17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/09/2017, 09.00

    TUNISIA-ISLAM

    Tunisi: le donne musulmane sono libere di sposare non musulmani



    Prima dovevano presentare un certificato che documentava la conversione all'islam del loro promesso sposo. La Tunisia all’avanguardia nei diritti umani: libertà di coscienza e maggiore tutela per le donne. 

    Tunisi (AsiaNews/Agenzie) – Le donne musulmane potranno sposarsi con uomini di diversa confessione religiosa. Lo ha annunciato ieri la porta-voce della presidenza tunisina, Said Garrach. “Tutti i testi legati all’interdizione dei matrimoni delle tunisine con uno straniero, ossia la circolare del 1973 e tutti i testi analoghi sono stati cancellati”, ha scritto su Facebook Garrach. E ha aggiunto: “Felicitazioni alle donne della Tunisia per la consacrazione del loro diritto alla libertà di scelta del proprio coniuge”.

    In precedenza, le promesse spose dovevano consegnare un certificato di conversione all’islam del futuro marito. Solo alcune sono riuscite a far riconoscere i loro matrimoni in assenza di tale documento, e solo al prezzo di una battaglia giuridica.

    La Tunisia si dimostra ancora una volta un Paese all’avanguardia nella tutela dei diritti umani. Fra i Paesi arabo-islamici, la sua costituzione è l’unica a garantire la libertà religiosa (art. 6) e di coscienza.

    Inoltre, ad agosto Tunisi ha approvato una legge contro la violenza di genere, con la quale viene anche abolita la possibilità degli stupratori di sfuggire alla giustizia qualora sposino le loro vittime. L’esempio è stato seguito da Giordania e Libano.

    Nella legge tunisina sussistono ancora norme discriminatorie, come quelle in materia di successione ereditaria che prevedono che la donna erediti la metà dei suoi fratelli. Ma rispetto a loro “sorelle” in Medio Oriente, esse godono di numerosi diritti: possono svolgere qualsiasi professione, hanno equi diritti in molte sfere e detengono metà dei posti di lavoro in legge e medicina. In più, la legge vieta la poligamia e permette alla donna di divorziare alla pari con gli uomini.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/10/2005 INDIA
    India: legale il matrimonio fra bambini. Chiesa e Ong: "Un attentato contro le donne"

    Leader cattolici ed attivisti per i diritti delle donne insorgono contro la sentenza dell'Alta Corte, "retrograda, oltraggiosa e molto pericolosa". Arcivescovo di Delhi: "La situazione delle donne continua a peggiorare".



    06/08/2010 MALAYSIA
    Malacca, matrimonio anche per ragazze sotto i 16 anni per coprire le baby-gravidanze
    Il governo vuole evitare il crescente abbandono dei neonati e aiutare le tante minorenni incinte. Ma nel Paese scoppia la polemica, anche per timore che sia così aperta la strada al fenomeno delle spose-bambine.

    20/02/2012 CINA - ONU
    L'Onu (e il Partito comunista cinese) hanno tradito le donne
    La questione femminile in Cina non è quella raccontata dalla propaganda: la liberazione maoista non c'è mai stato e le donne sono le prime vittime della repressione cinese. Ma davanti agli aborti forzati e alle sterilizzazioni, neanche le Nazioni Unite trovano il tempo o la voglia di condannare Pechino. L'analisi del grande dissidente.

    05/01/2004 afghanistan
    Firmata la nuova costituzione


    07/05/2014 MYANMAR
    Attivisti birmani: la legge contro matrimoni misti "attacca le donne e l’armonia religiosa"
    Un movimento formato da 97 gruppi, multietnico e multi-confessionale, boccia la proposta di riforma voluta da estremisti buddisti e sostenuta dal presidente. Essa limita la libertà femminile ed è scritta per ragioni di “interesse politico”. Dare priorità alla riforma della Costituzione e al processo di pace.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®