1 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/06/2012
COREA DEL SUD - VATICANO
Un bel film: Giovanni e Rugalda, martiri coreani e sposi vergini
di Bernardo Cervellera
L'avvincente storia di due giovani coreani del XVIII-XIX secolo che si amano in modo verginale e si sostengono fino al martirio. Il regista Kim Suhyeong: È un grazie a Dio per la fede donata ai coreani. Oggi vi sono missionari coreani in molti Paesi del mondo.

Città del Vaticano (AsiaNews) - L'ambasciata coreana presso la Santa Sede ha fatto un bel dono alla comunità cattolica italiana: ha promosso la proiezione di un film su una coppia di martiri coreani, Giovanni e Rugalda, che agli inizi dell'800 hanno entrambi subito il martirio. Il film ha un ritmo meditativo e drammatico, con momenti di poesia altissima e con una fotografia di alto livello. La proiezione è avvenuta nella sala Pio X, in via della Conciliazione, ma il film verrà anche diffuso dall'emittente cattolica Tv2000 questa sera, 25 giugno, alle 21.20. L'opera è prodotta in Corea dalla PBC (Pyeonghwa Broadcasting Corporation), legata alla Conferenza episcopale coreana.

Il titolo italiano ("Giovanni e Rugalda, due sposi vergini"), non fa giustizia al lavoro. A tema non è l'insegnamento della Chiesa sui rapporti prematrimoniali, ma la storia di due persone realmente esistite, che hanno vissuto la loro fede e la loro vocazione fino al martirio. Il film dimostra, se ce ne fosse bisogno, che la tradizione cristiana e le storie dei martiri hanno materiale a non finire per riempiere serie intere di fiction, senza inventarsi personaggi che rischiano spesso la banalità.

Soffermandosi sul gusto e le tradizioni dell'epoca (il XVIII - XIX secolo), il film narra la storia di Giovanni Yu Jung-cheol, 19 anni, e Rugalda Yi Sun-I, 16 anni. Entrambi provengono da due famiglie cristiane nobili e benestanti; entrambi, dopo il battesimo, decidono di volersi consacrare al Signore. Ma l'ambiente forgiato dalla tradizione confuciana non permette a giovani di famiglie ricche di non sposarsi e non avere figli. Così il primo sacerdote straniero (cinese), che li ha cresciuti nella fede, d'accordo coi genitori, fa compiere loro il gesto di sposarsi, pur mantenendo il patto di vivere "come fratello e sorella".

Con pulizia, ma anche drammaticità, l'opera mostra il dileggio che li circonda, come pure il travaglio dei due nelle "tentazioni" (documentate anche dalle lettere rimaste di Rugalda). Ma è soprattutto nella storia del loro martirio che il film ha i suoi vertici. Nel 1801 tutta la famiglia di Giovanni viene arrestata e condannata a morte. Il padre di Giovanni, Agostino, fra i primi convertiti coreani, viene squartato sulla pubblica piazza. Giovanni e Rugalda, arrestati in momenti diversi, riescono a inviarsi reciprocamente messaggi sostenendosi nelle sofferenze e nelle torture, nell'attesa di "vedersi in Paradiso".

Va notato che i due, insieme ad altri martiri coreani,  attendono dalla Congregazione per le cause dei santi, l'approvazione per la loro beatificazione.

Il regista Kim Suhyeong, presente alla proiezione, ha spiegato ad AsiaNews che la sua opera è ispirata al film "Mission" di Roland Joffé, ambientato in America Latina. Essa vuole essere un ringraziamento a Dio per il dono della fede alla Corea, nata 200 anni fa, senza la presenza di alcun missionario. Un altro ringraziamento è per la crescita del cristianesimo in un ambiente ostile. "Questi sposi presentati nel film - dice - sono due fra migliaia di fedeli che hanno dato la vita". E il terzo ringraziamento è per la Chiesa coreana: "Ora - conclude -  siamo cresciuti fino al punto da inviare missionari in molti altri Paesi del mondo. Tutta questa fede è nata e si è sviluppata dalla testimonianza dei martiri coreani".

Per maggiori informazioni su Giovanni Yu e Rugalda Yi, v.: AAVV, Sposi e Santi, Dieci profili di santità coniugale, Cantagalli, 2012.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/05/2012 COREA DEL SUD
Il nuovo arcivescovo di Seoul per il dialogo con il Nord e la difesa della vita
di Joseph Yun Li-sun
23/04/2010 COREA
Martiri coreani, “esempio perfetto ” dell’amore a Cristo e ai fratelli
23/03/2010 COREA DEL SUD
Corea, la Chiesa cresce vigorosa
di Theresa Kim Hwa-young
01/10/2013 COREA DEL SUD
Colomba Kang, la catechista dei martiri coreani
di Joseph Yun Li-sun
19/06/2013 COREA
Corea, una nuova cattedrale sul confine per riconciliare Seoul e Pyongyang
di Joseph Yun Li-sun

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate