19/10/2005, 00.00
asia
Invia ad un amico

Tsunami, ancora abusi contro i diritti umani dei sopravvissuti

Uno studio pubblicato oggi da 3 Ong denuncia violenze sessuali ed arresti arbitrari nei confronti dei sopravvissuti all'onda del 26 dicembre. Incompetenti e corrotti i funzionari addetti alla ricostruzione. 

Los Angeles (AsiaNews/Agenzie) – I sopravvissuti allo tsunami dello scorso anno subiscono ancora gravi violazioni dei propri diritti umani, come violenze sessuali ed arresti arbitrari, mentre gli ufficiali governativi, corrotti o incompetenti, sprecano i fondi destinati alla ricostruzione.

Lo denuncia un rapporto pubblicato oggi dal Centro per i diritti umani di Berkeley, la California University ed il Centro East-West delle Hawaii, dopo un viaggio dei ricercatori dei centri in India, Indonesia, Sri Lanka, Thailandia e Maldive durante i mesi di marzo ed aprile.

"I gruppi colpiti dallo tsunami – denunciano gli autori - hanno visto peggiorare la loro già precaria situazione nel campo dei diritti umani". "I gruppi vulnerabili – si legge ancora – come donne, bambini e lavoratori migranti hanno subito o subiscono tuttora violenze sessuali o arresti arbitrari".

"I bambini che vivono nelle zone di conflitto militare – viene sottolineato - sono stati arruolati a forza nelle milizie locali ed in alcuni casi i governi hanno impedito di portare aiuti alle popolazioni che vivono nelle zone dove opera l'esercito".

La denuncia punta il dito anche contro la "diffusa ingiustizia" nella distribuzione degli aiuti dovuta a favoritismi, influenza politica, incompetenza o affiliazione a caste.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
"Ricostruire le persone", la vera sfida 6 mesi dopo lo tsunami
25/06/2005
Nias, dopo lo tsunami, si curano i "disagi mentali" dei sopravvissuti
22/12/2005
La ricostruzione avanza, ma resta la paura dello tsunami
21/12/2005
Sopravvissuti allo tsunami fuggono dai campi di soccorso allagati
09/11/2005
Tsunami, ultimo bilancio: 226 mila tra morti e dispersi
15/07/2005