5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/12/2011
INDONESIA
Tutta l’Indonesia festeggia i 150 anni della chiesa protestante Batak
di Mathias Hariyadi
Alle celebrazioni hanno partecipato diverse delegazioni musulmane moderate. L’anniversario è iniziato lo scorso 4 dicembre con grande evento nel principale stadio di Jakarta. Presenti oltre 100mila persone, fra cui il presidente indonesiano Yudhoyono. Previste nelle prossime settimane feste e manifestazioni in diverse città del Paese.

Jakarta (AsiaNews) – Con celebrazioni in diverse città del Paese e una cerimonia da 100mila persone nel principale stadio di Jakarta, la Christian Protestant Batak Church (Hkbp) festeggia i suoi 150 anni. Alle manifestazioni, iniziate lo scorso 4 dicembre nella capitale, hanno partecipato il presidente Yudhoyono e diverse delegazioni musulmane, fra cui la Nahdlatul Ulama (NU), la più importante organizzazione islamica moderata dell’Indonesia.

Fondata nel 1821 a Labu Pining, (Sipirok, Central Tapanuli, North Sumatra) dai missionari protestanti europei Musson e Liman, l’Hkbp si è diffusa soprattutto fra gli indigeni Batak, di cui ha mantenuto usanze, lingua e costumi. La chiesa segue il rito protestante luterano e negli anni ha raccolto oltre 4,5 milioni di fedeli in tutto il Paese. Essa è famosa soprattutto per le sue celebrazioni che coinvolgono i fedeli con canti e balli tradizionali. I suoi leader sono detti “efori” e guidano la comunità dall’originaria sede di Pearaja situata nella foresta dell’altopiano Batak (North Sumatra).

Nonostante godano di popolarità e rispetto fra i musulmani moderati, le comunità dell’Hkbp hanno subito in questi anni diversi attacchi da parte degli estremisti islamici. Il più recente risale al primo agosto scorso, quando un gruppo di oltre 100 persone ha incendiato e profanato due chiese domestiche a Logas Tanah Darat, nella reggenza di Kuantan, provincia di Riau (Sumatra). Nel gennaio 2010, a Sibuhuan (distretto di Padang Lawas, North Sumatra), una folla di almeno 1000 persone ha bruciato altre due chiese domestiche, accusando la comunità cristiana di conversioni forzate e disturbo dell’ordine pubblico. Come accade per le altre minoranze religiose, l’Hkbo si vede spesso bloccare la costruzione di luoghi di culto e le funzioni organizzate nelle chiese domestiche. Nelle regioni dov’è più forte il radicalismo islamico, alcune comunità attendono da oltre 30 anni il permesso per poter celebrare messa.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/12/2010 INDONESIA
Java, cristiani vittime dell’estremismo islamico chiedono protezione al presidente Susilo
di Mathias Hariyadi
16/08/2010 INDONESIA
Jakarta, sit in dei cristiani protestanti di Bekasi davanti al Palazzo di Stato
di Mathias Hariyadi
07/09/2010 AFGHANISTAN
Petraeus: “Il rogo del Corano è inutile e pericoloso”
28/05/2012 INDONESIA
Cristiani indonesiani: Pentecoste davanti al Palazzo presidenziale, per la libertà religiosa
di Mathias Hariyadi
31/07/2010 INDONESIA
West Java, fedeli ahmadi nel mirino di estremisti islamici e governo locale
di Mathias Hariyadi

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate