28 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/02/2014, 00.00

    GIAPPONE

    Tokyo, per la prima volta nella storia sarà possibile visitare il Palazzo imperiale



    La struttura, edificata sulle rovine del Castello Edo, copre un'area di 1,15 milioni di metri quadri e non è mai stata aperta al pubblico. La decisione è stata presa per festeggiare l'80 compleanno di Akihito, ma secondo alcuni analisti mira a rilanciare la figura imperiale in vista della successione.

    Tokyo (AsiaNews) - Per la prima volta nella storia giapponese, la Casa imperiale ha annunciato che sarà possibile visitare il Palazzo dove vive la famiglia regnante. La decisione è stata presa per celebrare l'80mo compleanno dell'imperatore Akihito, e secondo alcuni analisti mira a "riavvicinare" il popolo nipponico al Trono del Crisantemo. L'annuncio ha scatenato la curiosità del pubblico, che ha "inondato" di telefonate l'Agenzia che cura la Casa, per avere maggiori dettagli.

    Secondo un impiegato "persino noi che lavoriamo per l'imperatore abbiamo molto di rado la possibilità di visitare l'interno del palazzo. Posso capire l'eccitazione che provoca questo annuncio". Le prime visite sono fissate per il 24 e il 25 maggio; dopo si scalerà ai fine settimana di ottobre. Ogni visita sarà composta da 50 persone: per partecipare, l'Agenzia farà una lotteria pubblica con tutte le richieste di ingresso. Questo per evitare di pagare un biglietto all'ingresso - atto che sarebbe considerato "sconveniente" - e per limitare il più possibile i favoritismi da parte dello staff imperiale.

    La costruzione del Palazzo - edificato sulle rovine del Castello Edo - è iniziata nel periodo Meiji (fine '800). Dopo il bombardamento di Tokyo del 1945, che ha distrutto le costruzioni in legno, tipiche dell'architettura giapponese, è stato ristrutturato nel 1964: i lavori sono terminati quattro anni dopo. La struttura copre un'area di circa 1,15 milioni di metri quadri (v. foto dall'alto) e include la zona "gosho", ovvero gli appartamenti imperiali. Dal 1968 è stato possibile visitare il Giardino Orientale, ma nessuno ha mai avuto il permesso di entrare all'interno.

    Secondo alcuni analisti, questa decisione rappresenta un ulteriore passo avanti compiuto dalla coppia imperiale - Akihito e la moglie Michiko - per "riavvicinare" la popolazione alla figura dell'imperatore. La capitolazione nella II Guerra mondiale, la rinuncia al potere temporale e la dichiarazione "sulla natura umana dell'imperatore" del 1946 hanno cambiato in maniera profonda la figura e il ruolo del massimo leader giapponese. Esso rimane la figura più rispettata del Paese, rappresenta tutti i cittadini ed è ancora considerato un tramite con il mondo ultraterreno, ma alcuni temono che con la morte dell'attuale imperatore la popolazione possa allontanarsi dal suo erede, Naruhito.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/05/2017 08:41:00 GIAPPONE
    Il governo approva la legge per l’abdicazione dell’imperatore Akihito

    La legge potrà essere usata solo per il presente imperatore. Con ogni probabilità sarà approvata dal parlamento entro la fine di giugno. Si prevede che la nuova era di Naruhito inizierà con il 2019. La famiglia imperiale ha pochi membri e pochi figli maschi.



    15/11/2013 GIAPPONE
    Rivoluzione a Tokyo: gli imperatori saranno cremati e sepolti in mausolei "eco-friendly"
    Akihito e Michiko rompono una tradizione che dura da più di 350 anni: la loro tomba sarà di dimensioni minori rispetto a quelle degli antenati e il loro funerale dovrà avere "il minor impatto sociale possibile". Il Sol Levante si interroga sul futuro della casa imperiale.

    14/07/2016 08:46:00 GIAPPONE
    Tokyo, l’imperatore vuole abdicare ma “non ha problemi di salute”

    Il Trono del crisantemo rappresenta la dinastia monastica più longeva al mondo. L’attuale sovrano, 82 anni, avrebbe espresso l’intenzione di lasciare. Gli esperti sottolineano la necessità di cambiare la legge della Casa imperiale, che non prevede questa eventualità. Akihito è il primo sovrano nipponico a non avere “prerogative divine”, cui rinunciò il padre Hirohito dopo la resa del Giappone nel 1945.



    08/08/2016 11:22:00 GIAPPONE
    Tokyo, l’imperatore pronto ad abdicare: Sempre più difficile svolgere i miei doveri

    Akihito parla alla televisione di Stato, non pronuncia mai il termine “dimissioni” ma spiega: “Sono anziano e i miei compiti sono pesanti, temo di non poterli più adempiere al meglio”. La popolazione lo sostiene, ma i giuristi ritengono “pericolosa” la possibilità di lasciare il trono del Crisantemo.



    24/01/2017 11:50:00 GIAPPONE
    Verso una legge speciale per autorizzare l’Imperatore ad abdicare

    L’ultima abdicazione nella storia del Paese è avvenuta più di 200 anni fa. Il desiderio dell’imperatore e il vuoto legislativo in materia. Le indicazioni della Commissione istituita per deliberare. Più del 90% dei giapponesi asseconda il desiderio dell’imperatore. Forse una nuova era imperiale nel 2018-2019 per il trono del crisantemo.





    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®