28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/06/2012, 00.00

    COREA DEL SUD - VATICANO

    Un bel film: Giovanni e Rugalda, martiri coreani e sposi vergini

    Bernardo Cervellera

    L'avvincente storia di due giovani coreani del XVIII-XIX secolo che si amano in modo verginale e si sostengono fino al martirio. Il regista Kim Suhyeong: È un grazie a Dio per la fede donata ai coreani. Oggi vi sono missionari coreani in molti Paesi del mondo.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - L'ambasciata coreana presso la Santa Sede ha fatto un bel dono alla comunità cattolica italiana: ha promosso la proiezione di un film su una coppia di martiri coreani, Giovanni e Rugalda, che agli inizi dell'800 hanno entrambi subito il martirio. Il film ha un ritmo meditativo e drammatico, con momenti di poesia altissima e con una fotografia di alto livello. La proiezione è avvenuta nella sala Pio X, in via della Conciliazione, ma il film verrà anche diffuso dall'emittente cattolica Tv2000 questa sera, 25 giugno, alle 21.20. L'opera è prodotta in Corea dalla PBC (Pyeonghwa Broadcasting Corporation), legata alla Conferenza episcopale coreana.

    Il titolo italiano ("Giovanni e Rugalda, due sposi vergini"), non fa giustizia al lavoro. A tema non è l'insegnamento della Chiesa sui rapporti prematrimoniali, ma la storia di due persone realmente esistite, che hanno vissuto la loro fede e la loro vocazione fino al martirio. Il film dimostra, se ce ne fosse bisogno, che la tradizione cristiana e le storie dei martiri hanno materiale a non finire per riempiere serie intere di fiction, senza inventarsi personaggi che rischiano spesso la banalità.

    Soffermandosi sul gusto e le tradizioni dell'epoca (il XVIII - XIX secolo), il film narra la storia di Giovanni Yu Jung-cheol, 19 anni, e Rugalda Yi Sun-I, 16 anni. Entrambi provengono da due famiglie cristiane nobili e benestanti; entrambi, dopo il battesimo, decidono di volersi consacrare al Signore. Ma l'ambiente forgiato dalla tradizione confuciana non permette a giovani di famiglie ricche di non sposarsi e non avere figli. Così il primo sacerdote straniero (cinese), che li ha cresciuti nella fede, d'accordo coi genitori, fa compiere loro il gesto di sposarsi, pur mantenendo il patto di vivere "come fratello e sorella".

    Con pulizia, ma anche drammaticità, l'opera mostra il dileggio che li circonda, come pure il travaglio dei due nelle "tentazioni" (documentate anche dalle lettere rimaste di Rugalda). Ma è soprattutto nella storia del loro martirio che il film ha i suoi vertici. Nel 1801 tutta la famiglia di Giovanni viene arrestata e condannata a morte. Il padre di Giovanni, Agostino, fra i primi convertiti coreani, viene squartato sulla pubblica piazza. Giovanni e Rugalda, arrestati in momenti diversi, riescono a inviarsi reciprocamente messaggi sostenendosi nelle sofferenze e nelle torture, nell'attesa di "vedersi in Paradiso".

    Va notato che i due, insieme ad altri martiri coreani,  attendono dalla Congregazione per le cause dei santi, l'approvazione per la loro beatificazione.

    Il regista Kim Suhyeong, presente alla proiezione, ha spiegato ad AsiaNews che la sua opera è ispirata al film "Mission" di Roland Joffé, ambientato in America Latina. Essa vuole essere un ringraziamento a Dio per il dono della fede alla Corea, nata 200 anni fa, senza la presenza di alcun missionario. Un altro ringraziamento è per la crescita del cristianesimo in un ambiente ostile. "Questi sposi presentati nel film - dice - sono due fra migliaia di fedeli che hanno dato la vita". E il terzo ringraziamento è per la Chiesa coreana: "Ora - conclude -  siamo cresciuti fino al punto da inviare missionari in molti altri Paesi del mondo. Tutta questa fede è nata e si è sviluppata dalla testimonianza dei martiri coreani".

    Per maggiori informazioni su Giovanni Yu e Rugalda Yi, v.: AAVV, Sposi e Santi, Dieci profili di santità coniugale, Cantagalli, 2012.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/05/2012 COREA DEL SUD
    Il nuovo arcivescovo di Seoul per il dialogo con il Nord e la difesa della vita
    Il Papa ha nominato pastore della capitale coreana - e Amministratore apostolico di Pyongyang - mons. Andrea Yeom Soo-jung, da tempo impegnato nel confronto con la Corea del Nord e in prima fila nella battaglia con la secolarizzazione della società.

    23/04/2010 COREA
    Martiri coreani, “esempio perfetto ” dell’amore a Cristo e ai fratelli
    I vescovi coreani spingono i fedeli a conoscere la vita dei 103 martiri, canonizzati da Giovanni Paolo II e morti durante le persecuzioni anti-cristiane che hanno scosso il Paese per più di un secolo. Il loro sangue “ha fatto sbocciare i semi piantati da Dio in Corea”.

    23/03/2010 COREA DEL SUD
    Corea, la Chiesa cresce vigorosa
    Secondo i dati della Conferenza episcopale sudcoreana, i cattolici sono aumentati nel corso dell’ultimo anno: al momento, sono circa il 10% della popolazione. Crescono anche le vocazioni e l’interesse dei non cristiani nei confronti della Chiesa. Un docente di Scienze delle religioni: “Merito della virtù espressa dai fedeli”.

    01/10/2013 COREA DEL SUD
    Colomba Kang, la catechista dei martiri coreani
    Fra i fedeli martirizzati nel XIX secolo in Corea spicca la figura di una donna, Colomba Kang Wan-suk, che ha affrontato i rischi della persecuzione pur di aiutare la diffusione del Vangelo. Arrivando con fede incrollabile fino al martirio. AsiaNews presenta la vita e le opere di questi testimoni di Cristo in attesa di canonizzazione.

    19/06/2013 COREA
    Corea, una nuova cattedrale sul confine per riconciliare Seoul e Pyongyang
    La chiesa sarà inaugurata dal card. Cheong e dedicata al “perdono e all’espiazione”. All’interno mosaici che raffigurano i martiri cristiani, eseguiti da artisti del Nord. L’arcivescovo emerito di Seoul: “L’edificio rappresenta il desiderio di pace, unità e riconciliazione che anima il popolo coreano”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®