25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/07/2017, 15.21

    INDIA

    Un copyright per il sari bianco e blu di Madre Teresa

    Nirmala Carvalho

    Il marchio è stato registrato nel giorno della canonizzazione della “Madre dei poveri”. Le pratiche di registrazione erano iniziate nel 2013. L’abito è simbolo di pace e carità in tutto il mondo. “La croce, cucita sulla spalla sinistra, significa che Gesù sulla croce è la chiave del cuore delle Missionarie della Carità”.

    New Delhi (AsiaNews) – Il sari bianco con il bordo blu, abito delle suore di Madre Teresa, è ora un marchio registrato. La tipica veste indiana, che le Missionarie della Carità hanno adottato in ogni parte del mondo dal 1950, ha ottenuto il riconoscimento della “proprietà intellettuale” da parte della congregazione fondata dalla santa di Calcutta. Biswajit Sarkar, rappresentante legale, ha riferito che il “Trade Marks Registry del governo dell’India ha permesso la registrazione del copyright”.

    L’avvocato ha spiegato che le pratiche per il riconoscimento sono iniziate nel 2013. Dopo “un rigido esame delle procedure legali”, esso è stato accordato in concomitanza con la canonizzazione della “Madre dei poveri”, avvenuta il 4 settembre 2016 in Vaticano. Sarkar ha riportato che le Missionarie non amano “la pubblicità e per questo non avevano reso pubblica la notizia. Ma dal momento che stiamo assistendo ad un uso improprio e senza scrupoli [dell’abito] in molte parti del mondo, ora vogliamo far sapere alle persone che il marchio è registrato”.

    Sul sito internet della Congregazione appare la spiegazione dell’origine dell’abito. Suor Gertrude, la seconda suora ad un unirsi alle Missionarie, ha raccontato che Madre Teresa ha indossato il sari bianco e blu per la prima volta nel 1948 e con quell’abito “si è avventurata per le strade di Calcutta”. Dal 1950, esso è diventato elemento identificativo di tutte le consorelle ed è “riconosciuto come simbolo di pace e carità in tutto il mondo”.

    “La Madre – ha detto – ha selezionato il bordo blu, perché lo associamo al colore blu degli occhi di Maria. Esso significa purezza. Inoltre in quel periodo le donne che spazzavano le strade erano solite usare un sari simile. Perciò la Madre lo ha adottato come abito religioso che ha una doppia valenza, pratica e simbolica – esso non solo ci aiuta a identificarci con i poveri, ma è anche adatto al clima di Calcutta”. La suora continua nel riferire che quando nel 1958 “le Missionarie della Carità hanno aperto una casa per i lebbrosi [Gandhiji Prem Niwas , ndr] a Titagarh e hanno scoperto che tanti di loro non avevano un lavoro, esse hanno comprato un telaio e chiesto ai malati di confezionare i sari per le suore”. Da quel momento la tradizione ha preso avvio, e oggi la casa per i lebbrosi tesse circa 4mila sari all’anno, che distribuisce alle suore in tutto il mondo.

    Le strisce blu, ha continuato sr. Gertrude, “hanno un significato speciale. Il colore bianco del sari sta per verità e purezza, mentre le tre strisce blu simboleggiano i tre voti dell’ordine: il primo rappresenta la povertà, il secondo l’obbedienza e il terzo il voto di castità e di servizio sincero e libero ai più poveri tra i poveri. La croce, cucita sulla spalla sinistra, significa che Gesù sulla croce è la chiave del cuore delle Missionarie della Carità”. A differenza delle religiose consacrate, l’abito delle novizie non ha le strisce blu. Dopo i quattro anni di formazione, “sono pronte a ricevere il sari a strisce blu della Congregazione”. Nel segno della povertà, ogni suora possiede solo tre sari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/10/2003 INDIA
    Madre Teresa: Tutta l'India in festa


    06/09/2004 india
    Prima festa ufficiale per la beata Madre Teresa


    13/09/2016 14:50:00 INDIA
    Nagpur: una processione per Madre Teresa, “missionaria al 100%”

    Hanno partecipato migliaia di fedeli cattolici e rappresentanti delle comunità islamica e sikh. Presenti le massime autorità statali del Maharashtra e rappresentanti del governo di Delhi. La fiaccolata e la recita del Rosario; il messaggio di benedizione di papa Francesco.



    06/09/2016 08:53:00 INDIA
    Orissa, inaugurata “Santa Madre Teresa Road” (Foto)

    La nuova strada è stata presentata il giorno della canonizzazione della fondatrice delle Missionarie della Carità. Il chief minister ha reso il suo omaggio e ha ricordato che ha “scelto l’India come sua casa, per servire i poveri e gli afflitti”. Mons. Barwa: “È stata la donna del secolo”.



    04/03/2013 INDIA
    Studio canadese critica Madre Teresa. Medico di Mumbai: Volgare diffamazione
    Un gruppo di ricercatori accusa la fondatrice delle Missionarie della Carità di aver gestito una grande quantità di denaro e di “aver amato” la sofferenza dei malati, ma di non averla voluta alleviare. Il Vaticano avrebbe sfruttato la sua beatificazione per avvicinare i fedeli alla Chiesa. Membro della Pontificia accademia per la vita: “I suoi ostelli sono luoghi d’amore, nella sua forma più pura”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®