex Fronte di al Nusra (emanazione di al Qaeda nel Paese). Un accordo che lo stesso presidente russo Vladimir Putin definisce fragile, così come restano in sospeso i futuri obiettivi dell’asse russo iraniano in Siria, dopo la recente riconquista di Aleppo

    I passi diplomatici intrapresi nell’ultimo periodo sullo scacchiere siriano appaiono incoraggianti; persino i gruppi ribelli coinvolti sinora nel conflitto sembrano moderatamente ottimisti sulla possibile tenuta della tregua. Walid Muallem, ministro siriano degli Esteri, afferma che “vi è una vera possibilità di raggiungere un accordo politico per mettere fine al bagno di sangue e porre le basi per il futuro del Paese”.

    Il fatto che i ribelli abbiano perduto terreno in queste settimane rappresenta un ulteriore elemento a favore di un piano di pace. Proprio ieri i vertici dell’Alto comitato per i negoziati (Hnc), il gruppo ombrello che racchiude gran parte dei movimenti di opposizione, ha affermato che le risorse sono ormai limitate e “non è più possibile continuare” i combattimenti. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/01/2017 08:50:00 SIRIA
    Siria: a rischio la “fragile” tregua, i ribelli pronti a boicottare i colloqui di pace

    Il fronte anti-Assad minaccia di sospendere la partecipazione ai preparativi dei colloqui. Le milizie ribelli parlano di “molte e gravi violazioni” al cessate il fuoco. Accuse respinte dai governativi che dicono di rispettare tutti i punti dell’accordo. Fra le aree contese il bastione ribelle di Wadi Barada, essenziale per il rifornimento idrico di Damasco.

     



    31/12/2016 08:59:00 SIRIA-VATICANO
    Card. Zenari: la tregua un passo “positivo” che porta “sollievo”. A Damasco emergenza acqua

    Il nunzio apostolico mostra cauto ottimismo per il cessate il fuoco raggiunto da governo e ribelli, con la mediazione di Russia e Turchia. Lo “scopo immediato” è favorire “la distribuzione di aiuti umanitari”. Necessario inoltre “rilanciare il tavolo dei negoziati”. “Grande partecipazione” dei cristiani alle celebrazioni per il Natale, una festa nazionale in Siria.



    10/01/2017 11:03:00 SIRIA
    Caritas, a Damasco emergenza idrica: milioni di abitanti senza acqua

    Nella capitale sembra di essere tornati “all’età della pietra” senza elettricità, gas e acqua potabile. Esercito governativo e ribelli si contendono il controllo della riserva di Wadi Barada, che rifornisce il 70% della città. I cittadini in fila per ore per fare scorte. Bambini ricoverati per eruzioni cutanee dovute all’uso di acqua contaminata.

     



    29/12/2016 13:14:00 SIRIA - TURCHIA - RUSSIA
    Putin: raggiunto l’accordo per il cessate il fuoco fra Damasco e i ribelli

    Il presidente russo conferma l’accordo fra il regime siriano e l’opposizione armata. Firmati tre documenti, la tregua parte alla mezzanotte di oggi e riguarda “tutto il territorio”. Esclusi lo Stato islamico e altri gruppi jihadisti. Mosca e Ankara rilanciano i colloqui di pace ad Astana. Ma resta irrisolto il nodo sul futuro politico di Assad.  

     



    08/09/2016 13:12:00 SIRIA - TURCHIA - RUSSIA
    Pace in Siria e una nuova geopolitica mondiale: Mosca celebra l’alleanza Erdogan-Assad

    Nella capitale russa si prepara l’incontro fra il presidente siriano e l’omologo turco, con la benedizione di Putin. Il ruolo di Mosca nello sventato golpe in Turchia ha riavvicinato Putin ed Erdogan. Nel mirino anche i curdi e le mire nazionaliste e indipendentiste. Il fallimento dei piani di Washington apre una nuova partita nella regione mediorientale. Per gentile concessione dell’Observatoire Géostratégique sur le Proche et Moyen Orient. Traduzione a cura di AsiaNews. 





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®