19/11/2015, 00.00
CINA-ISLAM
Invia ad un amico

Uccisi un cinese e un norvegese, ostaggi “in vendita” dello Stato islamico

Si tratta di Fan Jinghui, 50 anni, consulente indipendente, e di Ole Johan Grimsgaard-Ofstad, 48 anni. In settembre erano stati messi “in vendita” sulle pagine del giornale Daqib. La condanna di Xi Jinping e del premier norvegese Erna Solberg.

Beijing (AsiaNews/Agenzie) – Un cinese di 50 anni, Fan Jinghui, e un norvegese di 48, Ole Johan Grimsgaard-Ofstad, sono stati giustiziati dallo Stato islamico. Lo annuncia il giornale dei miiziani, Daqib, che riporta le loro foto da vivi e da morti. I due sembrano essere stati uccisi con un’arma da fuoco.

Il giornale in edizione inglese spiega che essi sono stati “giustiziati dopo essere stati abbandonati dalle nazioni kafir [infedeli]”.

In precedenza, lo scorso settembre, foto dei due ostaggi erano state pubblicate con addosso un cartello “in vendita”, suggerendo il pagamento di un riscatto in cambio della liberazione.

Una richiesta così esplicita di riscatto in denaro non era mai stata espressa dallo SI.

Il presidente cinese Xi Jinping, a Manila per l’incontro Apec, ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna l’uccisione di Fan promette di “lottare contro ogni attacco di terrorismo violento che sfida la civiltà umana”. Xi ha anche inviato le sue condoglianze alla famiglia di Fan, un consulente indipendente con un ufficio di pubblicità nella zona ovest di Pechino.

Il premier norvegese Erna Solberg ha detto che “non vi sono scuse per il trattamento a cui il nostro connazionale è stato soggetto. Non si possono trovare né nella religione, né nell’ideologia. Questo è un atto spregevole e barbaro”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Siria, è cristiano uno dei due giapponesi rapiti dallo Stato islamico e minacciati di morte
21/01/2015
Etiopi cristiani decapitati, uccisi e filmati dallo Stato islamico
20/04/2015
Mosul, lo Stato islamico decapita un 15enne perché ascolta “musica occidentale”
19/02/2016 13:17
Quasi 2mila esecuzioni in meno di sei mesi: il bilancio dell'Esercito islamico
29/12/2014
Tokyo conferma la morte dell'ostaggio e prende tempo sullo scambio di prigionieri
26/01/2015