18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/02/2017, 12.11

    VATICANO-CINA

    Traffico di organi: Vaticano in difesa della Cina. Huang Jiefu: Non ho nessun compito diplomatico



    Critiche dei partecipanti al summit: la Cina nasconde il traffico di organi su prigionieri. Mons. Sanchez Morondo: Non lo sappiamo con certezza. Spingiamo verso il cambiamento. Huang è stato invitato in Vaticano per il suo essere “esperto nel settore” dei trapianti. Sospetti che la Santa Sede abbia voluto ingraziarsi Pechino per far procedere i dialoghi.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Al summit internazionale contro il traffico di organi in corso in Vaticano, il cancelliere della Pontificia Accademia delle scienze, mons. Marcelo Sanchez Sorondo, ha difeso la presenza della Cina all’incontro, criticata da attivisti e medici perché sospettata di permettere il commercio di organi da prigionieri condannati a morte.

    “In Cina stanno conducendo trapianti illegali di organi? Non possiamo dirlo con certezza” ha detto mons. Sanchez Sorondo. E ha aggiunto: “Ma noi vogliamo rafforzare il movimento per il cambiamento”.

    La risposta del vescovo ha cercato di calmare le acque alla discussione seguita al discorso di Huang Jiefu, ex vice-ministro della sanità e ora capo del Comitato nazionale per i trapianti e le donazioni di organi. Huang ha cercato di rassicurare la comunità medica internazionale che la Cina sta “riparando i suoi modi di fare”, dopo un passato di asportazione di organi dai prigionieri condannati a morte, senza nemmeno il loro consenso. Huang ha anche ricordato che nel 2015 con una legge, Pechino ha vietato il traffico di organi coi prigionieri.

    Molte associazioni mediche, membri del movimento spirituale Falun Gong e gruppi di attivisti accusano però la Cina di continuare dietro le quinte il lucroso traffico, indirizzato a locali e stranieri in cerca di un trapianto. Huang ha dichiarato di essere cosciente “delle speculazioni riguardo la mia partecipazione al summit” e ha espresso le sue “continue preoccupazioni” sul traffico di organi. Ma – come ha sottolineato anche l’altro membro della delegazione cinese, il dott. Haibo Wang - è impossibile avere pieno controllo su tutte le attività di trapianto che avvengono in Cina, dove esistono un milione di centri e tre milioni di dottori che operano nel settore.

    Esiste comunque nel Paese un mercato nero di organi che non è legato solo ai condannati a morte, ma al commercio per la sopravvivenza. Le cronache cinesi riportano spesso casi di genitori o giovani che offrono reni per curare i parenti o terminare gli studi.

    Diverse personalità presenti al summit hanno espresso la necessità che la Cina permetta inchieste indipendenti sulla situazione, con possibilità di intervistare in libertà le famiglie dei donatori. Ma altri hanno fatto notare che perfino l’Organizzazione mondiale della sanità non è totalmente indipendente nelle sue considerazioni sulla Cina.

    Il gruppo “Dottori contro il prelievo forzato di organi” ha dichiarato che la partecipazione della delegazione cinese alla conferenza ne compromette i risultati. Proprio lo scorso anno, la Coalizione internazionale contro il prelievo di organi in Cina (International Coalition to End Organ Pillaging in China) ha pubblicato un rapporto di oltre 600 pagine che mostra come lo stesso Partito comunista cinese sia dietro l’uccisione di prigionieri per carpire organi secondo le esigenze della “domanda di mercato”.

    Fra vari attivisti si esprime anche l’accusa che l’atteggiamento benevolo della Pontificia accademia delle scienze verso la Cina “dà un’aria di legittimità” a ciò che avviene nel Paese ed è un modo per il Vaticano di ingraziarsi Pechino e far procedere il dialogo con la Santa Sede. A questo proposito, lo steso Huang ha dichiarato al Global Times di non avere avuto alcuna delega diplomatica e che egli è stato invitato solo “in capacità di esperto nel campo” dei trapianti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/02/2017 09:02:00 CINA - VATICANO
    Ex ministro cinese parla oggi in Vaticano sul traffico di organi

    Una delegazione cinese partecipa a un summit a cura della Pontificia accademia delle scienze. Per molto tempo e con tante prove, la Cina è stata accusata di alimentare il traffico di organi prelevandoli dai corpi dei condannati a morte, senza nemmeno il loro permesso. Dal 2015 in Cina una legge ammette solo donazioni volontarie, ma le cifre fra donatori e trapianti sono squilibrate.



    07/02/2018 08:20:00 VATICANO-CINA
    Mons. Sanchez Sorondo: La Cina migliore realizzatrice della dottrina sociale della Chiesa

    Il cancelliere della Pontificia Accademia delle scienze, reduce da un viaggio a Pechino, esalta la Cina come un Paese dove il “bene comune” è il valore primario; dove “non ci sono baraccopoli”, né droga, dove si rispetta l’ambiente. Non come gli Stati Uniti di Donald Trump. “Molti punti di incontro” fra Cina e Vaticano.



    07/02/2018 10:33:00 VATICANO-CINA
    Mons. Sanchez Sorondo nel Paese delle meraviglie

    Il cancelliere della Pontificia Accademia delle scienze esalta la Cina come il luogo in cui si realizza meglio la dottrina sociale della Chiesa. Il vescovo sembra non vedere le baraccopoli di Pechino e Shanghai, la cacciata dei migranti, le oppressioni alla libertà religiosa. Apprezzamento per gli Accordi di Parigi sul clima, ma silenzio sui legami fra ricchezza, corruzione e inquinamento. Un approccio ideologico che fa ridere della Chiesa.



    26/08/2009 CINA
    Fiorisce il traffico di organi. Il governo cerca di regolarlo
    Il varo del sistema in 10 province e città, fra cui Shanghai. Le nuove regole dovrebbero fermare i traffici e le operazioni illegali, fermando i remunerativi trapianti per gli stranieri.

    20/04/2006 CINA
    In Cina gli organi per i trapianti sono presi senza consenso dai condannati a morte

    Un ente britannico denuncia un lucroso commercio che coinvolge medici e pubbliche autorità. C'è il timore che le condanne capitali siano eseguite quando c'è richiesta degli organi.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®